Le elezioni in Emilia Romagna e una candidata assente sui valori

di Pino Morandini

Non mi stupisce la vittoria del Presidente uscente in Emilia – Romagna: sia perché comunque quella Regione non è stata governata male (penso alla Sanità, per fare un esempio); sia perché il vincitore ha saputo in campagna elettorale furbescamente affrancarsi, almeno in apparenza, dal PD, presentandosi senza il suo simbolo, ben conoscendo la debolezza attuale di quel Partito, nonostante il risultato elettorale; sia ancora per la limitatezza politica della sua diretta concorrente, efficace nell’ argomentare su vari temi, inconsistente, al limite dell’assenza, nell’ affrontare e proporre i valori antropologici, probabilmente nemmeno da lei condivisi.

Valori che, si badi, non sono orpello secondario della politica, bensì fondamento laico, perché umanamente ineludibili per chi intenda dar vita ad una società realmente umana e costruita sulla roccia dell’attenzione alla vita più fragile e della promozione della famiglia naturale, come la storia ha ampiamente dimostrato. 

Qualcuno dirà che è facile formulare siffatte considerazioni a risultati noti. In realtà, proporre all’elettorato emiliano – romagnolo (da anni invaso – salvo una sua parte che coraggiosamente non si è  mai rassegnata al potere dominante – dall’ ideologia marxista, poi annacquatasi nel partito radicale di massa coll’avvento del PD) come alternativa una candidatura decisamente leghista, ha configurato un’azione politica quantomeno spericolata. Di fronte ad essa un candidato – o una candidata – più rassicurante, magari presa dal mondo esterno alla politica, comunque di cultura politica più moderata e più capace di dialogare con tutti, a partire dal mondo cattolico, avrebbe molto probabilmente messo in forse la riconferma del Governatore uscente.

Anche perché il divario di otto punti rispetto al vincitore non è certo clamoroso, men che meno incolmabile, se si pensa che la coalizione di sinistra in quelle terre, da sempre di sua “proprietà elettorale”, vantava distacchi intorno ai venti punti! Va dato merito, in proposito, a FdI, che ha doppiato i 5 Stelle; alla Lega, il cui 32% si commenta da solo;  a certa parte del mondo cattolico che ha votato col criterio – a mio avviso corretto – del sostegno ai candidati che si riconoscono nella centralità culturale e politica dei valori antropologici e per questo si sono spesi e si sono dichiarati disposti a spendersi.

Ancora una volta è purtroppo emersa la divaricazione tra c.d. cattolici “della morale” e cattolici “del sociale”, che non ha invece motivo di sussistere, attesa la centralità, tantopiù oggi, della c.d. questione antropologica, da tutti condivisa – sollevata da Benedetto XVI nella “Caritas in Veritate” e ribadita recentemente da Papa Francesco – la quale non può non fungere, se intesa nella sua reale essenza, da collante per l’impegno sociale e politico dei cattolici, ma pure di tanti che si dichiarano non credenti, attesa la ragionevolezza e la laicità dei  valori che la fondano.

Anche per questo considero urgente:

  1. la costituzione a livello di Regione Emilia – Romagna di un Intergruppo per la vita e la famiglia, analogamente a quanto già sta avvenendo sul versante parlamentare su iniziativa dell’Associazione “Family Day”;
  2. l’incentivazione, sul territorio, di incontri/dibattito a carattere politico – culturale, nei quali, con argomenti squisitamente laici e razionali e con stile dialogico,  si faccia emergere la bellezza e la ricchezza umana derivanti dall’accoglienza della vita umana,  dalla  formazione e stabilità della famiglia naturale  e dalla libertà di educazione per i genitori;
  3. la promozione, ogni tanto, di qualche evento culturale di più ampia portata, cui vengano invitati i Segretari politici di tutti i Partiti, in un clima di confronto costruttivo sui valori antropologici;
  4. la cura della formazione all’impegno sociale e politico, al fine di preparare quella “nuova generazione” di politici, cattolici e non, di cui c’è davvero bisogno.
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…