Invece di pensare alle “Sardine”, la politica si occupi dell’inverno demografico italiano

di Angelica Stramazzi.

L’Italia sta morendo. A certificarlo è l’Istat, l’Istituto Nazionale di Statistica che, in una recente indagine, snocciola dei dati a dir poco inquietanti. Stando infatti alle cifre diffuse, per il quinto anno consecutivo diminuisce il numero di chi risiede nel nostro Paese: al 1 gennaio 2020, i residenti totali sono pari a 60 milioni 317mila, 116mila in meno su base annua rispetto a precedenti rilevazioni effettuate dallo stesso Istituto. Semplificando, per ogni 100 residenti che muoiono ne nascono appena 67, per non parlare poi degli italiani emigrati all’estero che nel 2019 sono stati circa 120mila, il 2 per cento in più rispetto all’anno precedente. Insomma, una vera e propria decimazione, stando ai dati sopra elencati. Tuttavia, da tempo il Paese soffre la piaga del calo demografico e, a fronte di ciò, raramente si sono messe in atto serie politiche in grado di invertire questa triste tendenza.

Basti pensare alle critiche che si sono scagliate, durante l’esperienza del governo giallo-verde, sull’ormai ex ministro della Famiglia Fontana, reo solamente di aver cercato di riporre attenzione su una realtà – quella familiare appunto – da troppi ignorata. Per non parlare poi dell’attuale leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che, in ogni circostanza, vede nella demografia un aspetto su cui è doveroso investire.

Perché, a ben vedere, relativamente a ciò che si sta trattando, l’Italia risulta essere un Paese a due velocità, dove il Nord è il più produttivo in quanto a prole rispetto al Centro e al tanto vituperato Mezzogiorno. Lo sviluppo demografico più importante, rileva infatti l’Istat, è quello delle province autonome di Bolzano e Trento, con tassi di variazione pari a +5 e +3,6 per mille. Il Centro cresce in misura inferiore (-2,2 per mille), mentre la maglia nera spetta al Mezzogiorno che registra un decremento pari al -6,3 per mille. Commentando questi dati, il Presidente della Repubblica Mattarella ha affermato che “il numero delle famiglie in Italia è diminuito considerevolmente. Questo significa che il tessuto del nostro Paese si indebolisce e va assunta un’iniziativa per contrastare questo fenomeno. L’Italia non è fatta dalle Istituzioni ma dai suoi cittadini, dalle persone che vi vivono”. Non resta dunque che sperare, a fronte di quanto evidenziato dall’Istat, che le politiche a sostegno della famiglia e della natalità si intensifichino, affinché nel Paese maturi la piena consapevolezza del potenziale che abbiamo. Si tratta di una sfida importante, epocale, una sfida che coinvolge una pluralità di soggetti e che, beninteso, nessuno si può permettere di perdere.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…