Il Sistema ha retto ma l’Emilia Romagna ormai è “rosa”

di Giuseppe Leonelli.

La grande sfida in Emilia Romagna finisce con una vittoria inequivocabile e personale per Stefano Bonaccini. Perché degli otto punti di distacco che segnano il suo trionfo, con il 51,41%, sulla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (ferma al 43,65%), ben 5 sono dovuti al suo valore aggiunto, dato sia dal voto disgiunto sia dai voti dati direttamente al governatore uscente.

La vittoria è dunque soprattutto del governatore riconfermato ancor prima che del Pd e del centrosinistra avendo egli portato un valore aggiunto netto alla coalizione ed essendo stato scelto anche da elettori che hanno votato liste diverse. Discorso opposto per la Borgonzoni che ne ha fatti perdere alla sua coalizione (45,4% il totale liste, 43,6% il presidente).

Dal punto di vista politico è una sconfitta di Salvini la cui Lega col 31,9% svuota Forza Italia, ferma al 2,5%, ma non intacca il centrosinistra. Malissimo i 5 stelle il cui presidente si ferma al 3,47% con una lista al 4,7% favorita dal voto disgiunto.

Dati che consegnano la fotografia di una roccaforte rossa (ormai politicamente rosa) Emiliano Romagnola ancora in piedi nonostante i pronostici della vigilia. Ora la Lega e Salvini dovranno interrogarsi sulle ragioni di una sconfitta e in primis sulla figura del candidato presidente scelto. Ma al di là degli errori del centrodestra, è il Sistema Pd ad avere retto in città come Bologna, Modena, Reggio. Un sistema che funziona non perché fa le cose che promette in campagna elettorale, ma perchè comunque le gestisce, distribuendo appalti, consulenze e generando consenso. Le ideologie politiche, la sinistra, la destra forse non sono così rilevanti. Il piano è un altro e infatti si possono nascondere simboli, colori, candidare esponenti storici del centrodestra, ridurre la campagna elettorale a una barba e un paio di occhiali stilizzati che nulla cambia. Bonaccini ha finito la campagna elettorale sufficiente per vincere due mesi fa quando la Borgonzoni, di fatto ancora sconosciuta ai più, stava per iniziarla. Il governatore uscente in quel momento, aveva già dato garanzie precise a tutto il suo mondo. E non solo, girando in lungo ed in largo la regione, da presidente in carica.

Il centrodestra ci ha provato a rompere il meccanismo rodato e ha fallito. Il prossimo tentativo deve partire da questa constatazione, per Scardinare un sistema decennale occorre offrire solidi appoggi alle gambe di questo sistema. Gettare le fondamenta di un cambiamento, offrire in partenza garanzie a mondi economici e sociali, perchè di rischiare in Emilia Romagna nessuno ha voglia. E queste elezioni lo hanno dimostrato.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…