L’Altrove da cui viene la vita

E’ quasi Natale. Nella tradizione cattolica questa festa è legata anche alla bellezza della famiglia, della maternità e della paternità.

Per questo la grande arte ha rappresentato in mille modi la gioia, la tenerezza, la dolcezza di Maria, la docilità di Giuseppe.

Un’amica pittrice, Tiziana Sembianti, però, ha recentemente dipinto un bellissimo quadro, che a prima vista può lasciare stupefatti: la Madonna ha lo sguardo un po’ triste, spaventato! Con la mano copre quella del figlio, quasi a volerlo proteggere.

Divenire padri e madri è una grande avventura che richiede coraggio e fiducia: il figlio porterà con sé gioie e dolori, speranze e delusioni.

Oggi la denatalità, in Occidente, non ha, se non marginalmente, motivazioni economiche: infatti gli italiani facevano molti più figli alla fine della seconda guerra mondiale, sotto le bombe, quando si stava certamente molto peggio di oggi.

C’è, la denatalità, perché manca la certezza del significato presente in ogni esistenza, al di là del qui ed ora, al di là dell’istante presente. I nostri avi avevano delle Tradizioni e dei valori in cui radicarsi, e uno sguardo verso il futuro permesso dalla visione religiosa, per la quale ognuno di noi è caratterizzato da molteplici legami (religione deriva, probabilmente, da religamen, cioè legame): con la propria terra, con gli altri, e, soprattutto con Dio.

Oggi questi legami mancano; non si sa dove appoggiare i piedi, non si capisce bene per cosa siamo nati a fare: è allora inevitabile che si perdano anche quella generosità e quella fiducia che soli spingono l’uomo a rinnovarsi, a ritornare bambino attraverso i suoi figli.

La retorica moralista odierna parla molto di “accoglienza”, di “diversità”, ma i fatti dicono che si tratta, appunto, di vuota retorica: facciamo fatica ad accogliere l’altro; ci è difficile avere relazioni stabili con il coniuge (che è diverso da noi, quanto a sesso e a carattere) o con gli amici; abbiamo paura di accogliere una vita nascente, con tutto il carico di novità e mutamenti che comporta.

“L’accoglimento del nuovo- scrive Claudio Risè nel suo La crisi del dono  La nascita e il no alla vita- richiede sacrificio del vecchio, rinuncia alla centralità dell’Io ormai consolidato e spesso anche sclerotizzato, alla soddisfazione dei suoi sempre uguali e ripetitivi bisogni. La gioia del rinnovamento e dello sviluppo è accompagnata da momenti di sacrificio e di fatica… Non sempre l’uomo è disposto ad accettare le fatiche portate dall’avvento del nuovo: in questi casi il bambino viene ucciso, e la nascita non avviene”.

Ma torniamo al quadro della Sembianti: anche Maria ha un po’ paura; gli è stato chiesto qualcosa di straordinario, e ha detto di sì.

Ciò non toglie che immagini cosa significa diventare “madre di Dio”, che intuisca cosa vorrà dire assistere alla morte del figlio sulla croce.

Per questo tiene la mano sopra quella del bambin Gesù… che però, a sua volta, con l’altra manina, protegge e copre quella della madre!

Dio ci chiede tante volte coraggio e generosità, anche di fronte ad una nuova vita da accogliere, e questo ci può far paura: ma ci è anche sempre vicino, non ci dimentica mai.

E questo è anche il messaggio del Natale, che, per citare ancora Claudio Risè, ci mette in contatto con un “Altrove da cui viene la nuova vita, una sorgente di continuo cambiamento che ci avvicina all’Altro divino, al suo misterioso manifestarsi e ci mette quindi in contatto con il sacro e la sua forza”.

da: Lavocedeltrentino.it

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • E la dittatura impose il reato di vivere

      di Marcello Veneziani. L’Italia si avvia a diventare un regime totalitario temperato dall’inefficienza e dal ridicolo. Con la scusa della salute è stato introdotto il divieto di sbarco agli italiani in piazza, al bar, al ristorante, sulle spiagge; ora mitigato da libertà provvisoria, con la condizionale. I veri clandestini sono gli italiani, sorpresi a consumare all’aperto il più losco dei crimini: il reato di vivere. L’eversione ha un nome preciso: movida. Acchiappatelo, fa la movida. È pericoloso, ha un’arma in pugno, lo spritz. Leggi il seguito…

    • Ora Godot-Bonaccini aspira a Palazzo Chigi

      di Giuseppe Leonelli. Il suo libro su come battere la destra presentato due settimane fa, in piena emergenza sanitaria, era già un segnale chiaro delle mire romane del governatore emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini, ma ora arriva la conferma dalle sue stesse parole. “Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla, ci si mette a disposizione se si ha passione politica per migliorare la cosa pubblica” – ha infatti detto Bonaccini rispondendo a una domanda del direttore de L’Espresso sulla possibilità di una sua candidatura a premier. Leggi il seguito…

    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…