Rimembra, rimembra il 9 novembre

Ricordiamo.
Anche nel 1989 la rivolta partì dall’Ungheria.
In agosto gli Ungheresi tagliarono i reticolati al confine con l’Austria.
A quel punto incominciò il flusso di fuoriuscita dalla gabbia del Patto di Varsavia.
Ungheresi si riversarono in Austria.


Tedeschi dell’Est si mossero verso l’Ungheria per poi raggiungere l’Austria.
Anche ambasciate della Germania Ovest di Budapest e Praga furono inondate da profughi che bussavano alle porte per ottenere rifugio.
La capacità di reazione del blocco comunista era ormai minimale.
Il sistema aveva fallito, anche in quelle parti come la Germania Orientale dove si erano mantenuti alcuni standard organizzativi.
Da quando il muro di Berlino la cui dicitura ufficiale era “barriera di protezione antifascista” tanti tedeschi dell’Est avevano rischiato la vita per scavalcarlo.

Nessun europeo dell’Ovest (a partire da quelli che si proclamavano comunisti) l’aveva scavalcato per andare a Est.
Il 9 novembre vinsero i principi di nazionalità e libertà: “Wir sind ein Volk” era scritto sui cartelli dei tedeschi. Idee che mossero il mondo.

dalla pagina facebook di Alfonso Piscitelli

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Dopo elezioni, per i cattolici una strada dal basso

      di Stefano Fontana. Anche dopo le elezioni in Emilia Romagna, molti cattolici-che-intendono-distinguersi-dai-cattolici-democratici si chiedono cosa fare. Bisogna essere realisticamente scettici verso la politica da cui non è mai lecito attendersi troppo rispetto al poco che sa dare. Però non si può nemmeno abbandonarla a se stessa, dato che molti aspetti importanti della vita comunitaria passano ancora da lì, nonostante i limiti dei suoi protagonisti. Per tentare una risposta al “che fare?” bisogna da un lato dare una valutazione della recente vicenda elettorale emiliano-romagnola e dall’altro tornare ai fondamenti. Proviamo a farlo. Leggi il seguito…

    • Il naturalismo politico e la crisi del diritto in Matteo Liberatore

      di Silvio Brachetta. Questo ampio intervento di Silvio Brachetta si aggiunge a quelli di Stefano Fontana [leggi qui]e di Riccardo Zenobi [leggi qui], già pubblicati nel nostro sito. Continua così la nostra riflessione sulle conseguenze, anche attuali, del naturalismo politico. Leggi il seguito…

    • Il Pd è sempre più marginale e localistico, ma la destra ha bisogno di una nuova spinta liberale

      di Eugenio Capozzi. Per interpretare correttamente il significato delle elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria occorre subito sgombrare il campo da due letture assolutamente fuorvianti: dalla tesi, cioè, secondo cui il risultato  emiliano-romagnolo rappresenti una vittoria del Partito democratico, e da quella secondo cui esso sia una sconfitta personale di Salvini. Leggi il seguito…

    • Il Sistema ha retto ma l’Emilia Romagna ormai è “rosa”

      di Giuseppe Leonelli. La grande sfida in Emilia Romagna finisce con una vittoria inequivocabile e personale per Stefano Bonaccini. Perché degli otto punti di distacco che segnano il suo trionfo, con il 51,41%, sulla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (ferma al 43,65%), ben 5 sono dovuti al suo valore aggiunto, dato sia dal voto disgiunto sia dai voti dati direttamente al governatore uscente. Leggi il seguito…