Repubblica scopre le famiglie dopo averle disprezzate

di Andrea Zambrano.

Repubblica scopre le culle vuote dopo aver disprezzato le famiglie italiane scese in piazza a Verona e a San Giovanni. E intervista il ministro Bonetti col suo Family act. Che sarà un flop: perché servono interventi strutturali e non mance da due miliardi. Ma soprattutto comprendere che la causa delle culle vuote sono divorzio, aborto e cultura contraccettiva, che hanno ucciso la speranza di fare figli

Non è vero che «nessuno vede il vero virus che dobbiamo affrontare cioè la denatalità» come con spocchiosa saccenteria Massimo Giannini ci diceva ieri su Repubblica. Qualcuno c’è, invece, ma Rep non l’ho ha mai voluto vedere. C’era un popolo che aveva visto il virus e che in questi anni ha condotto la battaglia nel deserto ed è il popolo delle famiglie che sono scese orgogliosamente in piazza al Circo Massimo, a San Giovanni e Verona e che Repubblica ha umiliato in tutti i modi in buon compagnia con molti altri media, partiti politici e militanti di Sinistra. Le hanno calpestate con quello sprezzante “famiglie cattoliche tradizionali”. Il fatto è che non erano e non sono tradizionali, erano e sono solo naturali, perché le tradizioni possono cambiare. Ma la natura no.

E sono scese in piazza in questi anni per dire che un Paese che non fa figli è un Paese destinato a morire. Cosa di cui adesso anche Giannini sembra accorgersi pensando di essere il primo ad aver scoperto l’acqua da quando ieri non è stato svegliato dal monito – tiepidino per la verità – del presidente della Repubblica.

Famiglia dunque, bene. E finalmente. Solo che non basta lagnarsi dell’assenza di politiche famigliari ad ogni rapporto Istat. Bisogna parlarne tutti i santi giorni e agire subito, ma il Palazzo, quello che Repubblica ieri ha intervistato, non ha la più pallida idea di che cosa serva per invertire la rotta.

Il piano della ministra della Famiglia Elena Bonetti chiamato pomposamente Family Act, non solo è insufficiente, ma sconta il solito vizio della logica assistenzialista con la quale sono state fatte le politiche famigliari in tutti questi anni: qualche mancetta a chi secondo certi parametri è considerato povero e zero vere riduzioni fiscali a chi povero lo è davvero, come le famiglie numerose.

Anche la trovata, per la verità introdotta dalla Lega, merito che va riconosciuto al ministro di allora della Famiglia Lorenzo Fontana, dell’assegno unico può essere un aiuto. Ma se l’assegno finisce per essere solo una riorganizzazione e una razionalizzazione della jungla attuale di detrazioni, bonus e incentivi vari, non servirà a nulla. Sarà solo una scatola che cambierà di cassetto. Sono troppo pochi i due miliardi messi dalla Bonetti, il ministro dell’Economia Gualtieri non ne vuole sganciare di più, ma anche se fossero il doppio non sarebbero sufficienti dato che non è di politiche assistenziali che la famiglia ha bisogno, ma di una riforma strutturale completa, che parta dalla riorganizzazione fiscale. Non è possibile infatti che un padre di famiglia che guadagna 2500 euro sia tassato come un ricco. Se ne stupiva Aldo Cazzullo sul Corsera l’altro giorno, ma sembra che in pochi a palazzo abbiano capito l’antifona.

Sennò non si spiegherebbe perché la ministra debba continuare a inquadrare l’assegno unico con la solita logica decrescente attuata fino ad ora. Si continuerà a tenere conto primariamente del reddito, considerando i figli a carico come elemento conseguente e non primario. Questo è quanto succede anche oggi. Il Family Act resterà un pannicello caldo che consentirà a qualcuno di acquisire meriti presso un certo mondo, ma farà sprofondare le famiglie sempre più.

Bisognerebbe poi non solo chiedersi come riempire le culle con interventi economici portanti, ma domandarsi perché si sono svuotate. Ma ci toccherebbe scomodare e ricordare il dramma dell’aborto che ha spopolato un Paese intero, l’inganno del divorzio che ha annientato la famiglia e la cultura contraccettiva che ha abbassato il tasso di fertilità.

Senza dimenticare la facilità con la quale oggi chiunque ragioni in termini di famiglia e non di individuo singolo venga declassato come cittadino di serie B. A Sanremo, chi ha lodato la fidanzata di Valentino Rossi per il fatto di “stare appena un passo indietro” del suo più famoso fidanzato è stato massacrato, perché queste sono le logiche delle famiglie – direbbe Rep – tradizionali. Quelle, tanto per stare all’articolo di Giannini di ieri che «resistono al cambiamento dei ruoli di genere». Come se la crisi demografica si risolvesse con mamma che va al lavoro e papà che sta a casa. Bene allora, provate a riempirle così le culle, se ci riuscite. Il fatto è che non si fanno figli perché tutti questi “diritti” hanno ucciso il senso di responsabilità e spento ogni desiderio di guardare la vita con speranza. Che serve mettere su famiglia se poi il divorzio e l’aborto sono considerati l’approdo di libertà più elevato della nostra società?

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…