Il Pd si scioglie e le sardine diventano un partito: la sinistra ridotta a pesciolino

di Giuseppe Leonelli.

I sondaggi fotografano un consenso pari ad oltre l’11% e il congresso nazionale è imminente. Le sardine stanno assumendo sempre più i contorni di un vero e proprio partito tanto che il leader Mattia Santori dialoga quotidianamente con gli storici esponenti politici nei salotti televisivi, da Bersani alla Meloni passando per Renzi, e così tutto il teatro della classica rappresentazione politica è compiuto.

A questa trasformazione istituzionale del movimento delle sardine corrisponde dall’altra parte il lento scioglimento dei due partiti che oggi rappresentano in modo diverso la sinistra in Italia: il Pd da una parte e i 5 Stelle dall’altra. Sulla crisi dei 5 Stelle ormai si è detto tutto e l’annuncio sul Fatto quotidiano (giornale grillino per eccellenza) delle imminenti dimissioni di Luigi Di Maio da capo politico è solo la conferma della polverizzazione del partito di Grillo. Dall’altra parte invece la parabola discendente del Pd (almeno come lo abbiamo conosciuto sinora) ha subito proprio due giorni fa una improvvisa accelerazione. A imporla è stato lo stesso segretario nazionale Nicola Zingaretti il quale ha annunciato a La Repubblica (organo di casa del Pd) il prossimo scioglimento del Partito Democratico dopo la vittoria (almeno del successo si dice convinto Zingaretti) alle Regionali in Emilia Romagna. “Per creare non un nuovo partito – dice il segretario – ma un partito nuovo”. Che significa tutto e niente.

Insomma il Movimento delle sardine diventa partito e i partiti tradizionali (o meglio quel che resta di loro) abdicano completamente al loro ruolo. Una destrutturazione della politica che mette definitivamente in soffitta valori e ideologie per affidarsi a un movimentismo superficiale, alla piazza in quanto tale. Come i 5 Stelle delle origini, più dei 5 Stelle delle origini. Perchè nemmeno gli slogan semplificati restano, resta solo la presenza di massa. Muta. Meno di un tweet.

La sinistra che fu di Berlinguer, la sinistra che per anni è coincisa col “senso di appartenenza a una razza, che voleva spiccare il volo”, la sinistra delle battaglie sindacali e dell’Unità sottobraccio si riduce così a sventolare come bandiera tanti pesciolini cartonati. La cui unica identità è la dichiarata opposizione alla Lega e a un ostentato e non meglio precisato ‘anti-sovranismo’. E così il Pd “che si scioglie per allargarsi”, nelle intenzioni di Zingaretti, sembra viceversa sciogliersi per ricomporsi nel cartonato satirico di se stesso.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Toga, la Cupola e gli italiani

      di Marcello Veneziani. Ma davvero vi aspettavate che la Corte costituzionale desse il via libera al referendum promosso dalla Lega? Ma in che mondo vivete, conoscete le biografie dei giudici costituzionali, chi li ha voluti lì, e più in generale conoscete le leggi inesorabili del potere, il loro reciproco sostegno? E la stessa cosa vale per la decisione della Cassazione in merito alla questione Carola Rackete; pensavate davvero che accadesse il contrario? Leggi il seguito…

    • La Corte, il referendum e la “manipolazione” sospetta

      di Gaetano Quagliariello. Come sempre attenderemo il deposito delle motivazioni per esprimere un giudizio compiuto. Ma quel che abbiamo letto sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum elettorale maggioritario è già sufficiente per esprimere più di qualche perplessità. Leggi il seguito…

    • Ratzinger e Sarah hanno toccato il nervo scoperto dell’”ideologia bergogliana”

      di Eugenio Capozzi. Dopo giorni di polemiche roventi sul volume in difesa del celibato sacerdotale firmato dal papa emerito Benedetto XVI e dal cardinale Robert Sarah, Des profondeurs de nos coeurs, e alla luce dei contenuti effettivi del libro stesso, si può affermare che la contesa sorta in questa occasione rappresenta una svolta epocale, un punto di non ritorno per la dialettica interna alla Chiesa e al mondo cattolico. Leggi il seguito…

    • Celibato, negare la dottrina confermandola

      di Stefano Fontana. Nella Chiesa si è ormai diffusa l’idea che questo pontificato voglia cambiare molte cose dottrinali ribadendo però la dottrina. Siamo davanti ad una nuova evidente prova che nella Chiesa ci sono oggi due linguaggi teologici incompatibili. Leggi il seguito…