Una banca su tre è a rischio di chiusura

Articolo in video redatto da François Billot de Lochner – 15 novembre 2019

Ogni giorno François Billot de Lochner propone in un breve video televisivo una stimolante cronaca sull’attualità politica, economica, morale, sociale e culturale. Nulla gli è estraneo.

la prestigiosa società di informazioni McKinsey, con sede a New York, ha appena pubblicato un rapporto che ha avuto l’effetto di una bomba… Una banca su tre, nel mondo, sarebbe minacciata da una prossima chiusura.

Quali sono le ragioni? Per queste banche minacciate la loro rendita è troppo debole, compresa tra l’1 e il 2%, contro una rendita che qualche anno fa era maggiore. Inoltre i loro bilanci rigurgitano di debiti irrecuperabili. Infine, alcune di esse distruggono dei valori che non creano.

L’orizzonte non preannuncia alcuna schiarita in una tendenza generale che propone dei tassi sempre più bassi. Le banche ne escono con un alto volume di prestiti, ma tutto ciò, in questa congiuntura, sarà per esse fatale.

Esse, inoltre, mettono in atto una febbrile attività su delle azioni di mercato su derivati che sono per la finanza quanto è il casinò per l’arricchimento personale. Si capisce che siamo di fronte a una sfrenata speculazione su tutti i mercati a rischio, coinvolgendo in tal modo anche il cittadino comune.

Questa fase appariva già acuta 10 anni prima della famosa crisi del 2008. Noi stiamo andando verso la fine di un ciclo. Per la quarta volta dopo l’inizio dell’anno il FMI (Fondo monetario Internazionale), ha riveduto al ribasso le previsioni di crescita. Fra il 2008 e il 2018, nei 28 paesi europei 60mila impiegati di banca hanno perso il lavoro. E le banche non sono le sole a dover temere per il loro avvenire.

Ciò detto, in Europa le banche possono contare sull’oltraggiosa generosità della Banca centrale che, a getto continuo, continua a iniettare liquidità per ritardare la catastrofe della caduta finale. Queste liquidità non corrispondono ad alcuna creazione di ricchezza. Esse sono dunque l’esatta definizione della falsa moneta. Non ci sono dubbi, quindi, che noi dovremo pagare cara una situazione tanto aberrante.

(Questo è il tragico avverarsi di quanto detto dalla Regina della Pace a Medjugorje: “Volete costruire un mondo senza Dio, per questo non avrete futuro, né vita eterna”. Quando l’uomo si fa dio, combina solo guai. Ndt)

Potete scrivermi, se lo desiderate. A presto.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Decryptage/Une-banque-sur-trois-menacee-de-fermeture

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…