Dal 2020 la “vita a punti” diventa realtà in Cina

Nel 2013 in Italia entra in vigore la Patente a punti, un sistema che sanziona le infrazioni togliendo punti dalla nostra patente di guida. Si parte da un tesoretto di 20 punti che aumentano di due ogni due anni trascorsi senza infrazioni che li facciano perdere. Con gravi infrazioni al codice della strada I punti si perdono.

L’anno successivo, in Cina, parte la sperimentazione della “vita a punti”, un Sistema di Credito Sociale che entra in vigore definitivamente da quest’anno: anche qui ogni cittadino ha un bonus di partenza ancora non ben definito e che può crescere o diminuire in base al tipo di comportamento. Questo comportamento viene seguito dal sistema di telecamere e di riconoscimento facciale (la Cina è all’avanguardia in questo campo), dai dati delle carte di credito (per controllare anche gli acquisti), da quelli forniti dalle banche, e così via.

Se doni il sangue e fai del volontariato i tuoi punti cresceranno come pure se ti comporti secondo i dettami del partito. Anche il comportamento sui social, che sono controllati dal Governo, può influenzare il Sistema e non solo di chi commette queste violazioni, ma anche se queste violazioni sono commesse da amici. Occhio a mettere Mi Piace!

Criticare il Governo, non fare visita ai genitori, passare col rosso sulle strisce pedonali, tre cose abbastanza comuni, almeno da noi, fanno perdere punti e se si scende nel rating si va incontro a punizioni come non avere accesso al credito o alle assicurazioni. Un nuovo totalitarismo digitale che si affianca a quello del regime comunista cinese: anche Orwell rabbrividirebbe.

Il suo Grande Fratello ha trovato gli strumenti elettronici perfetti e il romanzo distopico si sta realizzando. Entro il 2021 tutti gli abitanti di Pechino saranno classificati col sistema a punti e il sistema si espanderà in tutto il paese. Sarà impossibile sfuggire al controllo del partito e chi scende nel rating entra in una lista nera trovando difficoltà anche ad acquistare biglietti ferroviari od aerei. Se qualcuno, nel mondo occidentale, parla di violazione della privacy basta che cerchi il significato di questa parola oltre la Grande muraglia: isolamento, nascondimento. Non ha proprio un significato positivo, come se qualcuno volesse tenere nascosto qualche cosa. E in Cina tutto ciò che ha aria di segretezza è sospetto.

Andrea Bartelloni

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…