Rimembra, rimembra il 9 novembre

Ricordiamo.
Anche nel 1989 la rivolta partì dall’Ungheria.
In agosto gli Ungheresi tagliarono i reticolati al confine con l’Austria.
A quel punto incominciò il flusso di fuoriuscita dalla gabbia del Patto di Varsavia.
Ungheresi si riversarono in Austria.


Tedeschi dell’Est si mossero verso l’Ungheria per poi raggiungere l’Austria.
Anche ambasciate della Germania Ovest di Budapest e Praga furono inondate da profughi che bussavano alle porte per ottenere rifugio.
La capacità di reazione del blocco comunista era ormai minimale.
Il sistema aveva fallito, anche in quelle parti come la Germania Orientale dove si erano mantenuti alcuni standard organizzativi.
Da quando il muro di Berlino la cui dicitura ufficiale era “barriera di protezione antifascista” tanti tedeschi dell’Est avevano rischiato la vita per scavalcarlo.

Nessun europeo dell’Ovest (a partire da quelli che si proclamavano comunisti) l’aveva scavalcato per andare a Est.
Il 9 novembre vinsero i principi di nazionalità e libertà: “Wir sind ein Volk” era scritto sui cartelli dei tedeschi. Idee che mossero il mondo.

dalla pagina facebook di Alfonso Piscitelli

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

      di Marco Tosatti. Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale. Leggi il seguito…

    • Dal Pci alla Casa d’Intolleranza

      di Marcello Veneziani. Dal vecchio Pci sorse una Casa d’Intolleranza. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct, usa il passato come un’arma per colpire il presente, pone veti e divieti, presenta come reati le opinioni difformi, grazie a leggi ad hoc dei suoi governi. Si serve delle truppe d’assalto dei media e delle forze corazzate dei magistrati, per mettere sotto scacco e fuori legge i suoi nemici Leggi il seguito…

    • Combattere il naturalismo politico nella Chiesa

      di Stefano Fontana. Il ripiegamento della Chiesa sul sociologismo indica che il naturalismo politico, condannato da tutti i Papi del Novecento, è entrato nella Chiesa stessa. Con gravi conseguenze anche per la Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • Legalizzazione prostituzione, Pro Vita & Famiglia: «Il corpo non si vende caro governatore Fontana»

      di Pro Vita & Famiglia. «Il corpo non si vende. La schiavitù e lo sfruttamento non possono diventare un business caro governatore della Regione Lombardia e non possiamo accettare che venga trasformata in lavoro la prostituzione» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia, in merito al sì del presidente della Lombardia Attilio Fontana alla legalizzazione della prostituzione durante la trasmissione radiofonica ‘La Zanzara’ di ieri Leggi il seguito…