Manu, questa sera ascoltami!

Il colpo d’artiglio quotidiano – 5 dicembre 2019

In questo videomessaggio trasmesso da TV Liberté, François Billot de Lochner si rivolge a Emmanuel Macron con graffiante umorismo, ricordandogli la sua promessa di lottare contro il flagello della pornografia.

Manu, tutti noi sappiamo che tu guardi tutte le sere TV Liberté. Ma noi non siamo del tutto stupidi, e devi sapere che abbiamo piazzato degli amici fra il tuo entourage all’Eliseo che ci dicono che tu guardi ogni sera il telegiornale del nostro canale, perché tu sai che noi, oltre al parlare chiaro, diciamo delle cose intelligenti.

Questa sera voglio rivolgermi a te come a un fratello, come a un figlio o come tu vorrai. Ma voglio rivolgermi a te, gli occhi negli occhi, per dirti delle cose importanti che riguardano le tue eclatanti dichiarazioni a riguardo della pornografia. Infatti recentemente hai fatto delle dichiarazioni davanti all’assemblea dell’UNESCO in cui hai parlato della necessità di rinforzare la lotta contro la pornografia al fine di proteggere i bambini. Non sappiamo quanto fossero sincere le tue parole, ma è meglio che niente. Però, ecco, Manu, noi stentiamo a crederlo, perché non è la prima volta che tu esterni commosse dichiarazioni al riguardo.

Prima domanda. Manu, padre mio, fratello mio, figlio mio, pensi davvero di fare ciò che ci prometti? Infatti, qual è la tua vera proposta? Tu proponi di far instaurare il controllo parentale per filtrare i siti pornografici. In altri termini, tu proponi un effettivo controllo parentale. Questi siti, che io definisco come autentici porcili – ah, mi scusi -, hanno a disposizione sei mesi per riflettere sulla questione. Hanno davvero intenzione di andare al fondo della questione? In questo caso farai passare una legge che contrasti questo male?

Manu, tu lo sai bene che tutte le leggi di questo tipo hanno sempre finito col non essere applicate! A riguardo della pornografia l’arsenale legislativo è alquanto fornito, ma non viene mai utilizzato! Manu, tu sai bene che quando si tratta di pornografia i giudici utilizzano il Codice penale per accendere il fuoco nei loro caminetti. Che ne sarà, allora, della tua nuova legge?

Altra domanda per te, Manu, fratello mio: tu vuoi regolare l’accesso ai minori di meno di 15 anni… Ah, bene, allora quando mia figlia avrà superato i 15 anni, tutto diverrà possibile per lei! Manu, figlio mio, ma tu riesci a riflettere qualche volta, o no? Non te la prendere per questa conversazione faccia a faccia, ma qualche volta mi domando francamente se tu ne sia davvero cosciente.

Altra domanda che desidero rivolgere a te, padre, fratello e figlio. Io ti credo sufficientemente intelligente da sapere che la pornografia porta le famiglie al divorzio, gli adulti a compiere delitti, come i sordidi dati di cronaca ci ricordano ogni giorno. Si, mio buon Manu, la pornografia è talmente violenta da poter condurre al femminicidio! La protezione dei minori è un imperativo categorico! Ma se questa non dovesse bastare – e tu lo sai perfettamente, Manu -, la soluzione migliore è quella di chiudere il rubinetto alla sua sorgente, impedendo ai produttori di queste porcherie di diffondere i loro contenuti pornografici. Alcuni paesi, come la Corea del Sud, la Russia, le Filippine ed altri, bloccano decisamente azioni tanto delittuose.

Sii grande, Manu! Sii imperiale! Metti in atto queste misure e diventerai immenso! Tu brillerai come le stelle nell’universo e diventerai un rimedio per tante cose! Per questo ti prometto che dimenticheremo la tua esplosiva dichiarazione del 2017 durante la campagna elettorale, in cui avevi dichiarato che la pornografia – cito – fa parte della vita. È stato un errore di gioventù, per questo siamo disposti a perdonarti, ma se tu agirai davvero contro la pornografia. Non è necessario che tu finisca col dirci che “a suo tempo un famoso personaggio – diventato un oracolo – aveva visto dei film pornografici, come tutti, del resto”. Ma il meno che si possa dire è che guardava – scusi il termine – delle porcherie, e che tutto ciò non gli ha portato fortuna. E che ora l’oracolo invocato ha tutto il tempo di dedicarsi al suo trogolo, (pastone per maiali). Fai in modo, Manu, di non finire come lui!

Bene, Manu, è necessario porre un termine a tutto ciò. Continua a guardare ogni sera TV Liberté, e rifletti bene sulla nostra discussione di questa sera. È in gioco il tuo avvenire. Ossequi.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Decryptage/Manu-ce-soir-ecoute-moi

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il lento smottamento dell’Europa dei Trattati senza Costituzione, senza radici e senza classe dirigente

      di Giulio Sapelli. Tutto sta franando. È un movimento lento, uno smottamento che investe tutto il mondo e trasforma insediamenti umani stabili in grumi di aggregazioni a frattali, sottoposti a quella polverizzazione argillosa che divide, biforca e che di fatto innerva di nuovo il tragico (perché disperato e sempre incompiuto) sogno gollista di un’Europa politica e militare dall’Atlantico agli Urali. Del resto rimane l’unico disegno per costruire un’Europa potenza marittima, ossia talassocratica, e quindi potenza mondiale non soffocata tra l’incubo dell’accerchiamento tedesco e il pescar nel mortaio di medie potenze regionali costrette a politiche internazionali di mediazione che altro non fanno che indebolire le medie potenze così costantemente divise. Questo significa multiple alleanze in contemporanea: è una gerarchia tra vassalli di media potenza senza un impero e senza un imperatore. Leggi il seguito…

    • Con Francesco il rovesciamento della sussidiarietà

      di Paolo Bellavite. Da un confronto tra quattro encicliche sociali che hanno affrontato il tema della sussidiarietà e quindi del rapporto fra Stato e corpi intermedi, si ricava che la concezione espressa in Fratelli Tutti è diametralmente opposta a quella proposta da Leone XIII, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Leggi il seguito…

    • La Federazione e il Centrodestra che verrà

      di Giovanni Toti. Bene ha fatto l’amico Matteo Salvini a cogliere il suggerimento che gli avevamo dato all’indomani delle elezioni regionali e a lanciare un sasso nello stagno di un centrodestra che ha bisogno di essere ripensato. Il tempo è giusto: dopo la guerra al Covid, arriverà il dopoguerra, con tutta la sua voglia di ricostruire, di cambiare, di tornare a crescere e lavorare, di costruire un Paese migliore. Leggi il seguito…

    • Ambientalismo e globalismo, le ideologie più pericolose

      di Stefano Fontana. L’ambientalismo è una grande bolla ideologica, il globalismo è un’etica dell’umanità con pochi e generici principi morali per una religione universale senza dogmi e dottrine. A questo progetto inquietante sta dando il proprio appoggio anche la Chiesa cattolica. Il dodicesimo Rapporto dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a Ambientalismo e globalismo, le due ideologie più pericolose del momento, che puntano a convergere su un unico piano politico mondiale. Leggi il seguito…