La “rivolta” dei ruiniani contro il no dei vescovi al dialogo con Salvini

di Francesco Boezi.

L’ex vertice della Cei Nunzio Galantino ha chiuso alle “vecchie collateralità” dopo le frasi di Ruini sul dialogo con Salvini. E i laici allora si organizzano. Nasce l’associazione dei “Ruiniani”, che è presieduta dall’onorevole Eugenia Roccella

La Cei non ha intenzione di aprire le porte alla dialettica con la Lega e con le forze affini? Nel caso fosse davvero così, vorrà dire che ci penserà qualcun altro. Le dichiarazioni del cardinal Camillo Ruini, quelle sulla necessità che la Chiesa cattolica dialoghi anche con Matteo Salvini, stanno producendo effetti.

Uno di questi – forse il più importante – è la costituzione di un’associazione, denominata “Progetto Culturale”, che intende in qualche modo dare seguito alle indicazioni dell’ex vertice della Cei. Sono i cosiddetti “Ruiniani” d’Italia: coloro che la pensano come il cardinale. Gli stessi che magari rimpiangono un episcopato attento a non alimentare fenomeni di polarizzazione politica e schemi troppo divisivi. Il presidente di questa rinnovata realtà è un’ex onorevole di Forza Italia, ossia Eugenia Roccella, che è stata una delle protagoniste indiscusse della stagione in cui i vescovi italiani hanno triangolato volentieri con le forze politiche in funzione di quello che viene chiamato “bene comune”. Ricorderete del caso di Eluana Englaro. All’epoca la questione migratoria non era ancora esplosa. Le priorità dei consacrati della Cei erano altre. E le battaglie bioetiche rappresentavano il principale interesse dei presuli del Belpaese.

Onorevole Eugenia Roccella, qualcuno ha paura del cardinal Ruini?

Sembra di sì. La sua intervista al Corriere è ormai di oltre 20 giorni fa, e da allora proseguono ininterrotte, ogni giorno, le prese di posizione a favore o contro. Il motto del cardinale, quando guidava la chiesa italiana, era “meglio contestati che irrilevanti”, ed è evidente che la sua capacità di influire sul dibattito pubblico è rimasta immutata. Alcuni hanno rasentato il ridicolo per la violenza delle espressioni usate (ricordo che c’è chi ha parlato di Hitler), ma in genere l’acidità di certi commenti la dice lunga su quanto le misurate e sagge parole di Ruini, sia sul rapporto con la Lega che sulla delicata questione dei sacerdoti coniugati, abbiano dato fastidio.

Ma dialogare con il centrodestra non dovrebbe essere prassi per il mondo ecclesiastico?

La Chiesa ha una lunga tradizione di alta diplomazia, che è stata spesso preziosa per appianare o ammorbidire i conflitti, e ha sempre dialogato con chiunque, anche con regimi ostili e dittatoriali. E’ normale che parli con i rappresentanti del centrodestra italiano, non farlo vuol dire dare di sé un’immagine schierata, di parte, e consegnarsi all’irrilevanza. Ma aldilà dei commenti di qualcuno, sono convinta che la Cei sia ben consapevole di questo, e che agirà di conseguenza.

Eppure Galantino ha detto “no” alle “vecchie collateralità”…

Qui non si tratta di collateralismo, che non c’è più dai tempi della fine della DC. Proprio per questo è più che mai necessario che la Chiesa parli con tutte le forze in campo. La visione creaturale dell’uomo fatto a immagine di Dio, e quindi l’idea della centralità della persona, la stessa concezione della politica come mezzo per perseguire il bene comune, si sta perdendo man mano che avanza la secolarizzazione, e che l’occidente, l’Europa in particolare, smarrisce le proprie radici cristiane. E’ fondamentale oggi che la Chiesa faccia sentire la sua voce, e che sia un forte riferimento per tutti, anche per i non credenti.

Qual è l’obiettivo della associazione che avete costituito?

Non è certo casuale che la nostra associazione prenda il nome dal famoso “Progetto culturale” di Ruini. E’ da lì che vogliamo partire, dall’idea che il cristianesimo possa e debba influire sulla cultura contemporanea, intendendo per cultura non solo quella “alta” ma quella che viviamo tutti i giorni, il nostro stile di vita, la mentalità, il costume. I cattolici sono tra i pochi ad avere ancora una visione, un progetto per il nostro paese. Vogliamo poterlo offrire anche alla politica, che è sempre meno disposta a costruire il domani, perché deve inseguire il consenso giorno per giorno, in una perenne campagna elettorale.

Lei rimpiange i tempi della cosiddetta “gestione Ruini” della Cei? Il caso Englaro fu esemplificativo..

Ruini è persona di grande intelligenza e carisma, ed è stato protagonista di una stagione molto intensa, in cui per esempio sulla questione antropologica, sulla difesa della vita umana e della famiglia, c’era un grande dibattito, che si allargava oltre il mondo cattolico: era l’epoca degli “atei devoti”, l’epoca in cui il caso Englaro aveva scatenato una discussione che coinvolgeva l’intero paese. Per salvare una vita umana si arrivò al conflitto tra le più alte cariche dello stato: Berlusconi, allora presidente del consiglio, e Napolitano, presidente della repubblica, che rifiutò di firmare il decreto legge che avrebbe impedito la morte per fame e sete di Eluana. Ma dobbiamo prendere atto che i tempi sono profondamente mutati.

Quali preoccupazioni, da un punto di vista bioetico, in relazione all’avvento dei giallorossi?

Non sono molto preoccupata, nonostante i 5S siano sempre stati i più estremisti sulle questioni etiche e antropologiche. Ma la verità è che ormai le leggi sui temi decisivi sono già tutte passate, e resta ben poco di cui preoccuparsi. E’ passato il matrimonio omosessuale (chiamarle unioni civili è una finzione), con la possibilità di ricorrere tranquillamente all’utero in affitto, è passata l’idea della genitorialità fai-da-te, per cui la filiazione è un diritto individuale, non più legato alla coppia e alla procreazione naturale, è passata l’eutanasia, sia pure mascherata, con la legge sul testamento biologico, e oggi la Corte costituzionale ha completato l’opera. Di che dovremmo avere paura?

Servirebbe un Ruini insomma…

Credo che oggi tocchi a noi laici darci da fare, lavorare per sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica sul futuro che stiamo costruendo, sui pericoli che corriamo, e di cui spesso non siamo pienamente consapevoli. Penso che oggi serva più che mai un progetto culturale, per riaprire un dibattito che si è appannato, ed evitare che il mondo cattolico si confini, o venga confinato, nella marginalità.

Fonte: il Giornale

*****************

Cattolici: nasce associazione ‘Ruiniani’, radici cristiane e sfida antropologica

da l’Occidentale.

“Nasce l’associazione ‘Progetto culturale’, per promuovere una cultura consapevole delle radici cristiane sulle quali si fonda la nostra società e contribuire alla conservazione della tradizione bimillenaria che ha impregnato di senso la civiltà occidentale. Il nome prescelto è un chiaro richiamo a quel ‘Progetto culturale’ che, con l’avvento del nuovo millennio, su iniziativa della Cei di allora, seppe fecondare il dibattito pubblico promuovendo il protagonismo della cultura cristiana e la centralità della sfida antropologica”. E’ quanto si legge in una nota della neonata associazione.

“Nella consapevolezza che la visione cristiana del mondo sappia fornire risposte alle questioni vitali del nostro tempo, vogliamo creare uno spazio di confronto aperto in cui affrontare temi di grande respiro, che investono il nostro presente e condizionano il nostro futuro, come l’inverno demografico, le nuove forme di genitorialità, il biolavoro, e molto altro”, si legge ancora.

Primi soci sono Eugenia Roccella, con il ruolo di presidente, Francesco AgnoliMaria Manuela BernabeiMario BinascoEugenio CapozziPietro De MarcoCarlo GiovanardiDiego MarchioriDomenico MenorelloAssuntina MorresiGaetano QuagliarielloGiovanni OrsinaMaurizio SacconiAldo Vitale, che ne sarà segretario.

“L’associazione – conclude la nota – intende ispirarsi sul fronte laico a un metodo e a una piattaforma ideale che per molti anni hanno saputo assicurare ai princìpi della tradizione occidentale e cristiana rilevanza culturale e incisività nelle scelte politiche e pre-politiche”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate. Sulla strada della carità nella verità

      di Mons. Gianpaolo Crepaldi. Ricorrono quest’anno i 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate (2009) di Benedetto XVI. Il 3 dicembre 2019, si è tenuto in Vaticano un Convegno Internazionale per ricordare l’evento. Pubblichiamo l’Introduzione all’Enciclica scritta dall’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace durante l’elaborazione del testo dell’Enciclica e, nei giorni della sua uscita, Vescovo eletto di Trieste, pubblicata dalle edizioni Cantagalli nel 2009. Leggi il seguito…

    • Cop 25, cosa non deve fare un cattolico. Decalogo contro l’allarmismo verde

      di Stefano Fontana. Come dovrebbe essere l’atteggiamento cattolico nei confronti di un evento come il Vertice delle Nazioni Unite sul clima in corso a Madrid (Cop 25)? Un decalogo su come reagire di fronte all'allarmismo ecologista sul riscaldamento globale, alle politiche degli Stati sovra-nazionali e alle manifestazioni di piazza, scioperi per il clima, movimenti studenteschi che caratterizzano questo nuovo millenarismo. Molto più simile a un culto pagano che ad una politica basata sulla scienza.  Leggi il seguito…

    • O partigiano (se ancora esisti) portali via…

      di Giuseppe Leonelli. L’occasione è stata il via libera definitivo, la scorsa settimana, alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen. Un momento di festa per sette dei 9 nuovi commissari di area socialista, tra cui il titolare degli Affari Economici Paolo Gentiloni, i quali hanno pensato bene di fare baldoria intonando il canto partigiano per eccellenza, Bella Ciao. Una iniziativa ovviamente circolata in rete, di fronte alla quale a una settimana di distanza si sono alzate le comprensibili proteste in Italia di Giorgia Meloni e Matteo Salvini i quali hanno parlato di “scandaloso e ridicolo teatrino”. Leggi il seguito…

    • I Messi dell’Eurocrazia

      di Marcello Veneziani. Sapevamo che questo governo era nato con un solo scopo: sopravvivenza di gruppo e personale, al governo e in parlamento, impedendo il voto e la vittoria di Salvini coi suoi alleati. Questo è lo scopo interno di quell’alleanza, il mastice. Abbiamo in questi giorni conosciuto lo scopo esterno assegnato al governo Contebis: eseguire i comandi dell’Eurocrazia, non solo in tema di migranti ma soprattutto in tema di conti, secondo le direttive europee, come testimonia il Mes. La vera ragion politica del governo in carica, oltre quella pietosa di natura personale, era e resta quella. Non c’è un progetto, una grande riforma, un obbiettivo primario davanti, ma c’è solo quel core business: eseguire il mandato degli eurocrati, di cui il pd è la guarda bianca, la filiale interna. Il partito al servizio dell’establishment è il Pd, è il concessionario di zona dei poteri europei, è il rivenditore autorizzato della pappa europea ma è anche il rappresentante, il messo solerte delle sue direttive. Leggi il seguito…