Una banca su tre è a rischio di chiusura

Articolo in video redatto da François Billot de Lochner – 15 novembre 2019

Ogni giorno François Billot de Lochner propone in un breve video televisivo una stimolante cronaca sull’attualità politica, economica, morale, sociale e culturale. Nulla gli è estraneo.

la prestigiosa società di informazioni McKinsey, con sede a New York, ha appena pubblicato un rapporto che ha avuto l’effetto di una bomba… Una banca su tre, nel mondo, sarebbe minacciata da una prossima chiusura.

Quali sono le ragioni? Per queste banche minacciate la loro rendita è troppo debole, compresa tra l’1 e il 2%, contro una rendita che qualche anno fa era maggiore. Inoltre i loro bilanci rigurgitano di debiti irrecuperabili. Infine, alcune di esse distruggono dei valori che non creano.

L’orizzonte non preannuncia alcuna schiarita in una tendenza generale che propone dei tassi sempre più bassi. Le banche ne escono con un alto volume di prestiti, ma tutto ciò, in questa congiuntura, sarà per esse fatale.

Esse, inoltre, mettono in atto una febbrile attività su delle azioni di mercato su derivati che sono per la finanza quanto è il casinò per l’arricchimento personale. Si capisce che siamo di fronte a una sfrenata speculazione su tutti i mercati a rischio, coinvolgendo in tal modo anche il cittadino comune.

Questa fase appariva già acuta 10 anni prima della famosa crisi del 2008. Noi stiamo andando verso la fine di un ciclo. Per la quarta volta dopo l’inizio dell’anno il FMI (Fondo monetario Internazionale), ha riveduto al ribasso le previsioni di crescita. Fra il 2008 e il 2018, nei 28 paesi europei 60mila impiegati di banca hanno perso il lavoro. E le banche non sono le sole a dover temere per il loro avvenire.

Ciò detto, in Europa le banche possono contare sull’oltraggiosa generosità della Banca centrale che, a getto continuo, continua a iniettare liquidità per ritardare la catastrofe della caduta finale. Queste liquidità non corrispondono ad alcuna creazione di ricchezza. Esse sono dunque l’esatta definizione della falsa moneta. Non ci sono dubbi, quindi, che noi dovremo pagare cara una situazione tanto aberrante.

(Questo è il tragico avverarsi di quanto detto dalla Regina della Pace a Medjugorje: “Volete costruire un mondo senza Dio, per questo non avrete futuro, né vita eterna”. Quando l’uomo si fa dio, combina solo guai. Ndt)

Potete scrivermi, se lo desiderate. A presto.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Decryptage/Une-banque-sur-trois-menacee-de-fermeture

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate. Sulla strada della carità nella verità

      di Mons. Gianpaolo Crepaldi. Ricorrono quest’anno i 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate (2009) di Benedetto XVI. Il 3 dicembre 2019, si è tenuto in Vaticano un Convegno Internazionale per ricordare l’evento. Pubblichiamo l’Introduzione all’Enciclica scritta dall’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace durante l’elaborazione del testo dell’Enciclica e, nei giorni della sua uscita, Vescovo eletto di Trieste, pubblicata dalle edizioni Cantagalli nel 2009. Leggi il seguito…

    • Cop 25, cosa non deve fare un cattolico. Decalogo contro l’allarmismo verde

      di Stefano Fontana. Come dovrebbe essere l’atteggiamento cattolico nei confronti di un evento come il Vertice delle Nazioni Unite sul clima in corso a Madrid (Cop 25)? Un decalogo su come reagire di fronte all'allarmismo ecologista sul riscaldamento globale, alle politiche degli Stati sovra-nazionali e alle manifestazioni di piazza, scioperi per il clima, movimenti studenteschi che caratterizzano questo nuovo millenarismo. Molto più simile a un culto pagano che ad una politica basata sulla scienza.  Leggi il seguito…

    • O partigiano (se ancora esisti) portali via…

      di Giuseppe Leonelli. L’occasione è stata il via libera definitivo, la scorsa settimana, alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen. Un momento di festa per sette dei 9 nuovi commissari di area socialista, tra cui il titolare degli Affari Economici Paolo Gentiloni, i quali hanno pensato bene di fare baldoria intonando il canto partigiano per eccellenza, Bella Ciao. Una iniziativa ovviamente circolata in rete, di fronte alla quale a una settimana di distanza si sono alzate le comprensibili proteste in Italia di Giorgia Meloni e Matteo Salvini i quali hanno parlato di “scandaloso e ridicolo teatrino”. Leggi il seguito…

    • I Messi dell’Eurocrazia

      di Marcello Veneziani. Sapevamo che questo governo era nato con un solo scopo: sopravvivenza di gruppo e personale, al governo e in parlamento, impedendo il voto e la vittoria di Salvini coi suoi alleati. Questo è lo scopo interno di quell’alleanza, il mastice. Abbiamo in questi giorni conosciuto lo scopo esterno assegnato al governo Contebis: eseguire i comandi dell’Eurocrazia, non solo in tema di migranti ma soprattutto in tema di conti, secondo le direttive europee, come testimonia il Mes. La vera ragion politica del governo in carica, oltre quella pietosa di natura personale, era e resta quella. Non c’è un progetto, una grande riforma, un obbiettivo primario davanti, ma c’è solo quel core business: eseguire il mandato degli eurocrati, di cui il pd è la guarda bianca, la filiale interna. Il partito al servizio dell’establishment è il Pd, è il concessionario di zona dei poteri europei, è il rivenditore autorizzato della pappa europea ma è anche il rappresentante, il messo solerte delle sue direttive. Leggi il seguito…