Invece di pensare alle “Sardine”, la politica si occupi dell’inverno demografico italiano

di Angelica Stramazzi.

L’Italia sta morendo. A certificarlo è l’Istat, l’Istituto Nazionale di Statistica che, in una recente indagine, snocciola dei dati a dir poco inquietanti. Stando infatti alle cifre diffuse, per il quinto anno consecutivo diminuisce il numero di chi risiede nel nostro Paese: al 1 gennaio 2020, i residenti totali sono pari a 60 milioni 317mila, 116mila in meno su base annua rispetto a precedenti rilevazioni effettuate dallo stesso Istituto. Semplificando, per ogni 100 residenti che muoiono ne nascono appena 67, per non parlare poi degli italiani emigrati all’estero che nel 2019 sono stati circa 120mila, il 2 per cento in più rispetto all’anno precedente. Insomma, una vera e propria decimazione, stando ai dati sopra elencati. Tuttavia, da tempo il Paese soffre la piaga del calo demografico e, a fronte di ciò, raramente si sono messe in atto serie politiche in grado di invertire questa triste tendenza.

Basti pensare alle critiche che si sono scagliate, durante l’esperienza del governo giallo-verde, sull’ormai ex ministro della Famiglia Fontana, reo solamente di aver cercato di riporre attenzione su una realtà – quella familiare appunto – da troppi ignorata. Per non parlare poi dell’attuale leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che, in ogni circostanza, vede nella demografia un aspetto su cui è doveroso investire.

Perché, a ben vedere, relativamente a ciò che si sta trattando, l’Italia risulta essere un Paese a due velocità, dove il Nord è il più produttivo in quanto a prole rispetto al Centro e al tanto vituperato Mezzogiorno. Lo sviluppo demografico più importante, rileva infatti l’Istat, è quello delle province autonome di Bolzano e Trento, con tassi di variazione pari a +5 e +3,6 per mille. Il Centro cresce in misura inferiore (-2,2 per mille), mentre la maglia nera spetta al Mezzogiorno che registra un decremento pari al -6,3 per mille. Commentando questi dati, il Presidente della Repubblica Mattarella ha affermato che “il numero delle famiglie in Italia è diminuito considerevolmente. Questo significa che il tessuto del nostro Paese si indebolisce e va assunta un’iniziativa per contrastare questo fenomeno. L’Italia non è fatta dalle Istituzioni ma dai suoi cittadini, dalle persone che vi vivono”. Non resta dunque che sperare, a fronte di quanto evidenziato dall’Istat, che le politiche a sostegno della famiglia e della natalità si intensifichino, affinché nel Paese maturi la piena consapevolezza del potenziale che abbiamo. Si tratta di una sfida importante, epocale, una sfida che coinvolge una pluralità di soggetti e che, beninteso, nessuno si può permettere di perdere.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • “Ridurre gli stipendi ai Parlamentari? Si, sulla base del loro reddito precedente!”. Parla Giovanardi

      di Giuseppe Leonelli. “La proposta dei 5 Stelle Di Maio e Crimi di dimezzare lo stipendio dei parlamentari per tutta la durata della legislatura è un segnale forte al Paese che va però equamente emendato”. A parlare è l’ex Ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi. Leggi il seguito…

    • Orban, la Costituzione ungherese e la dittatura dell’ignoranza

      di Bilbo Baggins. Forte della straordinaria autorevolezza politica e morale che le deriva dalla splendida, solidale, lungimirante ed empatica gestione della crisi pandemica in atto, l’Unione europea mette sotto osservazione il disegno di legge con il quale il premier ungherese Orban propone al Parlamento ungherese l’approvazione dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 53 della vigente costituzione. Leggi il seguito…

    • In guerra i governi si cambiano

      Questa emergenza si combatte su tre fronti. Due assai più visibili: quello sanitario e quello economico. L’altro più mimetizzato: quello istituzionale. Chi conosce la storia, però, sa che quest’ultimo non va né sottovalutato né perso di vista. Alla fine ti presenta il conto e se non lo si presidia a dovere è su quella trincea che si determinano le perdite più gravi in termini di democrazia e soprattutto di legalità. Leggi il seguito…

    • Globalizzazione, un magistero da ripensare

      di Stefano Fontana. Quanto sta accadendo a causa del coronavirus costringe a ripensare il tema della gflobalizzazione, anche per quel che riguarda il magistero. Se Giovanni Paolo II e Benedetto XVi erano prudenti, l'attuale pontefice si è molto lanciato nel globalismo. Ma il prossimo dovrà rivedere tutto il dossier. Ecco come. Leggi il seguito…