L’ultima dei sinistri: il sovranismo è una malattia!

di Cominius.

La malattia si chiama “sovranismo psichico”. E’ inguaribile? Forse no, e possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché sembra che almeno una terapia farmacologica ci sia, e l’ha individuata Gilberto Corbellini, un pezzo da novanta del CNR: si chiama ossitocina. Segnatevela, se siete afferrati da un attacco grave magari il farmacista ve la dà pure senza ricetta. I sintomi? Ce li descrive autorevolmente il dizionario Treccani on line: è un atteggiamento mentale caratterizzato dalla difesa identitaria del proprio presunto spazio vitale (mi raccomando il presunto, sennò che pazzia sarebbe?).

L’espressione figura nel 52. Rapporto Censis: roba seria, ma se non bastasse Treccani rafforza il concetto col supporto di tre giornalisti, rispettivamente del Manifesto, del Fatto e di Repubblica, testate che notoriamente brillano per terzismo avalutativo. In questo modo: questo grumo ideologico di nazionalismo securitario e xenofobo seduce molti italiani, rinchiusi nei limiti della “Piccola Patria” e nei riti del “sovranismo psichico” (dixit Massimo Giannini). Che poi – con rapido e volpino passaggio ermeneutico – si sa che quello psichico è la base vera del sovranismo politico, altro che discorsi.

Cioè, per capirci: quelle che in qualche modo (più o meno argomentato e articolato, ovviamente, ma questo vale per tutte le preferenze) condividono praticamente il 50% degli elettori non sono propriamente opinioni politiche: è una malattia.

Qualora non ne foste ancora abbastanza convinti, ecco pronto lo psicanalista Massimo Recalcati, che parla di sovranismo come spinta compulsiva alla chiusura, “trasfigurazione psicopatologica dei confini in muri, propria di una nuova clinica securitaria” e, gentile come sempre, il medico e attivista Gino Strada che dà del cretino a chi pensa di frenare le migrazioni (ma non per modo di dire, “proprio in senso medico, che ha deficit neuronali”).

A seguire, con preoccupante catena emulativa, migliaia e migliaia di Signori e Signore Laqualunque che sui social danno dell’imbecille, del coatto, dell’analfabeta funzionale a metà degli italiani, fortunatamente con sicuro effetto boomerang, considerando il livello dell’argomento messo in campo.

Insomma l’interlocutore non esprime una diversa modalità di affrontare un problema politico contingente, ma quasi teologicamente incarna un male storico radicale che produce un’alterazione mentale di resistenza al progresso e di chiusura “identitaria”: infine l’alternativa light alla soppressione (reale o metaforica) dell’Avversario è il suo accudimento sanitario.

E’ d’obbligo il richiamo all’uso politico della psichiatria nei sistemi comunisti. Sono sicuro che il paragone stupirebbe gli amorevoli medici e i pensosi intellettuali che affollano il capezzale degli sfortunati. Ma i comunisti non erano convinti davvero che il rifiuto del mondo bellissimo che stavano costruendo si potesse spiegare solo con la pazzia? In fondo erano buoni anche loro, loro che per settant’anni hanno curato col manicomio pazzi di questo tipo, ossia dissidenti politici trattati come pazzi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…