Trasmissione a Radio Maria: Il Coordinamento nazionale “JUSTITIA ET PAX” per la Dottrina Sociale della Chiesa

“La Dottrina sociale della Chiesa, oggi”
trasmissione a cura dell’Osservatorio Internazionale “Card. Van Thuan”

Radio Maria, Sabato 15 febbraio 2020, dalle 21.00 alle 22.30

argomento della trasmissione:

Il Coordinamento nazionale “JUSTITIA ET PAX” per la Dottrina Sociale della Chiesa

Parte introduttiva:

ore 21.00-21.10 – Saluti iniziali, presentazione della trasmissione e degli ospiti (Fabio Trevisan – Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân)

Parte approfondimento, ospiti:

ore 21.10 – 21.25 – Don Marco Begato, SDB (Amicizia San Benedetto Brixia – Brescia)

ore 21.25 – 21.40 – Lorenza Perfori (Libertà e Persona – Trento)

ore 21.40 – 21.55 – Dott. Giuseppe Grana (Centro Culturale Il Faro – Modena)

ore 21.55 – 22.00 – Pausa musicale

ore 22.00 – 22.25 – Domande radioascoltatori

*****************

“Il Coordinamento Nazionale “Justitia et Pax” per la Dottrina sociale della Chiesa”: puntata dell’Osservatorio a Radio Maria

 Si parlerà della rete collaborativa di associazioni, movimenti, fondazioni e circoli culturali operanti per la diffusione della Dottrina sociale della Chiesa, nella prossima trasmissione in onda sabato 15 febbraio.

La prossima puntata della trasmissione “La Dottrina sociale della Chiesa oggi”, curata dall’Osservatorio ogni terzo sabato del mese su Radio Maria, sarà dedicata alla presentazione del Coordinamento Nazionale “Justitia et Pax” per la Dottrina sociale della Chiesa”.

Questo sabato, dunque, 15 febbraio, dalle ore 21.00 alle 22.30, tratterranno dell’argomento Don Marco Begato, SDB, dell’Amicizia San Benedetto Brixia, Lorenza Perfori, dell’Associazione “Libertà e Persona” di Trento e il Dott. Giuseppe Grana, Presidente del Centro Culturale “Il Faro” di Modena.

Si parlerà delle attività nei campi dell’informazione, della formazione, della ricerca culturale e dell’organizzazione di eventi pubblici su tematiche inerenti la Dottrina sociale della Chiesa.

L’intento è sempre quello di affrontare i temi cari al Magistero della Chiesa, approfondendo la riflessione sull’annuncio di Cristo nelle realtà temporali e del ruolo pubblico della fede cattolica.

La trasmissione, nel presentare il Coordinamento Nazionale “Justitia et Pax” per la Dottrina sociale della Chiesa, rifletterà sulle attività e sulla natura relazionale del Coordinamento stesso, per mostrare quindi quanto i cardini della DSC siano in stretto contatto con le sollecitazioni del mondo contemporaneo e quanto sia indispensabile ritornare alla loro comprensione, oggi.

Il conduttore Fabio Trevisan illustrerà, con l’ausilio dei graditi ospiti, le ragioni e le finalità che hanno portato all’adesione di tanti gruppi, associazioni, circoli culturali al Coordinamento Nazionale, anche attraverso interviste e domande.

L’appuntamento è quindi per sabato prossimo, con la possibilità da parte degli ascoltatori d’intervenire in diretta, a partire dalle ore 22, telefonando al numero della redazione di Radio Maria: 031/610.610.

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…