Il trionfo dei tories e il tonfo dei sinistrosauri

di Marcello Veneziani.

No, ladies e gentlemen, no signori e signorini, la colpa non è di Jeremy Corbyn, perché è un vecchio arnese di sinistra e non è invece una guizzante sardina travestita da moderato e liberal. Se il fronte antiBrexit ha perso la colpa non è del candidato laburista sbagliato ma perché ha perso il contatto con la realtà, a Londra come da noi. Non avete capito che gli inglesi volevano davvero uscire dall’Unione europea, non erano affatto pentiti del voto sulla Brexit. E Johnson ha trionfato semplicemente perché è stato di parola, ha sostenuto quel che i cittadini avevano chiesto, ha rispettato il mandato elettorale e politico ricevuto dal popolo sovrano.

Non ci troviamo davanti a trasformisti e marionette, Fregoli e Pulcinella, per alludere al caso nostrano. Ci troviamo davanti a un signore inglese stravagante e anche gaffeur finché volete, un conservatore spettinato, cioè un ossimoro vivente, che però ha ottimi studi, fu lanciato dalla Thatcher, ama le lettere classiche e il latino, dunque è pienamente dentro la civiltà europea. Ma è fuori dall’Unione europea perché reputa come i suoi concittadini, che si stia meglio fuori. E la sterlina che doveva stramazzare sotto il peso della Brexit, dopo il responso elettorale, ha preso il volo.

Certo, gli inglesi sono isolani non per modo di dire, guardano all’Atlantico, si sentono vicini ai cugini statunitensi e in Europa non vogliono essere terzi a nessuno, francesi e tedeschi, per esempio. Erano già fuori con la moneta, salvarono il loro paese con la sterlina e infatti sono diventati in questi anni di euro l’attrazione e il rifugio di tanti europei, italiani in testa. Ma la lezione è importante per tutti.

Il vero problema è uno e si ripete ormai da troppo tempo: la rappresentazione mediatica e istituzionale ci racconta una cosa che non corrisponde alla realtà. E infatti la realtà smentisce radicalmente tutte le previsioni. Lo abbiamo visto anche da noi, con le analisi, i reportage, i servizi dei tg, che per mesi hanno messo in scena il finto dramma elisabettiano dell’Inghilterra pentita, che non vuol sentir più parlare di Brexit, come se gliel’avesse imposta il medico o il nemico e non se la fosse inflitta da sola. E pareva di vedere la catastrofe degli inglesi, la city ridotta a Cartagine, la gente in fuga da Londra, gli scafisti inglesi che portavano la gente nel continente… E invece non era così, vi eravate inventati tutto, stavate seguendo la vostra immaginazione, il vostro racconto ideologico di fantasia.

Perciò l’errore politico e umano non è di Corbyn che anzi – come suol dirsi- ci ha messo la faccia e ha mantenuto un filo di coerenza british. Ma lo sbaglio è vostro, di tutto il circo anglo-europeo-global, progressista, liberal e radical, che continua a non capire che la gente vive male la perdita dei confini e della sovranità popolare e nazionale imposta dalle oligarchie global-progressiste.

Il meccanismo è sempre lo stesso, sin dai tempi del comunismo: se il regime comunista sbagliava la colpa non era mai del comunismo ma del singolo leader, del singolo dittatore, dei deviazionisti, se non delle forze oscure della reazione che si erano insinuate nel potere. E infatti se cercate un’analisi severa dei comunismi non la troverete. Al più trovate le accuse a Stalin o ad altri singoli autocrati. E invece no, il difetto era nel manico e non in chi lo maneggiava perché ovunque dava gli stessi fallimentair risultati. La stessa cosa vale ora per la sinistra postcomunista. Non si tratta di errori attribuibili a un personaggio, a una faccia, a una campagna elettorale. Si tratta di un divorzio radicale tra la sinistra e la realtà. La sinistra inglese come quella italiana, come quella global. La stessa che prevede una catastrofe per Trump. E comunque per delegittimarlo lo processa. Erano partiti per processarlo con un capo d’accusa, la Russia, il Sesso, gli Affari, poi via via sono cambiati. Poi i capi d’accusa cambiano per l’impeachment ma quel che resta è la necessità di criminalizzarlo. Lo stesso successe e succede in Italia.

Quando la realtà smentisce l’ideologia, il postulato, la colpa è della realtà e bisogna adottare una misura correttiva. E se non ci riescono i giudici, allora si aspettano dalle urne il miracolo, che emettano il responso da loro suggerito con una martellante campagna psico-politica e intimidatoria, se non a tratti terroristica.

E non hanno mai il coraggio dopo di fare autocritica, di ammettere di essersi sbagliati. Intendiamoci, nessuno chiede alla sinistra di essere altro da sé, di doversi convertire a sostenere tesi opposte. Restate pure nelle vostre convinzioni, per carità. Ma sappiate che non sono condivise dalla gente, urtano contro la realtà, il sentire comune. Assumetevi la responsabilità di sostenere posizioni di minoranza. E poi magari a livello culturale ponetevi il problema se si può fare politica contro la realtà, interpretando a rovescio il sentire comune, rinchiudendosi nel fortino di Palazzo. E cercano con i giochi di Palazzo di supplire alle sconfitte delle urne.

La sconfitta del fronte antiBrexit non è solo la sconfitta dei laburisti inglesi. È la sconfitta di un Establishment euroglobale, e di tutta la satrapia che ha messo in piedi l’Unione Europea. Pensateci, prima di crocifiggere il povero socialista che ebbe il torto di non travestirsi da sardina.

MV, La Verità 14 dicembre 2019

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…