Dal 2020 la “vita a punti” diventa realtà in Cina

Nel 2013 in Italia entra in vigore la Patente a punti, un sistema che sanziona le infrazioni togliendo punti dalla nostra patente di guida. Si parte da un tesoretto di 20 punti che aumentano di due ogni due anni trascorsi senza infrazioni che li facciano perdere. Con gravi infrazioni al codice della strada I punti si perdono.

L’anno successivo, in Cina, parte la sperimentazione della “vita a punti”, un Sistema di Credito Sociale che entra in vigore definitivamente da quest’anno: anche qui ogni cittadino ha un bonus di partenza ancora non ben definito e che può crescere o diminuire in base al tipo di comportamento. Questo comportamento viene seguito dal sistema di telecamere e di riconoscimento facciale (la Cina è all’avanguardia in questo campo), dai dati delle carte di credito (per controllare anche gli acquisti), da quelli forniti dalle banche, e così via.

Se doni il sangue e fai del volontariato i tuoi punti cresceranno come pure se ti comporti secondo i dettami del partito. Anche il comportamento sui social, che sono controllati dal Governo, può influenzare il Sistema e non solo di chi commette queste violazioni, ma anche se queste violazioni sono commesse da amici. Occhio a mettere Mi Piace!

Criticare il Governo, non fare visita ai genitori, passare col rosso sulle strisce pedonali, tre cose abbastanza comuni, almeno da noi, fanno perdere punti e se si scende nel rating si va incontro a punizioni come non avere accesso al credito o alle assicurazioni. Un nuovo totalitarismo digitale che si affianca a quello del regime comunista cinese: anche Orwell rabbrividirebbe.

Il suo Grande Fratello ha trovato gli strumenti elettronici perfetti e il romanzo distopico si sta realizzando. Entro il 2021 tutti gli abitanti di Pechino saranno classificati col sistema a punti e il sistema si espanderà in tutto il paese. Sarà impossibile sfuggire al controllo del partito e chi scende nel rating entra in una lista nera trovando difficoltà anche ad acquistare biglietti ferroviari od aerei. Se qualcuno, nel mondo occidentale, parla di violazione della privacy basta che cerchi il significato di questa parola oltre la Grande muraglia: isolamento, nascondimento. Non ha proprio un significato positivo, come se qualcuno volesse tenere nascosto qualche cosa. E in Cina tutto ciò che ha aria di segretezza è sospetto.

Andrea Bartelloni

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…