Sardine, errato minimizzare: dicono che una Sinistra c’è

di Stefano Fontana.

Sbagliato sottovalutare le sardine. Sotto le macerie dei partiti di sinistra, esistono ancora dei militanti, che hanno convinzioni culturali e politiche. Non basta vincere le elezioni: il centro-destra potrà dire di aver vinto in Emilia Romagna solo quando riuscirà a creare in regione un polo culturale pari a Il Mulino. Lega e Fratelli d’Italia saranno in grado di trasformare un sentimento ora vincente in classe dirigente, in una convinzione politica culturalmente solida? 

Salvini, la Lega, la candidata alla presidenza dell’Emilia Romagna Lucia Borgonzoni, il centro-destra, La VeritàIl Giornale … sbagliano a ridicolizzare il movimento delle “Sardine”. Sbagliano a considerarlo con disprezzo il movimento dei “Baccalà”, sbagliano a limitarsi a provare prove alla mano che è eterodiretto e che dietro alle Sardine c’è Mortadella, altro che apoliticità.

Dietro questa sottovalutazione del fenomeno c’è l’idea che la crisi del Partito Democratico e dei 5 Stelle abbia azzerato le convinzioni culturali e politiche di un certo popolo di sinistra. Si pensa che la crisi di un sistema di potere, come è stato evidenziato alle elezioni regionali in Umbria e come si ipotizza possa essere anche in Emilia Romagna, voglia dire la morte di un certo Decalogo di principi e ideali. La politica politicante, naturalmente, coglie il momento, e ora il momento sembra dire che i partiti di governo siano in difficoltà di credibilità e che i sistemi amministrativi locali costruiti dalla sinistra in questi decenni siano logori. Così, l’obiettivo sembra lì a portata di mano.

Poi però si vede che nuovi militanti riempiono le piazze. Si vede che difendono – a loro modo, ossia in modo vago e approssimativo, perfino strumentale e strumentalizzato, ma comunque difendono  – alcuni principi di vita politica che a loro sono cari. Si vede che hanno in mente un nemico da cui difendere i loro interessi di bottega grandi o piccoli che siano ma anche dei punti di riferimento che, nella loro ottica, riguardano la democrazia, la giustizia, la partecipazione o altro.

Si scopre così che, sotto le macerie dei partiti di sinistra, esistono ancora dei militanti, che la convinzione culturale politica nei confronti di un certo quadro di significati è ancora presente, anche se gli apparati politici non sembrano più in grado di esprimerlo. Si scopre che la crisi del sistema Emilia Romagna, un sistema che lo slogan della Borgonzoni (“L’Emilia Romagna è di tutti”) dipinge realisticamente come proprietà di pochi ormai da troppo tempo, si dà veramente, ma che ciononostante ci sono masse di persone che hanno lo stesso conservato un loro ideale e che sono disposte a scendere in piazza per rivendicarlo.

Comunque venga letto, il fenomeno delle Sardine fa presente che la politica è anche una questione di cultura, di convinzioni, di modi di pensare e valutare e che si è veramente sconfitto il nemico politico non quando si sia approfittato di una sua contingente infermità e debolezza, ma quando si sono diffuse nuova cultura, nuove convinzioni, nuovi modi di pensare e valutare. Il centro-destra potrà dire di aver vinto in Emilia Romagna quando riuscirà a creare in regione un polo culturale pari a Il Mulino. Certo, può anche vincere su un’onda passeggera, su una stanchezza accumulata lungo il tempo e la voglia di cambiare, sulle insoddisfazioni per come finora sono state condotte le cose, su degli scandali amministrativi come in Umbria, ma limitandosi a questo, dopo cinque anni ritornerà a perdere. Sotto le crisi dei partiti di sinistra, Partito Democratico in testa, c’è ancora un immaginario collettivo diffuso – spontaneo o meno che sia – che ricorda a chi pensa di vincere facile, che si vince nelle urne, ma prima bisogna vincere nei cervelli.

Vincere è possibile. Ma poi? Poi ci si trova davanti a due problemi: la cultura della classe dirigente del partito che vince e i suoi collegamenti organici con la società. Ambedue le questioni pongono il problema della qualità oltre a quello della quantità. La classe dirigente deve essere formata ad un progetto di cultura politica, non può essere solo costituita da abili faccendieri. I legami con la società civile non devono essere solo di interessi, che possono morire così come sono nati, ma nutriti di una certa militanza valoriale e di principio. Ciò che lega veramente è sempre il fine, mai il mezzo.

A loro modo, le manifestazioni delle Sardine ricordano questo, dicono ai partiti che sostengono la Borgonzoni che nell’altro campo esistono ancora delle convinzioni politiche, che non potranno essere vinte solo con la conta dei voti nelle urne, e che continueranno ad esserci anche dopo le elezioni. Di rimando questo dovrebbe indurre la Borgonzoni e Salvini a chiedersi se anche loro abbiano un popolo convinto, una cultura politica che possa fare da base duratura al consenso, un progetto politico denso e radicato, profondamente alternativo, su cui costruire una formazione continua ad una militanza disposta a scendere in piazza.

I recenti appuntamenti elettorali sembrano dire che la gente ha cominciato a ragionare in un altro modo e che la tenuta dell’establishment è stata incrinata in più punti. Se questo sia solo un sentimento o una vera convinzione politica è difficile a dirsi. I partiti oggi alternativi all’establishment, come sono Lega e Fratelli d’Italia, devono trasformare un sentimento in una convinzione politica culturalmente solida e radicata. Le Sardine ricordano loro questo, e perciò non devono sottovalutate.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…