Manu, questa sera ascoltami!

Il colpo d’artiglio quotidiano – 5 dicembre 2019

In questo videomessaggio trasmesso da TV Liberté, François Billot de Lochner si rivolge a Emmanuel Macron con graffiante umorismo, ricordandogli la sua promessa di lottare contro il flagello della pornografia.

Manu, tutti noi sappiamo che tu guardi tutte le sere TV Liberté. Ma noi non siamo del tutto stupidi, e devi sapere che abbiamo piazzato degli amici fra il tuo entourage all’Eliseo che ci dicono che tu guardi ogni sera il telegiornale del nostro canale, perché tu sai che noi, oltre al parlare chiaro, diciamo delle cose intelligenti.

Questa sera voglio rivolgermi a te come a un fratello, come a un figlio o come tu vorrai. Ma voglio rivolgermi a te, gli occhi negli occhi, per dirti delle cose importanti che riguardano le tue eclatanti dichiarazioni a riguardo della pornografia. Infatti recentemente hai fatto delle dichiarazioni davanti all’assemblea dell’UNESCO in cui hai parlato della necessità di rinforzare la lotta contro la pornografia al fine di proteggere i bambini. Non sappiamo quanto fossero sincere le tue parole, ma è meglio che niente. Però, ecco, Manu, noi stentiamo a crederlo, perché non è la prima volta che tu esterni commosse dichiarazioni al riguardo.

Prima domanda. Manu, padre mio, fratello mio, figlio mio, pensi davvero di fare ciò che ci prometti? Infatti, qual è la tua vera proposta? Tu proponi di far instaurare il controllo parentale per filtrare i siti pornografici. In altri termini, tu proponi un effettivo controllo parentale. Questi siti, che io definisco come autentici porcili – ah, mi scusi -, hanno a disposizione sei mesi per riflettere sulla questione. Hanno davvero intenzione di andare al fondo della questione? In questo caso farai passare una legge che contrasti questo male?

Manu, tu lo sai bene che tutte le leggi di questo tipo hanno sempre finito col non essere applicate! A riguardo della pornografia l’arsenale legislativo è alquanto fornito, ma non viene mai utilizzato! Manu, tu sai bene che quando si tratta di pornografia i giudici utilizzano il Codice penale per accendere il fuoco nei loro caminetti. Che ne sarà, allora, della tua nuova legge?

Altra domanda per te, Manu, fratello mio: tu vuoi regolare l’accesso ai minori di meno di 15 anni… Ah, bene, allora quando mia figlia avrà superato i 15 anni, tutto diverrà possibile per lei! Manu, figlio mio, ma tu riesci a riflettere qualche volta, o no? Non te la prendere per questa conversazione faccia a faccia, ma qualche volta mi domando francamente se tu ne sia davvero cosciente.

Altra domanda che desidero rivolgere a te, padre, fratello e figlio. Io ti credo sufficientemente intelligente da sapere che la pornografia porta le famiglie al divorzio, gli adulti a compiere delitti, come i sordidi dati di cronaca ci ricordano ogni giorno. Si, mio buon Manu, la pornografia è talmente violenta da poter condurre al femminicidio! La protezione dei minori è un imperativo categorico! Ma se questa non dovesse bastare – e tu lo sai perfettamente, Manu -, la soluzione migliore è quella di chiudere il rubinetto alla sua sorgente, impedendo ai produttori di queste porcherie di diffondere i loro contenuti pornografici. Alcuni paesi, come la Corea del Sud, la Russia, le Filippine ed altri, bloccano decisamente azioni tanto delittuose.

Sii grande, Manu! Sii imperiale! Metti in atto queste misure e diventerai immenso! Tu brillerai come le stelle nell’universo e diventerai un rimedio per tante cose! Per questo ti prometto che dimenticheremo la tua esplosiva dichiarazione del 2017 durante la campagna elettorale, in cui avevi dichiarato che la pornografia – cito – fa parte della vita. È stato un errore di gioventù, per questo siamo disposti a perdonarti, ma se tu agirai davvero contro la pornografia. Non è necessario che tu finisca col dirci che “a suo tempo un famoso personaggio – diventato un oracolo – aveva visto dei film pornografici, come tutti, del resto”. Ma il meno che si possa dire è che guardava – scusi il termine – delle porcherie, e che tutto ciò non gli ha portato fortuna. E che ora l’oracolo invocato ha tutto il tempo di dedicarsi al suo trogolo, (pastone per maiali). Fai in modo, Manu, di non finire come lui!

Bene, Manu, è necessario porre un termine a tutto ciò. Continua a guardare ogni sera TV Liberté, e rifletti bene sulla nostra discussione di questa sera. È in gioco il tuo avvenire. Ossequi.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Decryptage/Manu-ce-soir-ecoute-moi

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…