Le dolorose testimonianze dei figli cresciuti con genitori lgbt (6 VIDEO con sottotitoli in italiano)

Le testimonianze di Denise Shick, Rivka Edelman, Robert Oscar Lopez, Katy Faust e Dawn Stefanowicz, tutti cresciuti con genitori lgbt. Le video interviste sono tratte da “Il matrimonio è il nostro futuro” dello studio legale statunitense Alliance defending freedom, che nel 2015 li ha aiutati a presentare le loro memorie alla Corte suprema, in opposizione alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Denise Shick, figlia di un transessuale, spiega gli effetti devastanti della cultura LGBT sui bambini

Nel 2015 Denise Shick ha scritto una memoria alla Corte suprema in opposizione alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, raccontando la sua dolorosa esperienza di figlia di un transessuale. Denise è la fondatrice e direttrice dell’associazione Help4families, che aiuta chiunque abbia un parente transessuale. È autrice di vari libri, tra cui “My daddy secret” e “When Daddy Leaves to Be a Girl”.

Rivka Edelman, figlia di una lesbica, spiega perché ai bambini servono entrambi i genitori

Rivka Edelman è lo pseudonimo di una professoressa universitaria di letteratura inglese che nel 2015 ha scritto una memoria alla Corte suprema in opposizione alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, raccontando la sua esperienza di figlia di una lesbica e quelle di altri figli di omosessuali che ha conosciuto. È stata dirigente dell’International Children’s Rights Institute e coautrice del libro “Jephthah’s Daughters: Innocent Casualties in the War for Family Equality”. A causa della sua presa di posizione contro i matrimoni omosessuali è stata vittima di una campagna di insulti, calunnie, minacce e violazioni della privacy da parte di alcune associazioni LGBT.

Bobby Lopez, cresciuto da due lesbiche, difende il diritto dei bimbi a crescere con i genitori biologici

Robert Oscar Lopez, detto Bobby, racconta come essere stato allevato da una madre lesbica e dalla sua compagna gli ha fatto capire che i bambini hanno bisogno di crescere con entrambi i genitori biologici e che nessuna matrigna e nessun patrigno, per quanto affettuosi e ben disposti, possono mai sostituire uno di loro. A causa della sua presa di posizione contro i matrimoni omosessuali Lopez è stato vittima di una campagna di insulti, calunnie, minacce, attacchi hacker e violazioni della privacy da parte di alcune associazioni LGBT e per questo è stato costretto a dimettersi da professore di letteratura inglese alla California State University-Northridge. È stato presidente dell’International Children’s Rights Institute e coautore del libro “Jephthah’s Daughters: Innocent Casualties in the War for Family Equality”.

Katy Faust, cresciuta da due lesbiche: “Non si devono privare i bambini dei genitori biologici”

Katy Faust racconta come essere stata allevata da una madre lesbica e dalla sua compagna le ha fatto capire che i bambini hanno bisogno di crescere con entrambi i genitori biologici e che nessuna matrigna e nessun patrigno, per quanto affettuosi e ben disposti, possono mai sostituire uno di loro. Nel 2017 Katy ha aperto il sito “Them before us” (loro prima di noi), che permette a persone obbligate a crescere senza uno o entrambi i propri genitori biologici di raccontare le storie che i media e i politici si rifiutano di ascoltare.

Denise, Katy, Bobby, Dawn e Rivka: “Perché noi figli di omosessuali ci opponiamo ai matrimoni gay”

Lo studio legale Alliance defending freedom, con sedi negli USA e in Europa, è specializzato nella difesa della libertà religiosa e di espressione. Nel 2015 ha aiutato sei adulti cresciuti da un genitore biologico omosessuale a presentare alla Corte suprema delle memorie in opposizione alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Cinque di loro (Katy Faust, Robert Oscar Lopez, Rivka Edelman, Denise Shick e Dawn Stefanowicz) hanno preso parte a questa serie di videointerviste prodotte dallo studio intitolata “Il matrimonio è il nostro futuro”.

Figli di omosessuali si oppongono ai matrimoni gay: “Ridefinire la famiglia nuoce ai bambini”

Altre immagini tratte da “Il matrimonio è il nostro futuro”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…