L’Unione europea è a un bivio. Ecco perché può implodere

di Federico Giuliani.

Lo scontro sul Mes ci ricorda il vero male dell’Ue. Bruxelles è un’alleanza di tecnocrati tenuta insieme solo dall’euro

Il tempo scorre veloce, e i giorni sul calendario segnati con il rosso sono due: il 12 e 13 dicembre prossimi. In queste date si terrà un Consiglio europeo decisivo per capire se la riforma del Fondo salva-Stati si schianterà contro un muro o sarà avvolta da una candida fumata bianca. L’Italia resta in attesa di conoscere il proprio destino, ben consapevole quali saranno i rischi, enormi, del Mes versione 2.0, un trattato modificato dai piani alti di Bruxelles e avallato da Giuseppe Conte senza avvisare il Parlamento.

Il Meccanismo europeo di stabilità demolirebbe il già fragile sistema economico-finanziario italiano, vessato da un enorme debito pubblico, il 70% del quale nelle mani delle banche. Gli istituti hanno minacciato di non acquistare più titoli di Stato nel caso in cui la riforma dovesse passare, perché temono gli effetti della possibile ed eventuale ristrutturazione del debito nascosta nelle pieghe della riforma. Viste le clausole, l’Italia non potrebbe attingere al salvagente del Mes proprio a causa del suo altissimo debito, eccessivo e sotto monitoraggio dell’Ue; eppure gli istituti temono comunque un terremoto.

Non a caso il presidente dell’Associazione bancaria italiana, Antonio Patuelli, qualche giorno fa si è sfogato a nome degli istituti bancari: “I problemi diventeranno tutti nostri, e già ne abbiamo a sufficienza. Questo è un problema delle istituzioni della Repubblica e noi ne facciamo parte. Chiedete agli esponenti del governo perché non ci hanno consultati. I titoli di Stato italiani? Non li compreremo più, non abbiamo un vincolo di portafoglio che ci costringe a comprarne una certa quantità”. Banche a parte, un’altra conseguenza deleteria arriverebbe dalla fuga in massa degli investitori stranieri, che si ritroverebbero a fare a gara nel vendere i titoli di Stato italiani, portando il nostro Paese a un passo dal baratro.

Un’Unione Europea fine a se stessa

Da qualunque prospettiva lo si guardi, il dibattito attorno al Mes contiene un tema ancor più rilevante, riguardante le radici della stessa Unione europea. Senza alcuna unità politica non può esistere nessuna unità monetaria. La dimostrazione è oggi sotto gli occhi di tutti, con le regole Ue scritte da una ristretta oligarchia, molto più attenta a tutelare i propri interessi che non a favorire la vita ai cittadini della comunità. Nessuno ha tenuto in considerazione fattori fondamentali, che dovrebbero sorreggere qualsiasi comunità sociale e politica: una lingua comune, certo, ma anche storia e territorio. L’Unione Europea, almeno l’attuale costruzione, non prende in considerazione niente di tutto ciò, e lo si è visto, per l’ennesima volta, con la riforma del Mes. Un trattato che punta a erodere altra sovranità nazionale ai singoli Paesi.

L’unica soluzione

In altre parole, la democrazia liberale non ha niente a che spartire con questa Ue, tenuta insieme soltanto da una moneta unica, l’euro. Manca il cosiddetto comune sentire, perché ogni relazione sovranazionale si basa solo e soltanto su tecnocratici meccanismi di stabilità e trattati finanziari. I vertici di Bruxelles dovrebbero rendersi conto che i membri del club sono ormai stanchi di rispettare regole sempre più pressanti e per altro a danno dei propri cittadini. L’unica soluzione è un radicale cambio di registro dall’alto, che dovrebbe prevedere meno accordi a vantaggio di banche e istituti finanziari e un maggiore riconoscimento della comune radice giudaico cristiana. Tornando al Mes, il Fondo salva-Stati altro altro non è che un trattato internazionale mascherato da veicolo finanziario, e rispecchia appieno lo spirito nocivo dell’Ue. Indipendentemente da come vada a finire la questione relativa al Meccanismo europeo di stabilità, Bruxelles farebbe meglio a prendere appunti per evitare di commettere in futuro altri errori simili.

Fonte: il Giornale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…