L’ultima dei sinistri: il sovranismo è una malattia!

di Cominius.

La malattia si chiama “sovranismo psichico”. E’ inguaribile? Forse no, e possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché sembra che almeno una terapia farmacologica ci sia, e l’ha individuata Gilberto Corbellini, un pezzo da novanta del CNR: si chiama ossitocina. Segnatevela, se siete afferrati da un attacco grave magari il farmacista ve la dà pure senza ricetta. I sintomi? Ce li descrive autorevolmente il dizionario Treccani on line: è un atteggiamento mentale caratterizzato dalla difesa identitaria del proprio presunto spazio vitale (mi raccomando il presunto, sennò che pazzia sarebbe?).

L’espressione figura nel 52. Rapporto Censis: roba seria, ma se non bastasse Treccani rafforza il concetto col supporto di tre giornalisti, rispettivamente del Manifesto, del Fatto e di Repubblica, testate che notoriamente brillano per terzismo avalutativo. In questo modo: questo grumo ideologico di nazionalismo securitario e xenofobo seduce molti italiani, rinchiusi nei limiti della “Piccola Patria” e nei riti del “sovranismo psichico” (dixit Massimo Giannini). Che poi – con rapido e volpino passaggio ermeneutico – si sa che quello psichico è la base vera del sovranismo politico, altro che discorsi.

Cioè, per capirci: quelle che in qualche modo (più o meno argomentato e articolato, ovviamente, ma questo vale per tutte le preferenze) condividono praticamente il 50% degli elettori non sono propriamente opinioni politiche: è una malattia.

Qualora non ne foste ancora abbastanza convinti, ecco pronto lo psicanalista Massimo Recalcati, che parla di sovranismo come spinta compulsiva alla chiusura, “trasfigurazione psicopatologica dei confini in muri, propria di una nuova clinica securitaria” e, gentile come sempre, il medico e attivista Gino Strada che dà del cretino a chi pensa di frenare le migrazioni (ma non per modo di dire, “proprio in senso medico, che ha deficit neuronali”).

A seguire, con preoccupante catena emulativa, migliaia e migliaia di Signori e Signore Laqualunque che sui social danno dell’imbecille, del coatto, dell’analfabeta funzionale a metà degli italiani, fortunatamente con sicuro effetto boomerang, considerando il livello dell’argomento messo in campo.

Insomma l’interlocutore non esprime una diversa modalità di affrontare un problema politico contingente, ma quasi teologicamente incarna un male storico radicale che produce un’alterazione mentale di resistenza al progresso e di chiusura “identitaria”: infine l’alternativa light alla soppressione (reale o metaforica) dell’Avversario è il suo accudimento sanitario.

E’ d’obbligo il richiamo all’uso politico della psichiatria nei sistemi comunisti. Sono sicuro che il paragone stupirebbe gli amorevoli medici e i pensosi intellettuali che affollano il capezzale degli sfortunati. Ma i comunisti non erano convinti davvero che il rifiuto del mondo bellissimo che stavano costruendo si potesse spiegare solo con la pazzia? In fondo erano buoni anche loro, loro che per settant’anni hanno curato col manicomio pazzi di questo tipo, ossia dissidenti politici trattati come pazzi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Toga, la Cupola e gli italiani

      di Marcello Veneziani. Ma davvero vi aspettavate che la Corte costituzionale desse il via libera al referendum promosso dalla Lega? Ma in che mondo vivete, conoscete le biografie dei giudici costituzionali, chi li ha voluti lì, e più in generale conoscete le leggi inesorabili del potere, il loro reciproco sostegno? E la stessa cosa vale per la decisione della Cassazione in merito alla questione Carola Rackete; pensavate davvero che accadesse il contrario? Leggi il seguito…

    • La Corte, il referendum e la “manipolazione” sospetta

      di Gaetano Quagliariello. Come sempre attenderemo il deposito delle motivazioni per esprimere un giudizio compiuto. Ma quel che abbiamo letto sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum elettorale maggioritario è già sufficiente per esprimere più di qualche perplessità. Leggi il seguito…

    • Ratzinger e Sarah hanno toccato il nervo scoperto dell’”ideologia bergogliana”

      di Eugenio Capozzi. Dopo giorni di polemiche roventi sul volume in difesa del celibato sacerdotale firmato dal papa emerito Benedetto XVI e dal cardinale Robert Sarah, Des profondeurs de nos coeurs, e alla luce dei contenuti effettivi del libro stesso, si può affermare che la contesa sorta in questa occasione rappresenta una svolta epocale, un punto di non ritorno per la dialettica interna alla Chiesa e al mondo cattolico. Leggi il seguito…

    • Celibato, negare la dottrina confermandola

      di Stefano Fontana. Nella Chiesa si è ormai diffusa l’idea che questo pontificato voglia cambiare molte cose dottrinali ribadendo però la dottrina. Siamo davanti ad una nuova evidente prova che nella Chiesa ci sono oggi due linguaggi teologici incompatibili. Leggi il seguito…