Si può fare

L’esperienza di Si può fareLiberi civici trentini, nasce da un’ esigenza avvertita da molte persone: costruire un contenitore diverso da quelli già esistenti. Perchè diverso?

I motivi sono tanti, e affondano, per alcuni di noi, nell’incontro con Rodolfo Borga, compianto politico trentino che ripeteva spesso: “oggi destra e sinistra non esistono più, i termini della questione sono cambiati”.

Sì, non siamo più nel Novecento, benchè la contrapposizione politica tra i due blocchi cerchi di farlo credere. Ogni giorno assistiamo a risse invereconde, in cui tornano sempre i medesimi schemi e i medesimi clichè: c’è sempre qualcuno che dà all’altro del “fascista”, spesso con ben poca serietà, e qualcuno che tira in ballo avvenimenti che furono, per usarli strumentalmente.

Anche le giornate per la memoria, appena vissute, servono non tanto a ricordare davvero, ma per rinfacciare a Tizio i morti causati dalla “sua” fazione e a Caio quelli causati dai presunti antenati della parte avversa.

La strumentalizzazione della storia, volta al fine di delegittimare l’altro, è solo uno dei tanti esempi possibili di un dibattito politico costantemente avvelenato, caotico, rissoso, e fuori tempo. Che appare, a nostro avviso, anche eccessivamente personalizzato e sovradimensionato.

Ancora pochi decenni orsono vi erano le grandi ideologie, e uomini che le servivano, più o meno bene: oggi dominano leader solitari che fanno e disfano, circondati da corti spesso imbarazzanti e da delfini scoloriti, ma non meno onnivori (il caso di Angelino Alfano è, al riguardo, esemplare)

Assistiamo così all’ascesa imperiosa di personaggi come Matteo Renzi, che prendono il potere in un grande partito, lo trasformano in una sorta di proprietà privata, monopolizzano per alcuni anni il dibattito pubblico su se stessi, per poi sprofondare, non senza aver prima cercato di trascinare con sè i vecchi compagni e di accapparrarsi nel contempo più poltrone possibili.

Se la politica è l’arte del bene comune, se nasce da una desiderio di contribuire al bene della polis e non soltanto all’affermazione di una fazione o di una persona, allora è logico che ci sia chi fatica a stare negli schemi dominanti, e preferisce uscirne, tentando di proporre una visione alternativa.

Una visione che, nel nostro caso, non manca certo di radici, ma che nello stesso tempo vuole cercare di essere risposta concreta, senza promesse improbabili, ad alcune esigenze reali  della gente e della città.

Si può fare è un’associazione ispirata da principi “non negoziabili” (il valore della persona umana, che Antonio Rosmini definiva “il diritto sussistente”, quello della famiglia, l’autonomismo trentino…) che costituiscono il retroterra ideale di persone che sentono in questo momento, non senza un po’ di timore e tremore, il dovere di esserci, per una città bellissima, con una grande tradizione storica, ma da tempo bloccata e “stanca”.

Francesco Agnoli, Segretario di Si può fare

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Un governo di salute pubblica? Ad avercelo

      di Marcello Veneziani. A questo punto ci vorrebbe davvero un governo di Salute Pubblica. L’espressione è assai pertinente sul piano lessicale ma altrettanto inquietante sul piano storico. Perché il primo e più famoso governo di Salute Pubblica fu varato dai giacobini di Robespierre nell’aprile del 1793 e fu Terrore dopo la Rivoluzione di quattro anni prima. Leggi il seguito…

    • Ordine naturale ed economia: le storture del capitalismo. Intervista al prof. Danilo Castellano

      di Matteo Orlando. “Non si tratta di «lanciare» un’economia «cattolica». Si tratta di riconsiderare in profondità la natura e il fine dell’economia. In altre parole va «rilanciata» un’economia umana. La dottrina cattolica può concorrere egregiamente allo scopo. Non penso solo al Magistero della Chiesa a questo proposito e  ai grandi pensatori cattolici del passato. Anche nell’epoca contemporanea ci sono autori cattolici che hanno offerto (e possono offrire) utili riflessioni sul tema dell’economia”. Leggi il seguito…

    • Promossi per decreto

      di Giuseppina Coali. Lasciano sgomenti le dichiarazioni rilasciate, anche in previsione del prossimo Decreto sulla scuola, in merito al futuro dell’anno scolastico. Per noi tutti: da genitori, di figli-studenti di ogni ordine e grado, e soprattutto da insegnanti. Che cosa è accaduto? Leggi il seguito…

    • La Lumachella della Vanagloria

      di Marcello Veneziani. “Stiamo scrivendo una pagina di Storia” ha detto al mondo qualche giorno fa Gius Conte in un delirio di onnipotenza. Non ce l’ho fatta più a trattenermi dall’insultarlo pesantemente davanti alla tv. Mi ero promesso di sospendere ogni critica e ogni attacco al governo in queste condizioni d’emergenza e ho mantenuto per tutto il terribile mese di marzo. Pensavo che anche il peggior governo in un momento come questo è comunque alla guida del tuo paese e bisogna stringersi a coorte, come canta l’inno degli italiani. Quando un paese è in ginocchio e vive un momento tremendo, bisogna restare uniti o perlomeno evitare polemiche. Ho ingoiato come voi tanti rospi in queste settimane, mi sono frenato la lingua e le dita per carità di patria davanti a troppe assurdità, troppi grossolani errori e disfunzioni, troppi tele-show governativi sul nulla, troppi vaniloqui di incompetenti, incapaci e presuntuosi al potere. Ma poi, con quella frase ho sbroccato, non ce l’ho fatta più, perché era il culmine di un atteggiamento tronfio, insopportabile: affrontare la crisi guardando a se stessi e al proprio successo. Un paese sta soffrendo e tu stai pensando che passerai alla storia perché ti sei trovato lì, per puro caso, a Palazzo Chigi, in un momento così drammatico… Leggi il seguito…