Una banca su tre è a rischio di chiusura

Articolo in video redatto da François Billot de Lochner – 15 novembre 2019

Ogni giorno François Billot de Lochner propone in un breve video televisivo una stimolante cronaca sull’attualità politica, economica, morale, sociale e culturale. Nulla gli è estraneo.

la prestigiosa società di informazioni McKinsey, con sede a New York, ha appena pubblicato un rapporto che ha avuto l’effetto di una bomba… Una banca su tre, nel mondo, sarebbe minacciata da una prossima chiusura.

Quali sono le ragioni? Per queste banche minacciate la loro rendita è troppo debole, compresa tra l’1 e il 2%, contro una rendita che qualche anno fa era maggiore. Inoltre i loro bilanci rigurgitano di debiti irrecuperabili. Infine, alcune di esse distruggono dei valori che non creano.

L’orizzonte non preannuncia alcuna schiarita in una tendenza generale che propone dei tassi sempre più bassi. Le banche ne escono con un alto volume di prestiti, ma tutto ciò, in questa congiuntura, sarà per esse fatale.

Esse, inoltre, mettono in atto una febbrile attività su delle azioni di mercato su derivati che sono per la finanza quanto è il casinò per l’arricchimento personale. Si capisce che siamo di fronte a una sfrenata speculazione su tutti i mercati a rischio, coinvolgendo in tal modo anche il cittadino comune.

Questa fase appariva già acuta 10 anni prima della famosa crisi del 2008. Noi stiamo andando verso la fine di un ciclo. Per la quarta volta dopo l’inizio dell’anno il FMI (Fondo monetario Internazionale), ha riveduto al ribasso le previsioni di crescita. Fra il 2008 e il 2018, nei 28 paesi europei 60mila impiegati di banca hanno perso il lavoro. E le banche non sono le sole a dover temere per il loro avvenire.

Ciò detto, in Europa le banche possono contare sull’oltraggiosa generosità della Banca centrale che, a getto continuo, continua a iniettare liquidità per ritardare la catastrofe della caduta finale. Queste liquidità non corrispondono ad alcuna creazione di ricchezza. Esse sono dunque l’esatta definizione della falsa moneta. Non ci sono dubbi, quindi, che noi dovremo pagare cara una situazione tanto aberrante.

(Questo è il tragico avverarsi di quanto detto dalla Regina della Pace a Medjugorje: “Volete costruire un mondo senza Dio, per questo non avrete futuro, né vita eterna”. Quando l’uomo si fa dio, combina solo guai. Ndt)

Potete scrivermi, se lo desiderate. A presto.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Decryptage/Une-banque-sur-trois-menacee-de-fermeture

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Toga, la Cupola e gli italiani

      di Marcello Veneziani. Ma davvero vi aspettavate che la Corte costituzionale desse il via libera al referendum promosso dalla Lega? Ma in che mondo vivete, conoscete le biografie dei giudici costituzionali, chi li ha voluti lì, e più in generale conoscete le leggi inesorabili del potere, il loro reciproco sostegno? E la stessa cosa vale per la decisione della Cassazione in merito alla questione Carola Rackete; pensavate davvero che accadesse il contrario? Leggi il seguito…

    • La Corte, il referendum e la “manipolazione” sospetta

      di Gaetano Quagliariello. Come sempre attenderemo il deposito delle motivazioni per esprimere un giudizio compiuto. Ma quel che abbiamo letto sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum elettorale maggioritario è già sufficiente per esprimere più di qualche perplessità. Leggi il seguito…

    • Ratzinger e Sarah hanno toccato il nervo scoperto dell’”ideologia bergogliana”

      di Eugenio Capozzi. Dopo giorni di polemiche roventi sul volume in difesa del celibato sacerdotale firmato dal papa emerito Benedetto XVI e dal cardinale Robert Sarah, Des profondeurs de nos coeurs, e alla luce dei contenuti effettivi del libro stesso, si può affermare che la contesa sorta in questa occasione rappresenta una svolta epocale, un punto di non ritorno per la dialettica interna alla Chiesa e al mondo cattolico. Leggi il seguito…

    • Celibato, negare la dottrina confermandola

      di Stefano Fontana. Nella Chiesa si è ormai diffusa l’idea che questo pontificato voglia cambiare molte cose dottrinali ribadendo però la dottrina. Siamo davanti ad una nuova evidente prova che nella Chiesa ci sono oggi due linguaggi teologici incompatibili. Leggi il seguito…