Le sardine gettano la maschera e aprono la convention elettorale di Modena pro-Bonaccini (video)

di Gianni Galeotti.

Se era rimasto qualche dubbio sulla collocazione politica delle Sardine ora è completamente svanito. Ieri Jamal Hussein, referente modenese delle sardine, in piazza Grande a Modena, ha lanciato – come riportato in anteprima dal quotidiano modenese La Pressa – la campagna elettorale a sostegno della corsa del candidato Pd, Stefano Bonaccini, alle prossime elezioni regionali. ‘Portiamo quella piazza che abbiamo creato a Modena, a votare il 26 gennaio, e a votare per chi fino ad oggi ha governato’ – ha gridato (video) coi toni di un vero e proprio spot elettorale pro-Bonaccini.

Sardine dunque chiamate ad aprire ufficialmente la serie di dichiarazioni di sostegno a Bonaccini e alla coalizione di centro sinistra. Come  fossero una delle liste della coalizione di centro sinistra.  Scarpe firmate, look ricercato, le giovani sardine modenesi, dichiaratamente di sinistra, hanno i posti in prima fila, e salgono sul palco per primi per osannare Bonaccini ed il lavoro da lui fatto. Poi al loro referente Hussein, quando critica Salvini ed invita a votare, il 26 gennaio, per chi lo contrasta. Scena che fornisce una immagine ben lontana da quella pur malcelata dei salotti TV, dove gli altri referenti delle sardine continuano ad autodichiararsi non schierati o, meglio, solo schierati genericamente contro la politica dell’odio e della divisione.

Di fatto quella che in realtà sul palco sembrano affermare: la divisione. Tra buoni e cattivi. Tra Salvini e ciò che non lo è. Con le urne come spartiacque. Dove i cattivi, in automatico, non sono solo però il 30% degli italiani che votano Salvini, o il 40 e più che vota centro-destra, ma tutto ciò che non sta a sinistra, tutto ciò che non sostiene Bonaccini, tutto ciò che non contrasta e non odia Salvini.
Ed è così che più che la politica dell’odio (che non è sempre detto che ‘sia di destra’ aveva sottolineato poco prima il sindaco di Modena ricordando i violenti attacchi subiti dal consigliere leghista Beatrice Di Maio’), hanno nel mirino ed in testa il voto del 26 gennaio.

‘Il 26 gennaio ci sarà da fare una scelta’ – afferma Hussein. ‘Da una parte c’è Stefano Bonaccini che ha svolto un lavoro importantissimo che ha posto l’Emilia Romagna ai primi posti in Europa e (qui Hussein si abbandona al ‘noi’ politico), dobbiamo continuare a fare tanto. Dall’altra parte c’è la Borgonzoni, un candidato fantasma ed un centro destra populista che sfrutta questa ondata di odio nel nostro paese, per dividerci e per riportarci ai tempi dei longobardi’.

‘Io sono uno studente fuori sede che ha voluto venire a studiare ingegneria qui perché qui c’è il meglio. E’ sono stato accolto. Non mi sono sentito escluso per essere uno studente fuori sede. Questa è una regione che accoglie. Allora, mi raccomando, il 26 gennaio, portiamo questi valori nell’urna elettorale. Mi raccomando’.

E chi vedeva nelle sardine un movimento non politico ora può svegliarsi dal sogno.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…