Gandolfini: L’Europa si piega ancora alla cultura gender, grave la bocciatura della risoluzione dei Conservatori

di Associazione Family Day – DNF.

“L’Europa ha perso un’altra occasione per difendere i diritti dei bambini e riconoscere i principi del bene comune, privi di derive ideologiche. Ieri infatti il Parlamento di Strasburgo ha bocciato la risoluzione presentata dal gruppo dei Conservatori e Riformisti e messa a punto da Fratelli d’Italia in occasione del 30.mo anniversario della Convezione dei Diritti dell’Infanzia. Un testo che sosteneva la vita fin dal concepimento e la famiglia naturale, con misure per conciliare vita-lavoro; che condannava la pratica dell’utero in affitto, respingeva la teoria gender ed esortava alla lotta contro la pedopornografia online”, così Massimo Gandolfini, leader del Family Day.

“Popolari, socialisti, verdi e comunisti hanno invece approvato un testo intriso di ideologia, in cui, accanto all’indicazione di obiettivi naturalmente condivisibili, viene promosso l’accesso ad informazioni esaustive sul sesso e salute riproduttiva (leggasi contraccezione – “d’emergenza” e non – e accesso all’IVG) in tutte le scuole; in cui si parla di minori LGBTI – dando per scontato che i bambini possano scegliere di essere trans o intersessuali – di orientamento sessuale e identità di genere slegata dal sesso biologico, rappresentando così un minore ipersessualizzato e con un’identità liquida”, prosegue il leader del Family Day.

Se da una parte siamo lieti che un grande blocco sociale sia stato contaminato dai nostri valori, dall’altra dobbiamo constatare con grande dolore che parte del movimento dei Popolari europei abbia ormai abbracciato una deriva contro l’umano, rinnegando quei principi antropologici della cultura politica cristiana su cui si è fondata tutta la civiltà occidentale. In questa cornice è dunque doveroso ricordare che i primi diritti di un bambino – da cui discendono tutti gli altri – sono quelli alla vita, ad essere amato dalla mamma e dal papà e a non essere oggetto di mercimonio”, conclude Gandolfini.

Roma, 27 novembre 2019

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…