La Solennità della Madre di Dio apre il Nuovo Anno. Buon 2020.

Beato Angelico e Lorenzo di Credi, Pala di Fiesole, 1424-1425, Fiesole, particolare delle due rose.

La Madonna delle due rose, particolare della Pala di Fiesole del Beato Angelico e di Lorenzo di Credi, reca in mano la rosa rossa, simbolo della divinità, oltre che del sangue di Cristo, e la rosa bianca, simbolo della luce

divina e della purezza dell’umanità resa perfetta, pura, dall’Incarnazione.

Il Bambino protende, prima, la destra verso il rosso della divinità e del sacrificio, inseparabili nell’Incarnazione. Intanto, la sinistra segue la destra verso la luce divina e la purezza, non attingibili prescindendo dalla rosa rossa dell’Incarnazione, ove divinità e sacrificio si rivelano insieme.

La Madre di Dio, porta del Cielo, qui apre a Cristo la porta della terra, perché facendosi Dio uomo, l’uomo si faccia dio. Per questo, la solennità della Madre di Dio è posta all’inizio dell’anno solare, in cui Cristo nuovo sole sorge. Con il Nuovo Anno, l’uomo ha l’opportunità di farsi dio.

Buon Nuovo 2020.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Toga, la Cupola e gli italiani

      di Marcello Veneziani. Ma davvero vi aspettavate che la Corte costituzionale desse il via libera al referendum promosso dalla Lega? Ma in che mondo vivete, conoscete le biografie dei giudici costituzionali, chi li ha voluti lì, e più in generale conoscete le leggi inesorabili del potere, il loro reciproco sostegno? E la stessa cosa vale per la decisione della Cassazione in merito alla questione Carola Rackete; pensavate davvero che accadesse il contrario? Leggi il seguito…

    • La Corte, il referendum e la “manipolazione” sospetta

      di Gaetano Quagliariello. Come sempre attenderemo il deposito delle motivazioni per esprimere un giudizio compiuto. Ma quel che abbiamo letto sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum elettorale maggioritario è già sufficiente per esprimere più di qualche perplessità. Leggi il seguito…

    • Ratzinger e Sarah hanno toccato il nervo scoperto dell’”ideologia bergogliana”

      di Eugenio Capozzi. Dopo giorni di polemiche roventi sul volume in difesa del celibato sacerdotale firmato dal papa emerito Benedetto XVI e dal cardinale Robert Sarah, Des profondeurs de nos coeurs, e alla luce dei contenuti effettivi del libro stesso, si può affermare che la contesa sorta in questa occasione rappresenta una svolta epocale, un punto di non ritorno per la dialettica interna alla Chiesa e al mondo cattolico. Leggi il seguito…

    • Celibato, negare la dottrina confermandola

      di Stefano Fontana. Nella Chiesa si è ormai diffusa l’idea che questo pontificato voglia cambiare molte cose dottrinali ribadendo però la dottrina. Siamo davanti ad una nuova evidente prova che nella Chiesa ci sono oggi due linguaggi teologici incompatibili. Leggi il seguito…