Anche Checco Zalone finisce nel tritacarne del politicamente corretto

di Davide Venanzi.

In attesa del nuovo film, “Tolo Tolo”, che uscirà nelle sale il 1° gennaio 2020, Checco Zalone ha ben pensato di pubblicare il video della canzone che farà parte della sua ultima commedia. Il pezzo si intitola “Immigrato” ed è scritto e cantato dallo stesso Checco Zalone e si basa sulle note della canzone di Adriano Celentano “Sono un italiano”. L’avesse mai fatto! Perché, a quanto pare, la canzone in questione ha suscitato la consueta reazione indignata, di certa sinistra terzomondista e politicamente correttissima.

Ad esempio, l’associazione di volontariato Baobab, che lavora con i migranti, ha commentato: “Il video ‘Immigrato’ di #CheccoZalone è terribile e non fa ridere. C’è poco altro da commentare, nessun bisogno di addentrarsi in analisi di chissà quali sfumature: banale spazzatura per il mercato delle festività”.

Ancora, i quei immancabili quei commenti in cui si associa il video di Zalone al tentativo di lanciare un messaggio razzista e fascista. Infatti, un utente scrive: “Dell’essenza del #CheccoZalone che guardavo quando era a Zelig, non ne ho visto nemmeno l’ombra, con una bestialità di promo che non fa ridere e promuove cose pericolose per il paese. Delle persone normali si rifiuterebbero di andarlo a vedere al cinema”.

Un altro utente, infine, ha un dubbio amletico sulla questione, perché dice: “Non ho capito se la canzone di Zalone ‘Immigrato’ è fascista e razzista oppure prende in giro chi lo è. O è entrambe le cose, se possibile. Secondo voi?”.

Dunque, non sembra esserci nulla di nuovo all’orizzonte. Checco Zalone è diventato per certa Sinistra al caviale un ulteriore Capro Espiatorio con cui sfogare la propria intolleranza verso chi non si piega alle logiche di quell’ideologia politically correct che soffoca, in nome di una presunta lotta al razzismo, di cui in realtà non si vede concretamente l’ombra, la libertà di pensiero di chi non la condivide. Pertanto, a causa di ciò, è stato scomodato anche Pietro Valsecchi, patron della società di produzione del film, il quale ha dichiarato all’ANSA: “Per me – e credo di interpretare anche il pensiero di Luca – e quindi per noi, la diversità è sempre stata un valore a tutti i livelli: di pensiero, di origine sociale, di provenienza geografica. La satira vuole prendersi gioco di tutte le certezze, qualunque esse siano, e chi non la capisce, forse non vuole neanche provare a mettersi in discussione. E quando graffia, graffia. Vi aspetto tutti il primo gennaio in sala: evviva Tolo Tolo”.

Ad ogni modo, il comico sembra aver centrato l’obiettivo, ossia quello di lanciare il film, probabilmente anche grazie allo sdegno dei personaggi citati sopra: il video ha, infatti, raggiunto circa 1.7 milioni di visualizzazioni. Ora non resta che attendere il debutto della pellicola nelle sale, con buona pace di quella Sinistra forcaiola, bigotta e semicolta che non solo è sempre pronta a giudicare i contenuti di un prodotto da un video di pochi minuti, ma si sente anche in diritto di decidere cosa rientri nella satira e cosa no.

fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Toga, la Cupola e gli italiani

      di Marcello Veneziani. Ma davvero vi aspettavate che la Corte costituzionale desse il via libera al referendum promosso dalla Lega? Ma in che mondo vivete, conoscete le biografie dei giudici costituzionali, chi li ha voluti lì, e più in generale conoscete le leggi inesorabili del potere, il loro reciproco sostegno? E la stessa cosa vale per la decisione della Cassazione in merito alla questione Carola Rackete; pensavate davvero che accadesse il contrario? Leggi il seguito…

    • La Corte, il referendum e la “manipolazione” sospetta

      di Gaetano Quagliariello. Come sempre attenderemo il deposito delle motivazioni per esprimere un giudizio compiuto. Ma quel che abbiamo letto sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum elettorale maggioritario è già sufficiente per esprimere più di qualche perplessità. Leggi il seguito…

    • Ratzinger e Sarah hanno toccato il nervo scoperto dell’”ideologia bergogliana”

      di Eugenio Capozzi. Dopo giorni di polemiche roventi sul volume in difesa del celibato sacerdotale firmato dal papa emerito Benedetto XVI e dal cardinale Robert Sarah, Des profondeurs de nos coeurs, e alla luce dei contenuti effettivi del libro stesso, si può affermare che la contesa sorta in questa occasione rappresenta una svolta epocale, un punto di non ritorno per la dialettica interna alla Chiesa e al mondo cattolico. Leggi il seguito…

    • Celibato, negare la dottrina confermandola

      di Stefano Fontana. Nella Chiesa si è ormai diffusa l’idea che questo pontificato voglia cambiare molte cose dottrinali ribadendo però la dottrina. Siamo davanti ad una nuova evidente prova che nella Chiesa ci sono oggi due linguaggi teologici incompatibili. Leggi il seguito…