Come la superficialità sul coronavirus lo ha reso un caso di emergenza nazionale

di Vanessa Combattelli.

Le carte in gioco sono cambiate: il coronavirus non è più solo un problema di altri, ma è diventato anche il nostro.
E’ successo ciò che in realtà non sorprende, la prevedibilità del contagio era conosciuta e le misure intraprese non sufficienti, questo lo avevano capito un po’ tutti, forse meno coloro che hanno usato un caso di emergenza internazionale come argomento sociale per contrastare il razzismo.
Il coronavirus è un fatto scientifico, medico, economico e sociale, lo capiremo meglio nel corso delle prossime settimane poiché i risvolti pratici già si estendono sotto più campi e settori, andando a modificare de facto anche la vita quotidiana dei cittadini delle metropoli e dei comuni colpiti.

Non è un terremoto, non è una disgrazia geograficamente circoscritta, non si tratta neanche di un ponte che crolla né di un attentato terroristico, ed è forse proprio l’inesattezza, il mancato perimetro emergenziale, a spaventare e generare ancora più allarmismo.
Succede, insomma, quello che abbiamo visto in quei tanti film dispotici, perché la componente fantasma, quella che caratterizza tipicamente virus di questa natura, non può fare a meno di non generare uno stato di apprensione che coinvolge chiunque.
Purtroppo qui non esistono barriere: chiunque sia stati infettato può farlo con altri, in un mondo dove tutti prendiamo la metropolitana, gli aerei e i treni, è estremamente difficile sapere con chiarezza se non si è almeno incrociato un contagiato.

Il focolaio che si è esteso nel Nord Italia ne è diretta dimostrazione: primi casi di italiani ammalati senza essere stati in Cina, già due morti nel padovano, e ancora tanto perbenismo da parte di coloro che avrebbero dovuto prendere delle contromisure molto tempo prima.
I risvolti che il coronavirus avrà sono ancora indecifrabili ma già possiamo immaginare quanto l’impatto sarà pesante sotto molto più punti di vista, pensiamo solo al settore manifatturiero e al tipo di politiche che andranno a configurarsi sia in Cina che nel resto dei paesi occidentali.
Bisogna però prendere atto dell’eccessiva superficialità portata avanti dai diversi responsabili governativi e regionali, perché nel mentre gli esperti segnalavano la pericolosità della diffusione (vedasi il virologo Roberto Burioni), questi continuavano ciecamente a brontolare di razzismo e ristoranti cinesi chiusi.

Insomma, il problema principale non era capire come bloccare l’ulteriore diffusione del virus, ma darsi un tono per non passare come paese xenofobo e razzista, quando non è difficile comprendere che di discriminatorio in tutto questo non c’era assolutamente nulla.
Come si svilupperà il caso è ancora difficile da prevedere, ma dobbiamo purtroppo aspettarci altri contagi, il perché è comprensibile: con controlli attivati e precauzioni prese, è molto probabile vi siano ancora altre persone venute in contatto con gli infetti da dover controllare.
L’allarmismo non è necessario, ma bocciamo qualsiasi tipo di giustificazione e leggerezza relativa al virus, perché non c’è nulla di più stolto oggi che ascoltare coloro che traducono la morte in folle discriminazione razziale.

fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Un governo di salute pubblica? Ad avercelo

      di Marcello Veneziani. A questo punto ci vorrebbe davvero un governo di Salute Pubblica. L’espressione è assai pertinente sul piano lessicale ma altrettanto inquietante sul piano storico. Perché il primo e più famoso governo di Salute Pubblica fu varato dai giacobini di Robespierre nell’aprile del 1793 e fu Terrore dopo la Rivoluzione di quattro anni prima. Leggi il seguito…

    • Ordine naturale ed economia: le storture del capitalismo. Intervista al prof. Danilo Castellano

      di Matteo Orlando. “Non si tratta di «lanciare» un’economia «cattolica». Si tratta di riconsiderare in profondità la natura e il fine dell’economia. In altre parole va «rilanciata» un’economia umana. La dottrina cattolica può concorrere egregiamente allo scopo. Non penso solo al Magistero della Chiesa a questo proposito e  ai grandi pensatori cattolici del passato. Anche nell’epoca contemporanea ci sono autori cattolici che hanno offerto (e possono offrire) utili riflessioni sul tema dell’economia”. Leggi il seguito…

    • Promossi per decreto

      di Giuseppina Coali. Lasciano sgomenti le dichiarazioni rilasciate, anche in previsione del prossimo Decreto sulla scuola, in merito al futuro dell’anno scolastico. Per noi tutti: da genitori, di figli-studenti di ogni ordine e grado, e soprattutto da insegnanti. Che cosa è accaduto? Leggi il seguito…

    • La Lumachella della Vanagloria

      di Marcello Veneziani. “Stiamo scrivendo una pagina di Storia” ha detto al mondo qualche giorno fa Gius Conte in un delirio di onnipotenza. Non ce l’ho fatta più a trattenermi dall’insultarlo pesantemente davanti alla tv. Mi ero promesso di sospendere ogni critica e ogni attacco al governo in queste condizioni d’emergenza e ho mantenuto per tutto il terribile mese di marzo. Pensavo che anche il peggior governo in un momento come questo è comunque alla guida del tuo paese e bisogna stringersi a coorte, come canta l’inno degli italiani. Quando un paese è in ginocchio e vive un momento tremendo, bisogna restare uniti o perlomeno evitare polemiche. Ho ingoiato come voi tanti rospi in queste settimane, mi sono frenato la lingua e le dita per carità di patria davanti a troppe assurdità, troppi grossolani errori e disfunzioni, troppi tele-show governativi sul nulla, troppi vaniloqui di incompetenti, incapaci e presuntuosi al potere. Ma poi, con quella frase ho sbroccato, non ce l’ho fatta più, perché era il culmine di un atteggiamento tronfio, insopportabile: affrontare la crisi guardando a se stessi e al proprio successo. Un paese sta soffrendo e tu stai pensando che passerai alla storia perché ti sei trovato lì, per puro caso, a Palazzo Chigi, in un momento così drammatico… Leggi il seguito…