Si può fare

L’esperienza di Si può fareLiberi civici trentini, nasce da un’ esigenza avvertita da molte persone: costruire un contenitore diverso da quelli già esistenti. Perchè diverso?

I motivi sono tanti, e affondano, per alcuni di noi, nell’incontro con Rodolfo Borga, compianto politico trentino che ripeteva spesso: “oggi destra e sinistra non esistono più, i termini della questione sono cambiati”.

Sì, non siamo più nel Novecento, benchè la contrapposizione politica tra i due blocchi cerchi di farlo credere. Ogni giorno assistiamo a risse invereconde, in cui tornano sempre i medesimi schemi e i medesimi clichè: c’è sempre qualcuno che dà all’altro del “fascista”, spesso con ben poca serietà, e qualcuno che tira in ballo avvenimenti che furono, per usarli strumentalmente.

Anche le giornate per la memoria, appena vissute, servono non tanto a ricordare davvero, ma per rinfacciare a Tizio i morti causati dalla “sua” fazione e a Caio quelli causati dai presunti antenati della parte avversa.

La strumentalizzazione della storia, volta al fine di delegittimare l’altro, è solo uno dei tanti esempi possibili di un dibattito politico costantemente avvelenato, caotico, rissoso, e fuori tempo. Che appare, a nostro avviso, anche eccessivamente personalizzato e sovradimensionato.

Ancora pochi decenni orsono vi erano le grandi ideologie, e uomini che le servivano, più o meno bene: oggi dominano leader solitari che fanno e disfano, circondati da corti spesso imbarazzanti e da delfini scoloriti, ma non meno onnivori (il caso di Angelino Alfano è, al riguardo, esemplare)

Assistiamo così all’ascesa imperiosa di personaggi come Matteo Renzi, che prendono il potere in un grande partito, lo trasformano in una sorta di proprietà privata, monopolizzano per alcuni anni il dibattito pubblico su se stessi, per poi sprofondare, non senza aver prima cercato di trascinare con sè i vecchi compagni e di accapparrarsi nel contempo più poltrone possibili.

Se la politica è l’arte del bene comune, se nasce da una desiderio di contribuire al bene della polis e non soltanto all’affermazione di una fazione o di una persona, allora è logico che ci sia chi fatica a stare negli schemi dominanti, e preferisce uscirne, tentando di proporre una visione alternativa.

Una visione che, nel nostro caso, non manca certo di radici, ma che nello stesso tempo vuole cercare di essere risposta concreta, senza promesse improbabili, ad alcune esigenze reali  della gente e della città.

Si può fare è un’associazione ispirata da principi “non negoziabili” (il valore della persona umana, che Antonio Rosmini definiva “il diritto sussistente”, quello della famiglia, l’autonomismo trentino…) che costituiscono il retroterra ideale di persone che sentono in questo momento, non senza un po’ di timore e tremore, il dovere di esserci, per una città bellissima, con una grande tradizione storica, ma da tempo bloccata e “stanca”.

Francesco Agnoli, Segretario di Si può fare

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I compiti del governo Draghi e gli obblighi di chi lo ha voluto

      di Gaetano Quagliariello. La vicenda dei sottosegretari segna una battuta d’arresto per il governo Draghi. Per i modi con i quali si è pervenuti alla lista. E, ancor di più, per i nomi che la lista contiene. In principio era il governo “dei migliori”. Poi si è trasformato nel governo “dei comuni mortali”. Chi può faccia qualcosa per evitare l’avvento del governo “degli zombie”. Leggi il seguito…

    • Quando il magistero non è magistero? Uno spunto francese

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog ci si è già occupati del problema se e quando le affermazioni del magistero riguardanti la Dottrina sociale della Chiesa siano vincolanti per il credente ed esigano obbedienza. Con papa Francesco questo è ormai diventato un enorme problema. A tornare sull’argomento è ora la rivista francese Liberté Politique con il fascicolo n. 87 dal titolo “Parole et autorité dans l’Église”. Leggi il seguito…

    • La Cina a caccia dei porti dell’Adriatico. Ma Rijeka (Fiume) dice no

      di Vladimir Kosic. Ciò che né gli Stati Uniti d’America e né l’Unione Europea vogliono è che si ripeta quanto accaduto con il porto del Pireo e con la “Via della seta” (Sea&Belt Initiative) in cui è coinvolta l’autorità portuale di Trieste all’interno del disegno cinese che coinvolge non solo il nostro paese ma l’Europa intera. Il primo, sfacciato, risultato è stato segnato con l’ingresso/possesso del porto del Pireo, ormai completamente nelle mani di Pechino. Con l’accordo sottoscritto tra Xi Jinping e Kyriakos Mītsotakīs, premier greco, la Grecia è diventata l’ingresso della Cina in Europa ottenendo in cambio pochi spiccioli Leggi il seguito…

    • L’anno che ci invecchiò di colpo

      di Marcello Veneziani. Come riassumere in una sola immagine, in un solo pensiero, quasi in un’epigrafe storica per i posteri il senso dell’anno trascorso sotto la pandemia? In sintesi: fu l’anno che ci invecchiò di colpo. Nell’arco che va da marzo scorso a oggi, siamo invecchiati tutti più in fretta; donne, vecchi e bambini, giovani e adulti, in ogni parte del mondo. Abbiamo vissuto un anno da vecchi, con una mezza tregua estiva. Stando reclusi in casa, vivendo da pensionati, da cagionevoli, da convalescenti, distanti da tutti, isolati dagli altri, al riparo dal mondo; abbiamo curato la nostra sopravvivenza vivendo meno, non lavorando, non uscendo, non viaggiando, non rischiando. Leggi il seguito…