Le sardine gettano la maschera e aprono la convention elettorale di Modena pro-Bonaccini (video)

di Gianni Galeotti.

Se era rimasto qualche dubbio sulla collocazione politica delle Sardine ora è completamente svanito. Ieri Jamal Hussein, referente modenese delle sardine, in piazza Grande a Modena, ha lanciato – come riportato in anteprima dal quotidiano modenese La Pressa – la campagna elettorale a sostegno della corsa del candidato Pd, Stefano Bonaccini, alle prossime elezioni regionali. ‘Portiamo quella piazza che abbiamo creato a Modena, a votare il 26 gennaio, e a votare per chi fino ad oggi ha governato’ – ha gridato (video) coi toni di un vero e proprio spot elettorale pro-Bonaccini.

Sardine dunque chiamate ad aprire ufficialmente la serie di dichiarazioni di sostegno a Bonaccini e alla coalizione di centro sinistra. Come  fossero una delle liste della coalizione di centro sinistra.  Scarpe firmate, look ricercato, le giovani sardine modenesi, dichiaratamente di sinistra, hanno i posti in prima fila, e salgono sul palco per primi per osannare Bonaccini ed il lavoro da lui fatto. Poi al loro referente Hussein, quando critica Salvini ed invita a votare, il 26 gennaio, per chi lo contrasta. Scena che fornisce una immagine ben lontana da quella pur malcelata dei salotti TV, dove gli altri referenti delle sardine continuano ad autodichiararsi non schierati o, meglio, solo schierati genericamente contro la politica dell’odio e della divisione.

Di fatto quella che in realtà sul palco sembrano affermare: la divisione. Tra buoni e cattivi. Tra Salvini e ciò che non lo è. Con le urne come spartiacque. Dove i cattivi, in automatico, non sono solo però il 30% degli italiani che votano Salvini, o il 40 e più che vota centro-destra, ma tutto ciò che non sta a sinistra, tutto ciò che non sostiene Bonaccini, tutto ciò che non contrasta e non odia Salvini.
Ed è così che più che la politica dell’odio (che non è sempre detto che ‘sia di destra’ aveva sottolineato poco prima il sindaco di Modena ricordando i violenti attacchi subiti dal consigliere leghista Beatrice Di Maio’), hanno nel mirino ed in testa il voto del 26 gennaio.

‘Il 26 gennaio ci sarà da fare una scelta’ – afferma Hussein. ‘Da una parte c’è Stefano Bonaccini che ha svolto un lavoro importantissimo che ha posto l’Emilia Romagna ai primi posti in Europa e (qui Hussein si abbandona al ‘noi’ politico), dobbiamo continuare a fare tanto. Dall’altra parte c’è la Borgonzoni, un candidato fantasma ed un centro destra populista che sfrutta questa ondata di odio nel nostro paese, per dividerci e per riportarci ai tempi dei longobardi’.

‘Io sono uno studente fuori sede che ha voluto venire a studiare ingegneria qui perché qui c’è il meglio. E’ sono stato accolto. Non mi sono sentito escluso per essere uno studente fuori sede. Questa è una regione che accoglie. Allora, mi raccomando, il 26 gennaio, portiamo questi valori nell’urna elettorale. Mi raccomando’.

E chi vedeva nelle sardine un movimento non politico ora può svegliarsi dal sogno.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate. Sulla strada della carità nella verità

      di Mons. Gianpaolo Crepaldi. Ricorrono quest’anno i 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate (2009) di Benedetto XVI. Il 3 dicembre 2019, si è tenuto in Vaticano un Convegno Internazionale per ricordare l’evento. Pubblichiamo l’Introduzione all’Enciclica scritta dall’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace durante l’elaborazione del testo dell’Enciclica e, nei giorni della sua uscita, Vescovo eletto di Trieste, pubblicata dalle edizioni Cantagalli nel 2009. Leggi il seguito…

    • Cop 25, cosa non deve fare un cattolico. Decalogo contro l’allarmismo verde

      di Stefano Fontana. Come dovrebbe essere l’atteggiamento cattolico nei confronti di un evento come il Vertice delle Nazioni Unite sul clima in corso a Madrid (Cop 25)? Un decalogo su come reagire di fronte all'allarmismo ecologista sul riscaldamento globale, alle politiche degli Stati sovra-nazionali e alle manifestazioni di piazza, scioperi per il clima, movimenti studenteschi che caratterizzano questo nuovo millenarismo. Molto più simile a un culto pagano che ad una politica basata sulla scienza.  Leggi il seguito…

    • O partigiano (se ancora esisti) portali via…

      di Giuseppe Leonelli. L’occasione è stata il via libera definitivo, la scorsa settimana, alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen. Un momento di festa per sette dei 9 nuovi commissari di area socialista, tra cui il titolare degli Affari Economici Paolo Gentiloni, i quali hanno pensato bene di fare baldoria intonando il canto partigiano per eccellenza, Bella Ciao. Una iniziativa ovviamente circolata in rete, di fronte alla quale a una settimana di distanza si sono alzate le comprensibili proteste in Italia di Giorgia Meloni e Matteo Salvini i quali hanno parlato di “scandaloso e ridicolo teatrino”. Leggi il seguito…

    • I Messi dell’Eurocrazia

      di Marcello Veneziani. Sapevamo che questo governo era nato con un solo scopo: sopravvivenza di gruppo e personale, al governo e in parlamento, impedendo il voto e la vittoria di Salvini coi suoi alleati. Questo è lo scopo interno di quell’alleanza, il mastice. Abbiamo in questi giorni conosciuto lo scopo esterno assegnato al governo Contebis: eseguire i comandi dell’Eurocrazia, non solo in tema di migranti ma soprattutto in tema di conti, secondo le direttive europee, come testimonia il Mes. La vera ragion politica del governo in carica, oltre quella pietosa di natura personale, era e resta quella. Non c’è un progetto, una grande riforma, un obbiettivo primario davanti, ma c’è solo quel core business: eseguire il mandato degli eurocrati, di cui il pd è la guarda bianca, la filiale interna. Il partito al servizio dell’establishment è il Pd, è il concessionario di zona dei poteri europei, è il rivenditore autorizzato della pappa europea ma è anche il rappresentante, il messo solerte delle sue direttive. Leggi il seguito…