Polacchi ed ungheresi conoscono bene il nazi-comunismo

Per capire meglio cosa accade oggi nell’ Ungheria di Viktor Orban e nella Polonia di Jaroslaw Kaczynski, due paesi ex comunisti fortemente identitari, occorre tornare ad uno dei tanti episodi della storia poco raccontati, sebbene cruciali: il patto Von Ribbetrop-Molotov del 23 agosto 1939, che portò allo scoppio della II guerra mondiale e che vide Hitler e Stalin alleati per ben 22 mesi. In quel patto nazi-comunista l’Europa orientale veniva spartita tra  due dittatori.

“A Stalin – scrive Anne Applebaum nel suo La cortina di ferro. La disfatta dell’Europa dell’est 1944-1956 (Mondadori, Milano, 2016, pp. 84-85)- andarono gli stati Baltici e l’Est della Polonia, oltre che il Nord della Romania (Bessarabia e Bucovina). Hitler ottenne la Polonia occidentale e la possibilità di esercitare la sua influenza su Ungheria, Romania e Austria senza obiezioni da parte sovietica. In seguito a questo patto il I settembre 1939 Hitler invase la Polonia” occidentale, mentre la parte orientale del paese sarebbe stata aggredita da Stalin il 17 settembre dello stesso anno. Quella sera del 23 agosto, mentre un’incredibile aurora boreale infiammava i cieli, dal Portogallo alla Russia, i due ministri, quello tedesco e quello russo, scherzavano tra loro e brindavano all’alleanza, riconoscendosi fratelli siamesi, e promettendo di approfondire i rapporti.

Nel contempo “dalla sera alla mattina ai partiti comunisti di tutto il mondo fu data istruzione di attenuare le loro critiche al fascismo”: alcuni, fedeli al motto “credere, obbedire, combattere”, buono per tutti i totalitarismi, seguirono le direttive, altri caddero nello sconforto.

I comunisti francesi, per esempio, appoggiarono l’invasione nazista del loro paese da parte di Hitler, alleato del loro idolo Stalin, mentre quello polacco si divise “fra quanti esultavano per l’invasione sovietica della Polonia Orientale… e quanti erano inorriditi dal fatto che il loro paese avesse cessato di esistere”.

Alla prima visita di von Ribbetrop a Mosca, se ne aggiunse una seconda, il 27 e 28 settembre: baci e abbracci e un nuovo accordo che prevedeva la vendita di cereali e petrolio russo ai tedeschi, per far funzionare i carri armati che avanzavano in Francia, in cambio di carbone, tubature d’acciaio ed armi. Inoltre Mosca offrì ai tedeschi l’uso di una base per sottomarini a Murmansk, la collaborazione tra le forze di polizia “nei rispettivi territori di occupazione per debellare eventuali agitazioni dei polacchi” e persino “la consegna alla Gestapo dei comunisti tedeschi detenuti nelle prigioni russe, molti dei quali di origine ebraica”. Un incontro così gradevole, che von Ribbetrop poteva commentare: “Sembrava di essere in un circolo di vecchi camerati” (vedi Anne Applebaum, op. cit., p. 85 86 e Adam B.Ulam, Stalin, Garzanti, Milano, 1975, pp. 564-565),

Invasi prima dai nazisti e poi dai comunisti, ungheresi e polacchi ebbero chiara la falsità dell’alternativa “o fascisti o comunisti”: cercarono nella Tradizione cattolica, nella Chiesa, nelle radici storiche, in un sano patriottismo, la forza per reagire. E la trovarono!

Prima della caduta del muro di Berlino, prima dei tedeschi dell’est, furono proprio polacchi e ungheresi a dare la spallata al regime, divenendo i primi paesi del Patto di Varsavia a rompere i legami con i sovietici e a ottenere libere elezioni (e, nel caso degli ungheresi, a tagliare il filo spinato che li divideva dall’Austria), dimostrando così la fragilità dell’immensa prigione comunista!

Ebbene, oggi la Polonia di Kaczynski e l’Ungheria di Orban altro non fanno che continuare a seguire quella strada, a coltivare quell’amore per la patria non nazionalistico e quel radicamento religioso, elogiati entrambi più volte da Giovanni Paolo II, che fanno di questi due paesi una speranza per l’Unione Europea: perchè essa assomigli sempre meno ad un Super Stato “sovietico”, democraticamente opaco e dominato, ideologicamente, dal pensiero uncio nichilista.

Da: L’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Papa individua un altro nemico: silurato il cardinale Becciu

      di Nico Spuntoni. "Dimissionato" da Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi e privato dei diritti connessi al Cardinalato. Questa è il duro provvedimento preso da papa Francesco nei confronti del cardinale Angelo Becciu. Il motivo non è stato spiegato ma si dà per scontato che riguardi lo scandalo legato all'acquisto di un palazzo a Londra, che ha già fatto cadere non poche teste eccellenti. Leggi il seguito…

    • M5S nel caos. Per i grillini conta solo la poltrona

      di Ruben Razzante. Di Maio punta sull’accordo organico con il Pd, Di Battista parla di sconfitta storica e invoca gli stati generali, Fico cerca di mediare e Grillo getta benzina sul fuoco. Ma se lui e il ministro degli Esteri cantano vittoria per il “sì” al referendum, perché il Movimento non accelera sulla legge elettorale così da rendere subito operativo il risparmio per il taglio dei parlamentari? Leggi il seguito…

    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…