Polacchi ed ungheresi conoscono bene il nazi-comunismo

Per capire meglio cosa accade oggi nell’ Ungheria di Viktor Orban e nella Polonia di Jaroslaw Kaczynski, due paesi ex comunisti fortemente identitari, occorre tornare ad uno dei tanti episodi della storia poco raccontati, sebbene cruciali: il patto Von Ribbetrop-Molotov del 23 agosto 1939, che portò allo scoppio della II guerra mondiale e che vide Hitler e Stalin alleati per ben 22 mesi. In quel patto nazi-comunista l’Europa orientale veniva spartita tra  due dittatori.

“A Stalin – scrive Anne Applebaum nel suo La cortina di ferro. La disfatta dell’Europa dell’est 1944-1956 (Mondadori, Milano, 2016, pp. 84-85)- andarono gli stati Baltici e l’Est della Polonia, oltre che il Nord della Romania (Bessarabia e Bucovina). Hitler ottenne la Polonia occidentale e la possibilità di esercitare la sua influenza su Ungheria, Romania e Austria senza obiezioni da parte sovietica. In seguito a questo patto il I settembre 1939 Hitler invase la Polonia” occidentale, mentre la parte orientale del paese sarebbe stata aggredita da Stalin il 17 settembre dello stesso anno. Quella sera del 23 agosto, mentre un’incredibile aurora boreale infiammava i cieli, dal Portogallo alla Russia, i due ministri, quello tedesco e quello russo, scherzavano tra loro e brindavano all’alleanza, riconoscendosi fratelli siamesi, e promettendo di approfondire i rapporti.

Nel contempo “dalla sera alla mattina ai partiti comunisti di tutto il mondo fu data istruzione di attenuare le loro critiche al fascismo”: alcuni, fedeli al motto “credere, obbedire, combattere”, buono per tutti i totalitarismi, seguirono le direttive, altri caddero nello sconforto.

I comunisti francesi, per esempio, appoggiarono l’invasione nazista del loro paese da parte di Hitler, alleato del loro idolo Stalin, mentre quello polacco si divise “fra quanti esultavano per l’invasione sovietica della Polonia Orientale… e quanti erano inorriditi dal fatto che il loro paese avesse cessato di esistere”.

Alla prima visita di von Ribbetrop a Mosca, se ne aggiunse una seconda, il 27 e 28 settembre: baci e abbracci e un nuovo accordo che prevedeva la vendita di cereali e petrolio russo ai tedeschi, per far funzionare i carri armati che avanzavano in Francia, in cambio di carbone, tubature d’acciaio ed armi. Inoltre Mosca offrì ai tedeschi l’uso di una base per sottomarini a Murmansk, la collaborazione tra le forze di polizia “nei rispettivi territori di occupazione per debellare eventuali agitazioni dei polacchi” e persino “la consegna alla Gestapo dei comunisti tedeschi detenuti nelle prigioni russe, molti dei quali di origine ebraica”. Un incontro così gradevole, che von Ribbetrop poteva commentare: “Sembrava di essere in un circolo di vecchi camerati” (vedi Anne Applebaum, op. cit., p. 85 86 e Adam B.Ulam, Stalin, Garzanti, Milano, 1975, pp. 564-565),

Invasi prima dai nazisti e poi dai comunisti, ungheresi e polacchi ebbero chiara la falsità dell’alternativa “o fascisti o comunisti”: cercarono nella Tradizione cattolica, nella Chiesa, nelle radici storiche, in un sano patriottismo, la forza per reagire. E la trovarono!

Prima della caduta del muro di Berlino, prima dei tedeschi dell’est, furono proprio polacchi e ungheresi a dare la spallata al regime, divenendo i primi paesi del Patto di Varsavia a rompere i legami con i sovietici e a ottenere libere elezioni (e, nel caso degli ungheresi, a tagliare il filo spinato che li divideva dall’Austria), dimostrando così la fragilità dell’immensa prigione comunista!

Ebbene, oggi la Polonia di Kaczynski e l’Ungheria di Orban altro non fanno che continuare a seguire quella strada, a coltivare quell’amore per la patria non nazionalistico e quel radicamento religioso, elogiati entrambi più volte da Giovanni Paolo II, che fanno di questi due paesi una speranza per l’Unione Europea: perchè essa assomigli sempre meno ad un Super Stato “sovietico”, democraticamente opaco e dominato, ideologicamente, dal pensiero uncio nichilista.

Da: L’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Fuga in massa dal dolore

      di Marcello Veneziani. Qual è la differenza di fondo tra il nostro tempo e le civiltà tradizionali, ossia tra le società dominate dall’io, dalla tecnica e dalla finanza e le civiltà pervase dal sacro, dal rito e dal divino? Le civiltà tradizionali addomesticano il dolore, la morte, la vecchiaia e la solitudine, cioè le rendono familiari, inserite in un ordine naturale e soprannaturale del mondo, in un rito e in una visione religiosa. La nostra società, invece, allevia, rinvia, nasconde ed espelle il dolore, la morte, la vecchiaia e la solitudine, grazie alla tecnologia, alla medicina, al benessere, alle distrazioni. Leggi il seguito…

    • Conosci il tuo nemico: l’Occidente contro l’Europa

      di Roberto Marchesini. Ratzinger diceva che «c'è qui un odio di sé dell'Occidente che è strano e che si può considerare...patologico» e che «L'Europa, per sopravvivere, ha bisogno di una nuova – certamente critica e umile – accettazione di se stessa, se essa vuole davvero sopravvivere». Ma perché questo accada occorre sapere che se l’Occidente è la terra che si ribella al Logos, l’Europa resta la sua culla. Leggi il seguito…

    • La filosofia cristiana che spiega la crisi di oggi

      di Roberto Marchesini. È sufficiente negare la metafisica per far crollare tutto. Infatti il pensiero moderno ha negato che l’uomo possa conoscere il Logos, la legge naturale e le leggi morali e religiose; ha stabilito, infatti, che l’uomo possa conoscere esclusivamente ciò che ha una estensione, cioè la materia. Eliminata la metafisica, non c’è altra possibilità che accettare il pensiero moderno, anche se non lo si condivide. Il nuovo libro di Stefano Fontana, "La Filosofia cristiana" per Fede & Cultura.  Leggi il seguito…

    • I Papi e l’UNESCO: qualcosa non va?

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Il 15 ottobre scorso papa Francesco ha inviato un messaggio all’incontro organizzato a Roma dall’Università del Laterano e dalla Congregazione per l’Educazione cattolica.  L’incontro era finalizzato a proporre un “patto educativo globale”. La proposta, assolutamente nuova per i Pontefici, intercettava alcune istanze internazionali, particolarmente quelle dell’UNESCO, l’agenzia delle Nazioni Unite per la cultura. Infatti Audrey Auzolay, direttrice dell’UNESCO e già ministro francese della cultura del governo Hollande, ha commentato ben positivamente l’iniziativa di Francesco. Leggi il seguito…