IL LIBRO DI BENEDETTO XVI E SARAH. ECCO I RETROSCENA DEL GIALLO.

di Marco Tosatti

A quanto sembra nessuno nel monastero Mater Ecclesiae aveva visto la copertina del libro; e questo è stato uno dei problemi principali.

Il punto centrale però per fare chiarezza sui contenuti e sulla polemica che la Bergoglio Press Team ha lanciato all’inizio (sostenendo che in pratica Benedetto sarebbe stato circuito, avrebbe solo messo la firma e insinuazioni miserevoli diverse). E la realtà è che Benedetto XVI ha corretto tutte le bozze del libro, ovviamente per la sua parte, ma leggendo anche quanto scritto dal cardinale Robert Sarah.

Inoltre ha detto, e scritto, a Sarah, di approvare sia l’introduzione che la conclusione del libro.

George Gaenswein non ha letto il libro, e questo ha costituito certamente un problema.

Tutta l’operazione è rimasta nelle mani oltre che di Benedetto e di Sarah, dell’editore, Nicolas Diat, che ovviamente ha fatto il suo mestiere il suo interesse, vedendo l’occasione di fare di questo libro il libro “importante” di Benedetto XVI e di Sarah; tutto a sua gloria e merito.

Perciò quando ieri mattina è esplosa la bomba (che aveva già cominciato a esplodere nella notte, perché in America si svegliavano), e gente come Faggioli ecc. cominciavano a sparare, con un’intenzione molto chiara. Si concentravano sulla copertina, che Diat aveva pubblicato, dicendo che qui si voleva fare un’operazione anti papa, contro papa Francesco.

Obiettivo loro era di evitare che si discutesse del contenuto. Al monastero Mater Ecclesiae non si sono resi conto, ieri mattina, bene, della portata della polemica, nonostante fossero stati avvisati. Gaenswein alla fine si è messo in contatto con Tornielli, che ha scritto un articolo per l’Osservatore Romano e Vatican News, riferendo le idee di papa Bergoglio sull’importanza del celibato, e cercando in buona sostanza di gettare olio sulle acque che la canea varia stava agitando, sostenendo fra l’altro che Benedetto XVI e Sarah non avevano scritto il libro insieme.

L’ultimo sviluppo, sinceramente piuttosto incomprensibile, lo abbiamo dalle dichiarazioni di Georg Gaenswein, che ha detto a un giornalista tedesco che bisogna cambiare il titolo e la copertina. Perché non si sa. Forse per difendere la sua posizione, che è certamente complicata, essendo lui la persona più vicina a Benedetto, e nello stesso tempo essendo vicino a papa Bergoglio come Prefetto della Casa Pontificia. En passant, possiamo notare che fra i guaiti e latrati della stampa filo-regime nelle prime ore si parlava di una manipolazione dell’”entourage” di papa Benedetto. Che invece, consistendo l’entourage in Gaenswein, era all’oscuro di tutto….Ma l’impressione che Gaenswein cerchi di evitare di restare schiacciato fra i vasi di ferro è forte; fino a far credere che se una qualche spinta è stata data a Benedetto, beh, è avvenuta adesso, e non prima.

Indubbiamente Gaenswein con le sue dichiarazioni di oggi mette in difficoltà Sarah che non c’entra niente, e che si è comportato in maniera estremamente lineare. Tutto questo lavoro però, è cominciato prima del Sinodo, in settembre.

Benedetto aveva già scritto in settembre, sulla base delle polemiche pre-sinodali sul celibato sacerdotale e sulla questione dei viri probati, quindici cartelle sul tema del celibato. Che sono confluite poi nel libro.

Da notare che il percorso sembra molto simile a quello compiuto in occasione del Vertice sugli abusi sessuali. Benedetto aveva preparato una sua riflessione, probabilmente con l’intenzione di offrire un contributo ai vescovi del vertice, inviandola al Pontefice e alla Segreteria di Stato. Lì era rimasta, ed era stata pubblicata qualche mese più tardi su un giornale tedesco dedicato al clero.

E, ancora una volta, ci sembra interessante ribadire come queste polemiche di carta abbiano fatto sì che si spostasse l’attenzione dai contenuti alla copertina!

da: https://www.marcotosatti.com/2020/01/14/il-libro-di-benedetto-xvi-e-sarah-ecco-i-retroscena-del-giallo/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…