La Solennità della Madre di Dio apre il Nuovo Anno. Buon 2020.

Beato Angelico e Lorenzo di Credi, Pala di Fiesole, 1424-1425, Fiesole, particolare delle due rose.

La Madonna delle due rose, particolare della Pala di Fiesole del Beato Angelico e di Lorenzo di Credi, reca in mano la rosa rossa, simbolo della divinità, oltre che del sangue di Cristo, e la rosa bianca, simbolo della luce

divina e della purezza dell’umanità resa perfetta, pura, dall’Incarnazione.

Il Bambino protende, prima, la destra verso il rosso della divinità e del sacrificio, inseparabili nell’Incarnazione. Intanto, la sinistra segue la destra verso la luce divina e la purezza, non attingibili prescindendo dalla rosa rossa dell’Incarnazione, ove divinità e sacrificio si rivelano insieme.

La Madre di Dio, porta del Cielo, qui apre a Cristo la porta della terra, perché facendosi Dio uomo, l’uomo si faccia dio. Per questo, la solennità della Madre di Dio è posta all’inizio dell’anno solare, in cui Cristo nuovo sole sorge. Con il Nuovo Anno, l’uomo ha l’opportunità di farsi dio.

Buon Nuovo 2020.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…