Così l’Ungheria è diventata un modello da seguire

di Davide Venanzi.

Nell’Ungheria di Orban il numero di matrimoni, dopo aver raggiunto il livello più basso nel 2010, ha registrato una tendenza al rialzo negli ultimi anni; sono quasi 62.000 i matrimoni registrati nel corso del 2019. Se esiste una speranza di salvezza per l’Europa, questa proviene senza dubbio dall’Est. Qui, grazie a politiche volte a garantire una maggiore autonomia dal punto di vista economico e sociale per i giovani e per le famiglie, vengono combattute quelle ideologie – ormai dominanti nella parte Occidentale dell’Europa – che minacciano lo spirito democratico

****************

Nei giorni scorsi, in Svizzera, è stata dato il via libera alla legge contro l’omofobia. Infatti, gli elvetici, chiamati ad esprimersi mediante un referendum, hanno approvato con una maggioranza all’incirca del 63% la nuova legge contro le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale. Per essere più precisi è opportuno guardare i dati, relativi ai voti, riportati dalla rivista dell’associazione Pro Vita e Famiglia: i voti a favore della nuova norma sono stati 1.413.609, mentre i contro sono stati 827.361 (36,9%). Questi ultimi, in particolare, sono risultati più consistenti nelle zone rurali della Svizzera centrale e orientale; viceversa i più alti tassi di approvazione della norma di stampo LGBT si sono riscontrati nelle aree più urbane, replicando così il noto dualismo tra città e campagna, da anni sotto l’esame dei politologi, come dimostra l’esito dello storico referendum del 2016, che ha sancito la Brexit.

Entrando nello specifico della normativa approvata, una prima obiezione dei contrari attiene al rischio di censura e di limitazione della libertà di espressione e di coscienza, che la nuova norma potrebbe comportare. Il nodo della questione è sempre lo stesso: affermare e difendere il primato della famiglia naturale è catalogabile come un atto “omofobo” o è, più semplicemente, un’opinione personale, condivisibile o meno?

Una seconda problematica, di non scarsa rilevanza, è quella che riguarda una disparità che verrebbe a crearsi non solo tra persone con tendenze omosessuali e persone eterosessuali, ma anche tra le stesse minoranze sociali. Questo aspetto, in particolare, sottolinea la criticità di qualsiasi legislazione a favore delle minoranze sessuali. Difatti, per quale ragione dovrebbe essere meno grave – e quindi meno sanzionabile – prendersela con una persona omosessuale, anziché, ad esempio, con un diversamente abile, ad esempio?

Interessanti, oltre ai dati, sono gli studi di Mark Regnerus, presenti sempre nella rivista dell’associazione Pro Vita e Famiglia. Il sociologo ha smontato la teoria in base alla quale le leggi pro LGBT avrebbero effetti benefici sulla comunità omosessuale, perché, secondo i suoi studi, si tratterebbe solo di presunti benefici, che «da anni sono viziati da dati deboli, piccoli campioni e conclusioni politicizzate». A sostegno di ciò, esiste anche una ricerca realizzata da D. Mark Anderson dell’università del Montana, Kyutaro Matsuzawa e Joseph J. Sabia dell’Ateneo di San Diego – ricerca basata sui dati di 32 dei 35 Stati Usa che tra il 2004 e il 2015, per via legislativa o giudiziaria, avevano introdotto forme di tutela alle unioni gay – che ha portato i suoi autori alla conclusione che non esistono prove del fatto che la legalizzazione delle unioni gay abbia ridotto il bullismo tra i giovani che si identificano come LGBT.

Comunque, la Svizzera sembra essersi piegata alle logiche del politically correct, è, ancora una volta, l’Ungheria di Orban il baluardo della difesa dei valori tradizionali all’interno dell’Unione Europea. Questo al netto del fatto che, politicamente, la Svizzera non può considerarsi Europa. Come scrive ansa.it in Ungheria il numero di matrimoni, dopo aver raggiunto il livello più basso nel 2010, ha registrato una tendenza al rialzo negli ultimi anni; sono quasi 62.000 i matrimoni registrati nel corso del 2019. Secondo i medesimi dati l’età media al momento del primo matrimonio è di 32,8 anni per gli uomini e i 30,1 anni per le donne.

Pertanto, se esiste una speranza di salvezza per l’Europa, questa proviene senza dubbio dall’Est. Qui, grazie a politiche volte a garantire una maggiore autonomia dal punto di vista economico e sociale per i giovani e per le famiglie, vengono combattute quelle ideologie – ormai dominanti nella parte Occidentale dell’Europa – che minacciano lo spirito democratico.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…