O partigiano (se ancora esisti) portali via…

di Giuseppe Leonelli.

L’occasione è stata il via libera definitivo, la scorsa settimana, alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen. Un momento di festa per sette dei 9 nuovi commissari di area socialista, tra cui il titolare degli Affari Economici Paolo Gentiloni, i quali hanno pensato bene di fare baldoria intonando il canto partigiano per eccellenza, Bella Ciao. Una iniziativa ovviamente circolata in rete, di fronte alla quale a una settimana di distanza si sono alzate le comprensibili proteste in Italia di Giorgia Meloni e Matteo Salvini i quali hanno parlato di “scandaloso e ridicolo teatrino”.

Ma al di là della diatriba politica, stupisce il tono goliardico e il battimani con cui i sette commissari (oltre a Gentiloni, i vicepresidenti della Commissione Ue Frans Timmermans e Maros Sefcovic, il commissario al Lavoro Nicolas Schmit, la commissaria per i Partenariati internazionali Jutta Urpilainen, la commissaria alla coesione Elisa Ferreira, e la presidente del gruppo S&D Iratxe García Pérez) hanno intonato le note partigiane. Che a offendersi non dovrebbero essere solo gli esponenti di centrodestra, ma chi in quel canto – a sinistra – in buonafede si è per anni riconosciuto. Un canto popolare, legato agli anni della Resistenza, al duro lavoro nei campi, ma non solo, banalizzato in un coretto tra una élite autoreferenziale di commissari europei, quasi fosse un karaoke.

Perché se l’aver cantato Bella Ciao all’interno dell’aula dell’Europarlamento di Strasburgo è stato decisamente inopportuno dal punto di vista del merito, è stato ancor più fuori luogo nei modi. Gentiloni in testa a battere forte forte le mani come allo stadio o come a una festa di laurea. ‘Dottore… dottore…’ Esattamente così, mancava solo la bottiglia di prosecco e le trombette di carnevale. Tutto calpestato e banalizzato, magari per andare orgogliosi poi delle critiche della destra, del ‘nemico politico’ per eccellenza della sinistra sedicente democratica, o per strizzare l’occhio a chi ancora in quei valori della Resistenza crede. E forse un sussulto nei cuori di sinistra probabilmente nasce spontaneo: ‘O partigiano, se ancora esisti, portali via…’

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…

    • “Make Italy great again”. Il centrodestra deve ricominciare da una visione comune del futuro

      di Eugenio Capozzi. Il centrodestra è riuscito a non vincere elezioni che pure ha sostanzialmente vinto. Ha guadagnato il governo di una regione, quasi sicuramente due, ha aumentato i consensi per le sue liste, ma ancora una volta non è riuscito nella “spallata” che cerca da un anno, e cioè nel tentativo di destabilizzare il governo Conte bis, pur fragile e diviso, e pur gravato dai risultati disastrosi della gestione dell’emergenza Covid. Leggi il seguito…

    • Così Meloni e Salvini hanno regalato la vittoria a Di Maio

      di Gennaro Malgieri. Di Maio e compagnia cantante hanno potuto ottenere questo strepitoso risultato referendario grazie a vassalli e valvassori di destra e di sinistra, spiega Gennaro Malgieri. E la destra, rappresentata da Lega e FdI, non si capisce che cosa abbia ottenuto posto che ha regalato agli avversari pentastellati più che una vittoria, la resurrezione Leggi il seguito…