Müller: chi tocca il celibato distrugge la Chiesa

di Riccardo Cascioli.

In un nuovo saggio il cardinale Müller difende Benedetto XVI dagli attacchi per il caso del libro scritto con il card. Sarah. Non c’è nessun antagonismo con il Papa regnante, ma il desiderio di  un legittimo contributo alla verità. Quanto al celibato sacerdotale, Müller sta con Benedetto XVI e il cardinale Sarah: «La penuria di sacerdoti (in numeri come nella qualità) in paesi occidentali un tempo cristiani non è dovuta ad una penuria di chiamate da parte di Dio, quanto invece da una mancanza delle nostre vite nei confronti del Vangelo di Gesù Cristo».

«Il contributo di Benedetto XVI al libro del Cardinale Sarah può essere screditato come un atto di opposizione a Papa Francesco soltanto da quanti scambiano la Chiesa di Dio per una organizzazione ideologico-politica». Ciò non toglie che «i cattolici credenti mantengono la ben ponderata posizione secondo cui, invece dell’ateista Scalfari – che né crede in Dio né è in grado di comprendere il “mistero della santa Chiesa”, Benedetto (Joseph Ratzinger) sarebbe un consigliere infinitamente più competente per il Vicario di Cristo, Successore di Pietro e Pastore della Chiesa universale».

È tornato a farsi sentire il cardinale Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, quando ancora le polemiche sul libro scritto dal cardinale Robert Sarah con Benedetto XVI non sono sopite e nell’imminenza della pubblicazione dell’Esortazione apostolica post Sinodo dell’Amazzonia. Lo fa con un breve saggio (di cui pubblichiamo la traduzione italiana)  titolato “Avversari o fratelli nello spirito? Sul rapporto tra Papa Francesco e Benedetto XVI”.

Questione cruciale sia del libro sia dell’esortazione è il celibato sacerdotale: difeso a spada tratta da Sarah e Ratzinger, aperto a sperimentazioni ed eccezioni contrarie (secondo le indiscrezioni) Francesco. Il cardinale Müller sposa esplicitamente le tesi di Ratzinger e Sarah sul celibato, ma nello stesso tempo nega l’antagonismo tra papa Benedetto e Francesco, «un tentativo mediatico di creare confusione». E al rapporto tra Papa regnante e Papa emerito, Müller dedica la prima parte del suo saggio. Di Papa ce n’è uno solo, chiarisce Müller: «Un ex Papa ancora in vita è fraternamente unito a tutti i vescovi e si trova sotto l’autorità magisteriale e giurisdizionale del Papa regnante. Ciò tuttavia non esclude affatto che la sua parola abbia ancora un grande peso nella Chiesa a motivo della sua competenza teologica e spirituale così come per la sua esperienza di governo, tanto in qualità di vescovo che come Papa».

Müller denuncia la concezione politica che si ha della Chiesa con conseguente distorsione del rapporto non solo tra il Papa regnante e papa emerito ma anche tra papa Francesco e i vescovi. E a fomentare divisioni c’è «l’idea di un fronte popolare costituito da credenti e non-credenti» che «viene propagata contro quelli che Scalfari stesso identifica come nemici ed avversari tra le fila di cardinali, vescovi e cattolici “conservatori di destra”. In ciò trova spiriti affini provenienti dalla cerchia di quanti si autoproclamano parte di una “guardia bergogliana”. Questa rete di populisti di sinistra mossa da mero desiderio di potere perverte la potestas plena del Papa in una potestas illimitata et absoluta».

Vale a dire che si trasforma il Papa in tiranno: «Tutto ciò che il Papa vuole è buono e vero e non – come dovrebbe essere – il Papa cerca ciò che è buono e vero».

Quindi il cardinale Müller passa al tema del celibato sacerdotale, e si scaglia contro ogni tentativo di allentare l’obbligo del celibato: «Una netta abolizione del celibato sacerdotale secondo il modello delle comunità protestanti ed anglicane del XVI secolo costituirebbe un’offesa contro la natura del sacerdozio ed un atto di spregio all’intera Tradizione cattolica. Chi vuole assumersi la responsabilità dinanzi a Dio ed alla Sua santa Chiesa delle conseguenze disastrose per la spiritualità e la teologia concernenti il sacerdozio cattolico?».

Milioni di sacerdoti, poi, sin dalla fondazione della Chiesa, si sentirebbero intimamente feriti dinanzi alla spiegazione che il loro sacrificio esistenziale per il Regno di Dio e la Chiesa fosse basato unicamente su di una disciplina giuridica esteriore che non avrebbe niente a che fare con il sacerdozio ed il modello di vita del celibato per il Regno dei Cieli. La penuria di sacerdoti (in numeri come nella qualità) in paesi occidentali un tempo cristiani non è dovuta ad una penuria di chiamate da parte di Dio, quanto invece da una mancanza delle nostre vite nei confronti del Vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio e Salvatore del mondo intero».

Inoltre, «non stiamo sperimentando solo una discussione sul celibato, ma anche una battaglia accanita contro di esso e perciò stesso contro il sacerdozio sacramentale. I riformatori protestanti del XVI secolo ritenevano l’ufficio ecclesiastico essere una semplice funzione religiosa all’interno della comunità cristiana, e con ciò lo hanno derubato del carattere sacramentale. Se la consacrazione sacerdotale non equivale più ad una uniformazione interiore a Cristo, il Maestro divino, il buon Pastore e Sommo Sacerdote della Nuova Alleanza, allora viene anche meno la comprensione per l’intima connessione con il celibato radicato nel Vangelo per il Regno di Dio (Mt 19,12; 1Cor 7,32)».

Non bisogna poi dimenticare il valore che il celibato in sé ha come testimonianza viva di un Dio in una società secolarizzata: «Nella presente dittatura del relativismo l’enfasi su di un’autorità sacramentale derivante da una superiore autorità divina viene percepita come una sete clericale di potere ed il modello di vita celibe come un’accusa pubblica alla visione che riduce la sessualità ad un’egoistica acquisizione di piacere. Il celibato sacerdotale appare come l’ultimo bastione di un orientamento radicalmente trascendente dell’uomo e della speranza in un mondo futuro nell’aldilà, che però sarebbe, secondo i principii ateistici, una pericolosa illusione».

IL DOCUMENTO INTEGRALE (in italiano)

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…