Il Pd si scioglie e le sardine diventano un partito: la sinistra ridotta a pesciolino

di Giuseppe Leonelli.

I sondaggi fotografano un consenso pari ad oltre l’11% e il congresso nazionale è imminente. Le sardine stanno assumendo sempre più i contorni di un vero e proprio partito tanto che il leader Mattia Santori dialoga quotidianamente con gli storici esponenti politici nei salotti televisivi, da Bersani alla Meloni passando per Renzi, e così tutto il teatro della classica rappresentazione politica è compiuto.

A questa trasformazione istituzionale del movimento delle sardine corrisponde dall’altra parte il lento scioglimento dei due partiti che oggi rappresentano in modo diverso la sinistra in Italia: il Pd da una parte e i 5 Stelle dall’altra. Sulla crisi dei 5 Stelle ormai si è detto tutto e l’annuncio sul Fatto quotidiano (giornale grillino per eccellenza) delle imminenti dimissioni di Luigi Di Maio da capo politico è solo la conferma della polverizzazione del partito di Grillo. Dall’altra parte invece la parabola discendente del Pd (almeno come lo abbiamo conosciuto sinora) ha subito proprio due giorni fa una improvvisa accelerazione. A imporla è stato lo stesso segretario nazionale Nicola Zingaretti il quale ha annunciato a La Repubblica (organo di casa del Pd) il prossimo scioglimento del Partito Democratico dopo la vittoria (almeno del successo si dice convinto Zingaretti) alle Regionali in Emilia Romagna. “Per creare non un nuovo partito – dice il segretario – ma un partito nuovo”. Che significa tutto e niente.

Insomma il Movimento delle sardine diventa partito e i partiti tradizionali (o meglio quel che resta di loro) abdicano completamente al loro ruolo. Una destrutturazione della politica che mette definitivamente in soffitta valori e ideologie per affidarsi a un movimentismo superficiale, alla piazza in quanto tale. Come i 5 Stelle delle origini, più dei 5 Stelle delle origini. Perchè nemmeno gli slogan semplificati restano, resta solo la presenza di massa. Muta. Meno di un tweet.

La sinistra che fu di Berlinguer, la sinistra che per anni è coincisa col “senso di appartenenza a una razza, che voleva spiccare il volo”, la sinistra delle battaglie sindacali e dell’Unità sottobraccio si riduce così a sventolare come bandiera tanti pesciolini cartonati. La cui unica identità è la dichiarata opposizione alla Lega e a un ostentato e non meglio precisato ‘anti-sovranismo’. E così il Pd “che si scioglie per allargarsi”, nelle intenzioni di Zingaretti, sembra viceversa sciogliersi per ricomporsi nel cartonato satirico di se stesso.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • “Ridurre gli stipendi ai Parlamentari? Si, sulla base del loro reddito precedente!”. Parla Giovanardi

      di Giuseppe Leonelli. “La proposta dei 5 Stelle Di Maio e Crimi di dimezzare lo stipendio dei parlamentari per tutta la durata della legislatura è un segnale forte al Paese che va però equamente emendato”. A parlare è l’ex Ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi. Leggi il seguito…

    • Orban, la Costituzione ungherese e la dittatura dell’ignoranza

      di Bilbo Baggins. Forte della straordinaria autorevolezza politica e morale che le deriva dalla splendida, solidale, lungimirante ed empatica gestione della crisi pandemica in atto, l’Unione europea mette sotto osservazione il disegno di legge con il quale il premier ungherese Orban propone al Parlamento ungherese l’approvazione dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 53 della vigente costituzione. Leggi il seguito…

    • In guerra i governi si cambiano

      Questa emergenza si combatte su tre fronti. Due assai più visibili: quello sanitario e quello economico. L’altro più mimetizzato: quello istituzionale. Chi conosce la storia, però, sa che quest’ultimo non va né sottovalutato né perso di vista. Alla fine ti presenta il conto e se non lo si presidia a dovere è su quella trincea che si determinano le perdite più gravi in termini di democrazia e soprattutto di legalità. Leggi il seguito…

    • Globalizzazione, un magistero da ripensare

      di Stefano Fontana. Quanto sta accadendo a causa del coronavirus costringe a ripensare il tema della gflobalizzazione, anche per quel che riguarda il magistero. Se Giovanni Paolo II e Benedetto XVi erano prudenti, l'attuale pontefice si è molto lanciato nel globalismo. Ma il prossimo dovrà rivedere tutto il dossier. Ecco come. Leggi il seguito…