Nasce il Coordinamento per la Dottrina sociale della Chiesa

di Stefano Fontana.

Nasce dal basso il nuovo “Coordinamento nazionale Justitia et Pax per la Dottrina sociale della Chiesa”. Promosso dall’Osservatorio Cardinale Van Thuân, al Coordinamento aderiscono finora 23 tra associazioni e centri culturali cattolici. Non è un’associazione di associazioni, ma appunto un coordinamento: ognuna mantiene i propri scopi e attività, ma entra in collaborazione con altre realtà associative per quanto riguarda l’informazione, la formazione, le forme della presenza pubblica, l’organizzazione condivisa di eventi e così via nel campo della Dottrina sociale.

Non essendoci un coordinamento senza un coordinatore, ecco che quest’ultima funzione è stata assunta dall’Osservatorio, da cui è partita l’iniziativa che il 28 settembre scorso ha riunito attorno a un tavolo vari centri e movimenti che si occupano direttamente o indirettamente di Dottrina sociale della Chiesa. La proposta è stata accolta con entusiasmo e ora il Coordinamento decolla. Esso è a dimensione nazionale, le associazioni aderenti, infatti, hanno sede a Trieste e a Palermo, a Brescia e a Verona, a Pavia e a Trento, a Bergamo e in Emilia e così via.

Le associazioni aderenti al nuovo Coordinamento [nella foto accanto il logo] firmano una “Carta della Natura e delle Finalità” che le impegna a determinati contenuti e fini, oltre che ad alcune modalità organizzative e di collaborazione. Il riferimento esplicito è alla Dottrina sociale della Chiesa, che però rischia oggi di essere generico e quindi ambiguo se non viene precisato meglio proprio sul piano dei contenuti. Operando da anni sul campo, le associazioni aderenti hanno compreso la necessità di fare riferimento a una Dottrina sociale della Chiesa intesa come “corpus dottrinale” e non solo come un insieme di inviti al dialogo, finalizzata ad aprire un posto per Dio nel mondo e non solo a risolvere certe disfunzioni sociali, ad annunciare Cristo nelle realtà temporali e ad ordinarle secondo il progetto di Dio e non semplicemente a promuovere soluzioni condivise.

La Carta della Natura e delle Finalità del Coordinamento fa riferimento all’ordine del creato che riguarda anche la società e non solo la natura, ai principi non negoziabili che si fondano proprio sull’ordine finalistico del creato, dal quale emanano prima i doveri e poi i diritti. Fa anche riferimento all’esigenza di coerenza del cattolico che non può vivere una frattura tra l’essere cittadino e l’essere credente. Si tratta di principi contenuti da sempre negli insegnamenti del Magistero e che il Coordinamento Justitia et Pax vuole mantenere come proprio orizzonte.

Oggi varie forme di riduzionismo interessano la Dottrina sociale della Chiesa. Senza polemica con nessuno, il Coordinamento intende promuovere una formazione e un’azione positivamente non riduzionista, ma che si rifaccia in modo completo alla corretta versione tradizionale di Dottrina sociale della Chiesa. Versione “tradizionale” non vuol dire “del passato”, ma significa conforme alla tradizione della stessa Dottrina sociale, dalla Rerum novarum ad oggi, e inserita nella tradizione della Chiesa, presupponendo tutto il suo deposito dottrinale e la sua vita di santità.

Le associazioni aderenti non si occupano solo di Dottrina sociale della Chiesa, a parte l’Osservatorio che coordina i lavori, il quale è invece espressamente e totalmente dedicato ad essa. Si occupano di cultura cattolica, di formazione, di educazione giovanile, di spiritualità… ma nella loro storia hanno sempre dedicato uno spazio alla presenza dei cattolici nella società e nella politica. Hanno così compreso sia la preoccupante realtà di oggi da questo punto di vista sia la necessità di unirsi e collaborare. Prima di tutto sul piano dell’informazione interna, per venire a conoscenza di cosa fanno gli altri. Quindi sul piano della formazione alla Dottrina sociale della Chiesa: ogni associazione si assume dei compiti annuali a questo riguardo attorno ad un tema comune a tutti. In terzo luogo il Coordinamento organizzerà degli eventi su tematiche di Dottrina sociale con la partecipazione di tutti i centri aderenti.

Potrà anche accadere che, a fronte di gravi problematiche ecclesiali, sociali o politiche, il Coordinamento produca un documento come presa di posizione comune. Un’associazione si fa sentire, ma 23 associazioni si fanno sentire di più. Del resto questo è solo il numero attuale delle associazioni aderenti [nella foto i partecipanti alla prima riunione ove si è proposta la costituzione del Coordinamento], ma abbiamo ragione di credere che esse aumenteranno in modo consistente. La chiarezza dei punti espressi nella Carta della Natura e delle Finalità del Coordinamento sarà certamente attrattiva in un’epoca di incertezza.

Nel sito dell’Osservatorio Card. Van Thuân è stata aperta un’area online per il Coordinamento Justitia et Pax (vedi qui). Lì ognuno potrà trovare le relative informazioni, che verranno continuamente aggiornate. Inoltre verrà riservata ad informazioni sul Coordinamento una sezione del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa”, la rivista trimestrale dell’Osservatorio Van Thuân.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…