Il boia dei miti progressisti si chiama Coronavirus

di Eugenio Capozzi.

Da “abbraccia un cinese” e “Porti aperti” all’apologia della quarantena sotto uno Stato di polizia: possiamo già affermare che l’impatto traumatico dell’epidemia/pandemia da Coronavirus in Italia, come pure nel resto del continente europeo, non è confinabile alla sfera della salute pubblica, ma assume un evidente significato politico. Tra le altre cose, esso rappresenta evidentemente la fine di un’epoca nel rapporto tra la cultura politica del vecchio continente e i processi di globalizzazione: in cui l’Italia, che oggi è il paese più colpito dal virus, non a caso gioca un ruolo centrale.

La pandemia attuale può essere letta infatti anche come la “nemesi” dell’ideologia dominante nel nostro paese e in Europa nell’ultimo ventennio: un progressismo relativista/multiculturalista fondato sulla contrapposizione tra una globalizzazione “cattiva” e una “buona”: la prima caratterizzata dal “disciplinamento” operato dai grandi centri del potere economico-finanziario, la seconda caratterizzata da un felice “meticciato”, una fusione tra le diverse culture senza gerarchie prestabilite.

Questa visione è maturata essenzialmente, tra anni Novanta e anni Duemila, attraverso una sintesi tra la categoria foucaultiana di “biopotere” e alcuni filoni del liberalismo anglosassone e tedesco. I suoi riferimenti filosofici principali sono stati, oltre agli scritti di Negri e Hardt, da un lato opere come Immunitas di Roberto Esposito, sulla cui importanza ha richiamato l’attenzione recentemente in un articolo Corrado Ocone (2002) o Homo sacer di Giorgio Agamben (una serie di volumi pubblicati tra il 1995 e il 2014), dall’altro scritti come La cittadinanza multiculturale di Will Kymlika (1995) o Che cos’è la globalizzazione (1997) di Ulrich Beck, combinati a riletture semplicistiche dell’idea popperiana di “società aperta“.

La varia convergenza tra quelle due visioni del mondo produce, nel mainstream della sinistra europea, il passaggio dal sentimento “no global” prevalente nei tardi anni Novanta – imperniata sull’opposizione al “McWorld” (dal titolo del libro del 1995 di Benjamin Barber Jihad vs McWorld) in nome delle culture minacciate dal dominio del mercato – e la repentina rivalutazione della globalizzazione maturata nei decenni successivi, quando essa sarebbe stata interpretata essenzialmente come superamento dell’egemonia occidentale e avvento del multiculturalismo.

Il progressismo relativista post-moderno comincia, infatti, ad associare l’emergere delle economie asiatiche e le ondate migratorie provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente in un unico grande processo di “contaminazione”: inteso, in senso positivo, come “caduta dei muri”, rottura dell’isolamento “immunitario” del “primo mondo” e dei suoi privilegi, provvidenziale catarsi da disuguaglianze e discriminazioni attraverso l’educazione ad una sana convivenza interculturale e all’accettazione della diversità.

La grande recessione del 2008 ha intaccato queste sicurezze dogmatiche, producendo una nuova spinta antiglobalista: che però è stata ben presto pressoché monopolizzata dalle nuove destre sovraniste e nazional-conservatrici. La cultura politica di sinistra si è così ulteriormente arroccato nell’identificazione tra progresso e modernità “liquida” del mondo “no borders”, dipinto con toni sempre più panglossiani come infinito serbatoio di opportunità e prosperità. Fino agli “aperitivi solidali” e alle sottovalutazioni irresponsabili delle sue classi dirigenti che hanno contribuito significativamente ad aprire le porte al contagio da Covid-19.

Eugenio Capozzi, professore ordinario di Storia contemporanea, è Consigliere Scientifico del Centro Studi Machiavelli.

Fonte: Centro Studi Machiavelli

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Un governo di salute pubblica? Ad avercelo

      di Marcello Veneziani. A questo punto ci vorrebbe davvero un governo di Salute Pubblica. L’espressione è assai pertinente sul piano lessicale ma altrettanto inquietante sul piano storico. Perché il primo e più famoso governo di Salute Pubblica fu varato dai giacobini di Robespierre nell’aprile del 1793 e fu Terrore dopo la Rivoluzione di quattro anni prima. Leggi il seguito…

    • Ordine naturale ed economia: le storture del capitalismo. Intervista al prof. Danilo Castellano

      di Matteo Orlando. “Non si tratta di «lanciare» un’economia «cattolica». Si tratta di riconsiderare in profondità la natura e il fine dell’economia. In altre parole va «rilanciata» un’economia umana. La dottrina cattolica può concorrere egregiamente allo scopo. Non penso solo al Magistero della Chiesa a questo proposito e  ai grandi pensatori cattolici del passato. Anche nell’epoca contemporanea ci sono autori cattolici che hanno offerto (e possono offrire) utili riflessioni sul tema dell’economia”. Leggi il seguito…

    • Promossi per decreto

      di Giuseppina Coali. Lasciano sgomenti le dichiarazioni rilasciate, anche in previsione del prossimo Decreto sulla scuola, in merito al futuro dell’anno scolastico. Per noi tutti: da genitori, di figli-studenti di ogni ordine e grado, e soprattutto da insegnanti. Che cosa è accaduto? Leggi il seguito…

    • La Lumachella della Vanagloria

      di Marcello Veneziani. “Stiamo scrivendo una pagina di Storia” ha detto al mondo qualche giorno fa Gius Conte in un delirio di onnipotenza. Non ce l’ho fatta più a trattenermi dall’insultarlo pesantemente davanti alla tv. Mi ero promesso di sospendere ogni critica e ogni attacco al governo in queste condizioni d’emergenza e ho mantenuto per tutto il terribile mese di marzo. Pensavo che anche il peggior governo in un momento come questo è comunque alla guida del tuo paese e bisogna stringersi a coorte, come canta l’inno degli italiani. Quando un paese è in ginocchio e vive un momento tremendo, bisogna restare uniti o perlomeno evitare polemiche. Ho ingoiato come voi tanti rospi in queste settimane, mi sono frenato la lingua e le dita per carità di patria davanti a troppe assurdità, troppi grossolani errori e disfunzioni, troppi tele-show governativi sul nulla, troppi vaniloqui di incompetenti, incapaci e presuntuosi al potere. Ma poi, con quella frase ho sbroccato, non ce l’ho fatta più, perché era il culmine di un atteggiamento tronfio, insopportabile: affrontare la crisi guardando a se stessi e al proprio successo. Un paese sta soffrendo e tu stai pensando che passerai alla storia perché ti sei trovato lì, per puro caso, a Palazzo Chigi, in un momento così drammatico… Leggi il seguito…