Le sardine gettano la maschera e aprono la convention elettorale di Modena pro-Bonaccini (video)

di Gianni Galeotti.

Se era rimasto qualche dubbio sulla collocazione politica delle Sardine ora è completamente svanito. Ieri Jamal Hussein, referente modenese delle sardine, in piazza Grande a Modena, ha lanciato – come riportato in anteprima dal quotidiano modenese La Pressa – la campagna elettorale a sostegno della corsa del candidato Pd, Stefano Bonaccini, alle prossime elezioni regionali. ‘Portiamo quella piazza che abbiamo creato a Modena, a votare il 26 gennaio, e a votare per chi fino ad oggi ha governato’ – ha gridato (video) coi toni di un vero e proprio spot elettorale pro-Bonaccini.

Sardine dunque chiamate ad aprire ufficialmente la serie di dichiarazioni di sostegno a Bonaccini e alla coalizione di centro sinistra. Come  fossero una delle liste della coalizione di centro sinistra.  Scarpe firmate, look ricercato, le giovani sardine modenesi, dichiaratamente di sinistra, hanno i posti in prima fila, e salgono sul palco per primi per osannare Bonaccini ed il lavoro da lui fatto. Poi al loro referente Hussein, quando critica Salvini ed invita a votare, il 26 gennaio, per chi lo contrasta. Scena che fornisce una immagine ben lontana da quella pur malcelata dei salotti TV, dove gli altri referenti delle sardine continuano ad autodichiararsi non schierati o, meglio, solo schierati genericamente contro la politica dell’odio e della divisione.

Di fatto quella che in realtà sul palco sembrano affermare: la divisione. Tra buoni e cattivi. Tra Salvini e ciò che non lo è. Con le urne come spartiacque. Dove i cattivi, in automatico, non sono solo però il 30% degli italiani che votano Salvini, o il 40 e più che vota centro-destra, ma tutto ciò che non sta a sinistra, tutto ciò che non sostiene Bonaccini, tutto ciò che non contrasta e non odia Salvini.
Ed è così che più che la politica dell’odio (che non è sempre detto che ‘sia di destra’ aveva sottolineato poco prima il sindaco di Modena ricordando i violenti attacchi subiti dal consigliere leghista Beatrice Di Maio’), hanno nel mirino ed in testa il voto del 26 gennaio.

‘Il 26 gennaio ci sarà da fare una scelta’ – afferma Hussein. ‘Da una parte c’è Stefano Bonaccini che ha svolto un lavoro importantissimo che ha posto l’Emilia Romagna ai primi posti in Europa e (qui Hussein si abbandona al ‘noi’ politico), dobbiamo continuare a fare tanto. Dall’altra parte c’è la Borgonzoni, un candidato fantasma ed un centro destra populista che sfrutta questa ondata di odio nel nostro paese, per dividerci e per riportarci ai tempi dei longobardi’.

‘Io sono uno studente fuori sede che ha voluto venire a studiare ingegneria qui perché qui c’è il meglio. E’ sono stato accolto. Non mi sono sentito escluso per essere uno studente fuori sede. Questa è una regione che accoglie. Allora, mi raccomando, il 26 gennaio, portiamo questi valori nell’urna elettorale. Mi raccomando’.

E chi vedeva nelle sardine un movimento non politico ora può svegliarsi dal sogno.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • “Ridurre gli stipendi ai Parlamentari? Si, sulla base del loro reddito precedente!”. Parla Giovanardi

      di Giuseppe Leonelli. “La proposta dei 5 Stelle Di Maio e Crimi di dimezzare lo stipendio dei parlamentari per tutta la durata della legislatura è un segnale forte al Paese che va però equamente emendato”. A parlare è l’ex Ministro dei Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi. Leggi il seguito…

    • Orban, la Costituzione ungherese e la dittatura dell’ignoranza

      di Bilbo Baggins. Forte della straordinaria autorevolezza politica e morale che le deriva dalla splendida, solidale, lungimirante ed empatica gestione della crisi pandemica in atto, l’Unione europea mette sotto osservazione il disegno di legge con il quale il premier ungherese Orban propone al Parlamento ungherese l’approvazione dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 53 della vigente costituzione. Leggi il seguito…

    • In guerra i governi si cambiano

      Questa emergenza si combatte su tre fronti. Due assai più visibili: quello sanitario e quello economico. L’altro più mimetizzato: quello istituzionale. Chi conosce la storia, però, sa che quest’ultimo non va né sottovalutato né perso di vista. Alla fine ti presenta il conto e se non lo si presidia a dovere è su quella trincea che si determinano le perdite più gravi in termini di democrazia e soprattutto di legalità. Leggi il seguito…

    • Globalizzazione, un magistero da ripensare

      di Stefano Fontana. Quanto sta accadendo a causa del coronavirus costringe a ripensare il tema della gflobalizzazione, anche per quel che riguarda il magistero. Se Giovanni Paolo II e Benedetto XVi erano prudenti, l'attuale pontefice si è molto lanciato nel globalismo. Ma il prossimo dovrà rivedere tutto il dossier. Ecco come. Leggi il seguito…