In morte di Bukovskij

Domenica 27 ottobre è scomparsa una delle principali figure della dissidenza sovietica all’epoca di Breznev, Vladimir Kostantinovic Bukovskij. Nato in Russia il 30 dicembre 1942 fondatore di “Cronaca dei fatti correnti”, un foglio di informazione che all’interno del samizdat diffondeva notizie che nessuno avrebbe mai letto sugli arresti, sulle violazioni dei diritti umani, i processi e altri fatti relativi al mondo del dissenso. Trascorse dodici anni tra prigioni, campi di lavoro e ospedali psichiatrici fino all’espulsione dall’Urss nel 1976 grazie ad uno scambio con il leader del partito comunista cileno Luis Corvalàn.

Tornò in Russia nel 1991 quando fu invitato come perito in un processo contro il Partito comunista. Arrivato con un computer e uno scanner si mise a copiare una serie di documenti all’insaputa dei presenti che non conoscevano certe apparecchiature e quando ebbe finito, tra lo stupore generale, si alzò, andò all’aeroporto e lasciò Mosca. Grazie proprio a quei documenti copiati si conobbero alcuni fatti relativi al suo arresto: durante una riunione del Politbjuro del 1967 non tutti era favorevoli al suo arresto per le reazioni che avrebbe provocato sia in Urss che all’estero e decisero di rinchiuderlo in un ospedale psichiatrico. Nasce così l’epoca degli ospedali psichiatrici speciali. Sistema che vede la luce dopo il disgelo e trova complicità nel mondo delle istituzioni psichiatriche sovietiche che coniarono termini nuovi per definire particolari stati di malattia mentale. Crimini denunciati proprio da Bukovskij quando, nel 1971, riuscì a mandare in occidente 150 pagine che documentavano gli abusi psichiatrici, l’”assassinio spirituale” dei dissidenti, come ebbe modo di definire il ricovero in manicomio di persone sane, Aleksandr Solzenicyn. Assieme a Stéphane Courtois lanciò l’idea di una giornata dedicata a tutte le vittime del comunismo: Memento Gulag. Il 7 novembre, data di inizio della Rivoluzione d’ottobre che vede fin da subito la nascita di campi di concentramento, si celebra la giornata del ricordo di tutte le vittime dei totalitarismi, l’atra metà della memoria, ora anche in ricordo di colui che l’ha voluta e che un infarto ha strappato alla vita all’età di 76 anni e che nel 2014 motivò cosi la sua lotta contro il sistema repressivo sovietico:

“Tutti noi dissidenti abbiamo detto che la politica deve essere morale. E non ci siamo presentati come movimento politico. Eravamo un movimento morale. Il nostro impulso fondamentale non è stato quello di trasformare la Russia, ma semplicemente di non partecipare alla criminalità. Non entrare a far parte del regime. Questa è stata la motivazione più potente.”

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…