Dal 2020 la “vita a punti” diventa realtà in Cina

Nel 2013 in Italia entra in vigore la Patente a punti, un sistema che sanziona le infrazioni togliendo punti dalla nostra patente di guida. Si parte da un tesoretto di 20 punti che aumentano di due ogni due anni trascorsi senza infrazioni che li facciano perdere. Con gravi infrazioni al codice della strada I punti si perdono.

L’anno successivo, in Cina, parte la sperimentazione della “vita a punti”, un Sistema di Credito Sociale che entra in vigore definitivamente da quest’anno: anche qui ogni cittadino ha un bonus di partenza ancora non ben definito e che può crescere o diminuire in base al tipo di comportamento. Questo comportamento viene seguito dal sistema di telecamere e di riconoscimento facciale (la Cina è all’avanguardia in questo campo), dai dati delle carte di credito (per controllare anche gli acquisti), da quelli forniti dalle banche, e così via.

Se doni il sangue e fai del volontariato i tuoi punti cresceranno come pure se ti comporti secondo i dettami del partito. Anche il comportamento sui social, che sono controllati dal Governo, può influenzare il Sistema e non solo di chi commette queste violazioni, ma anche se queste violazioni sono commesse da amici. Occhio a mettere Mi Piace!

Criticare il Governo, non fare visita ai genitori, passare col rosso sulle strisce pedonali, tre cose abbastanza comuni, almeno da noi, fanno perdere punti e se si scende nel rating si va incontro a punizioni come non avere accesso al credito o alle assicurazioni. Un nuovo totalitarismo digitale che si affianca a quello del regime comunista cinese: anche Orwell rabbrividirebbe.

Il suo Grande Fratello ha trovato gli strumenti elettronici perfetti e il romanzo distopico si sta realizzando. Entro il 2021 tutti gli abitanti di Pechino saranno classificati col sistema a punti e il sistema si espanderà in tutto il paese. Sarà impossibile sfuggire al controllo del partito e chi scende nel rating entra in una lista nera trovando difficoltà anche ad acquistare biglietti ferroviari od aerei. Se qualcuno, nel mondo occidentale, parla di violazione della privacy basta che cerchi il significato di questa parola oltre la Grande muraglia: isolamento, nascondimento. Non ha proprio un significato positivo, come se qualcuno volesse tenere nascosto qualche cosa. E in Cina tutto ciò che ha aria di segretezza è sospetto.

Andrea Bartelloni

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • “Ridurre gli stipendi ai Parlamentari? Si, sulla base del loro reddito precedente!”. Parla Giovanardi

      di Giuseppe Leonelli. “La proposta dei 5 Stelle Di Maio e Crimi di dimezzare lo stipendio dei parlamentari per tutta la durata della legislatura è un segnale forte al Paese che va però equamente emendato”. A parlare è l’ex Ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi. Leggi il seguito…

    • Orban, la Costituzione ungherese e la dittatura dell’ignoranza

      di Bilbo Baggins. Forte della straordinaria autorevolezza politica e morale che le deriva dalla splendida, solidale, lungimirante ed empatica gestione della crisi pandemica in atto, l’Unione europea mette sotto osservazione il disegno di legge con il quale il premier ungherese Orban propone al Parlamento ungherese l’approvazione dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 53 della vigente costituzione. Leggi il seguito…

    • In guerra i governi si cambiano

      Questa emergenza si combatte su tre fronti. Due assai più visibili: quello sanitario e quello economico. L’altro più mimetizzato: quello istituzionale. Chi conosce la storia, però, sa che quest’ultimo non va né sottovalutato né perso di vista. Alla fine ti presenta il conto e se non lo si presidia a dovere è su quella trincea che si determinano le perdite più gravi in termini di democrazia e soprattutto di legalità. Leggi il seguito…

    • Globalizzazione, un magistero da ripensare

      di Stefano Fontana. Quanto sta accadendo a causa del coronavirus costringe a ripensare il tema della gflobalizzazione, anche per quel che riguarda il magistero. Se Giovanni Paolo II e Benedetto XVi erano prudenti, l'attuale pontefice si è molto lanciato nel globalismo. Ma il prossimo dovrà rivedere tutto il dossier. Ecco come. Leggi il seguito…