Rimembra, rimembra il 9 novembre

Ricordiamo.
Anche nel 1989 la rivolta partì dall’Ungheria.
In agosto gli Ungheresi tagliarono i reticolati al confine con l’Austria.
A quel punto incominciò il flusso di fuoriuscita dalla gabbia del Patto di Varsavia.
Ungheresi si riversarono in Austria.


Tedeschi dell’Est si mossero verso l’Ungheria per poi raggiungere l’Austria.
Anche ambasciate della Germania Ovest di Budapest e Praga furono inondate da profughi che bussavano alle porte per ottenere rifugio.
La capacità di reazione del blocco comunista era ormai minimale.
Il sistema aveva fallito, anche in quelle parti come la Germania Orientale dove si erano mantenuti alcuni standard organizzativi.
Da quando il muro di Berlino la cui dicitura ufficiale era “barriera di protezione antifascista” tanti tedeschi dell’Est avevano rischiato la vita per scavalcarlo.

Nessun europeo dell’Ovest (a partire da quelli che si proclamavano comunisti) l’aveva scavalcato per andare a Est.
Il 9 novembre vinsero i principi di nazionalità e libertà: “Wir sind ein Volk” era scritto sui cartelli dei tedeschi. Idee che mossero il mondo.

dalla pagina facebook di Alfonso Piscitelli

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Corte Europea dei diritti umani… e di Soros

      di Luca Volontè. Il centro studi ECLJ smaschera il conflitto di interessi della CEDU con le fondazioni di Soros. 22 giudici nel 2019 hanno o avevano avuto legami con sette ONG legate al magnate filantropo. Il Commissario dei diritti umani difenderà la giustizia europea?  Leggi il seguito…

    • I vescovi e il Dio che sostiene, ma non può fare miracoli

      di Stefano Fontana. I vescovi invitano a pregare perché Dio sostenga i malati e i medici, pochi di loro chiedono di pregare perché il Cielo sconfigga il contagio. Sembra che non si riconosca a Dio la possibilità di operare al di fuori dell’ordine del creato, come invece in San Tommaso, ma solo rispettando le leggi di questo ordine. Ecco il frutto della teologia di Rahner, dove Dio è intramondano.  Leggi il seguito…

    • Prudenza sì, panico no

      di Riccardo Cascioli. Strade semideserte, locali chiusi, supermercati presi d'assalto, incontri pubblici e privati annullati: in Italia c'è ormai il panico da Coronavirus. Ma la realtà dei fatti non giustifica questa isteria. L'epidemia è molto circoscritta e al momento non è prevedibile una diffusione a tappeto. Essere prudenti ed evitare rischi inutili è doveroso, ma il panico diffuso è segno anche di una fragilità personale diffusa. Leggi il seguito…

    • Stati Uniti-Ungheria, l’asse in difesa della famiglia

      di Federico Cenci. Sono 7.330 i chilometri che separano Washington da Budapest. Eppure le due capitali non sono mai state così vicine. I governi di Stati Uniti e Ungheria, infatti, lavorano fianco a fianco per sostenere le comunità cristiane nel mondo, e per realizzare politiche in favore della famiglia e della vita. Lo ha sottolineato nei giorni scorsi Katalin Novak, segretario di Stato ungherese per la Famiglia e la Gioventù, tornata di recente da una visita diplomatica Oltreoceano durante la quale ha incontrato il deputato Repubblicano Jeff Fortenberry e membri del centro studi conservatore American Enterprise Institute. Tra l’altro la Novak intervenne al Congresso mondiale delle famiglie di Verona in marzo. Leggi il seguito…