Manu, questa sera ascoltami!

Il colpo d’artiglio quotidiano – 5 dicembre 2019

In questo videomessaggio trasmesso da TV Liberté, François Billot de Lochner si rivolge a Emmanuel Macron con graffiante umorismo, ricordandogli la sua promessa di lottare contro il flagello della pornografia.

Manu, tutti noi sappiamo che tu guardi tutte le sere TV Liberté. Ma noi non siamo del tutto stupidi, e devi sapere che abbiamo piazzato degli amici fra il tuo entourage all’Eliseo che ci dicono che tu guardi ogni sera il telegiornale del nostro canale, perché tu sai che noi, oltre al parlare chiaro, diciamo delle cose intelligenti.

Questa sera voglio rivolgermi a te come a un fratello, come a un figlio o come tu vorrai. Ma voglio rivolgermi a te, gli occhi negli occhi, per dirti delle cose importanti che riguardano le tue eclatanti dichiarazioni a riguardo della pornografia. Infatti recentemente hai fatto delle dichiarazioni davanti all’assemblea dell’UNESCO in cui hai parlato della necessità di rinforzare la lotta contro la pornografia al fine di proteggere i bambini. Non sappiamo quanto fossero sincere le tue parole, ma è meglio che niente. Però, ecco, Manu, noi stentiamo a crederlo, perché non è la prima volta che tu esterni commosse dichiarazioni al riguardo.

Prima domanda. Manu, padre mio, fratello mio, figlio mio, pensi davvero di fare ciò che ci prometti? Infatti, qual è la tua vera proposta? Tu proponi di far instaurare il controllo parentale per filtrare i siti pornografici. In altri termini, tu proponi un effettivo controllo parentale. Questi siti, che io definisco come autentici porcili – ah, mi scusi -, hanno a disposizione sei mesi per riflettere sulla questione. Hanno davvero intenzione di andare al fondo della questione? In questo caso farai passare una legge che contrasti questo male?

Manu, tu lo sai bene che tutte le leggi di questo tipo hanno sempre finito col non essere applicate! A riguardo della pornografia l’arsenale legislativo è alquanto fornito, ma non viene mai utilizzato! Manu, tu sai bene che quando si tratta di pornografia i giudici utilizzano il Codice penale per accendere il fuoco nei loro caminetti. Che ne sarà, allora, della tua nuova legge?

Altra domanda per te, Manu, fratello mio: tu vuoi regolare l’accesso ai minori di meno di 15 anni… Ah, bene, allora quando mia figlia avrà superato i 15 anni, tutto diverrà possibile per lei! Manu, figlio mio, ma tu riesci a riflettere qualche volta, o no? Non te la prendere per questa conversazione faccia a faccia, ma qualche volta mi domando francamente se tu ne sia davvero cosciente.

Altra domanda che desidero rivolgere a te, padre, fratello e figlio. Io ti credo sufficientemente intelligente da sapere che la pornografia porta le famiglie al divorzio, gli adulti a compiere delitti, come i sordidi dati di cronaca ci ricordano ogni giorno. Si, mio buon Manu, la pornografia è talmente violenta da poter condurre al femminicidio! La protezione dei minori è un imperativo categorico! Ma se questa non dovesse bastare – e tu lo sai perfettamente, Manu -, la soluzione migliore è quella di chiudere il rubinetto alla sua sorgente, impedendo ai produttori di queste porcherie di diffondere i loro contenuti pornografici. Alcuni paesi, come la Corea del Sud, la Russia, le Filippine ed altri, bloccano decisamente azioni tanto delittuose.

Sii grande, Manu! Sii imperiale! Metti in atto queste misure e diventerai immenso! Tu brillerai come le stelle nell’universo e diventerai un rimedio per tante cose! Per questo ti prometto che dimenticheremo la tua esplosiva dichiarazione del 2017 durante la campagna elettorale, in cui avevi dichiarato che la pornografia – cito – fa parte della vita. È stato un errore di gioventù, per questo siamo disposti a perdonarti, ma se tu agirai davvero contro la pornografia. Non è necessario che tu finisca col dirci che “a suo tempo un famoso personaggio – diventato un oracolo – aveva visto dei film pornografici, come tutti, del resto”. Ma il meno che si possa dire è che guardava – scusi il termine – delle porcherie, e che tutto ciò non gli ha portato fortuna. E che ora l’oracolo invocato ha tutto il tempo di dedicarsi al suo trogolo, (pastone per maiali). Fai in modo, Manu, di non finire come lui!

Bene, Manu, è necessario porre un termine a tutto ciò. Continua a guardare ogni sera TV Liberté, e rifletti bene sulla nostra discussione di questa sera. È in gioco il tuo avvenire. Ossequi.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Decryptage/Manu-ce-soir-ecoute-moi

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • E la dittatura impose il reato di vivere

      di Marcello Veneziani. L’Italia si avvia a diventare un regime totalitario temperato dall’inefficienza e dal ridicolo. Con la scusa della salute è stato introdotto il divieto di sbarco agli italiani in piazza, al bar, al ristorante, sulle spiagge; ora mitigato da libertà provvisoria, con la condizionale. I veri clandestini sono gli italiani, sorpresi a consumare all’aperto il più losco dei crimini: il reato di vivere. L’eversione ha un nome preciso: movida. Acchiappatelo, fa la movida. È pericoloso, ha un’arma in pugno, lo spritz. Leggi il seguito…

    • Ora Godot-Bonaccini aspira a Palazzo Chigi

      di Giuseppe Leonelli. Il suo libro su come battere la destra presentato due settimane fa, in piena emergenza sanitaria, era già un segnale chiaro delle mire romane del governatore emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini, ma ora arriva la conferma dalle sue stesse parole. “Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla, ci si mette a disposizione se si ha passione politica per migliorare la cosa pubblica” – ha infatti detto Bonaccini rispondendo a una domanda del direttore de L’Espresso sulla possibilità di una sua candidatura a premier. Leggi il seguito…

    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…