Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

di Marco Tosatti.

Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale.

***************

Carissimi Stilumcuriali, il dott. Giorgio Spallone ci ha inviato una sua riflessione sulle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna. Come sapete il dott. Spallone vive e opera a Bologna; per cui ha il polso effettivo della realtà della città, e della regione. Ma la sua riflessione spazia ben oltre….Buona lettura.

§§

Il voto e i cattolici.

Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche.

No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche.

Infatti, ad onta dei fragili tentativi di chi teme di perderla, la valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza.

Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra.

Altro motivo, non meno rilevante, è il mandato di rappresentanza – tanto tacito, quanto pieno ed ineludibile – che gli emiliano-romagnoli hanno ricevuto dagli elettori di altre regioni ai quali, invece, dopo la caduta del precedente governo, è stata preclusa la possibilità di votare.

Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo, che da tempo si agitano nel timore che dopo 50 anni in questa Regione possa verificarsi, ciò che consiglia la regola fondante di ogni democrazia, una salutare alternanza.

Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale.

Ora, gli ultimi sondaggi riguardanti l’Emilia-Romagna dicono di un sostanziale equilibrio tra i due schieramenti.

Dicono però, anche, dell’esistenza di circa un 40% fra indecisi ed astenuti.

Questa fascia di elettorato, che verosimilmente sarà decisiva per l’esito della consultazione, con tutte le ricadute sul governo nazionale, è composta, in larga misura, da cattolici, non meno di altri, delusi e rassegnati alla sostanziale irrilevanza della propria voce che, anche quando espressa in termini inequivocabili, quasi mai trova un riflesso concreto nelle scelte di chi governa.

Leggiamo anche, pur se non nella stampa a maggior diffusione, dello scollamento fra le indicazioni di voto o, rectius, di non voto, delle gerarchie ecclesiastiche e quelle che, invece, sono le scelte politiche dell’elettorato cattolico, che vede una divaricazione vicina ai 180°.

Orbene, i cattolici emiliano-romagnoli, in particolare quelli che nelle ultime consultazioni si sono astenuti, hanno ora un’occasione straordinaria per ritornare determinanti, sia per l’esito del voto regionale, sia per mandare a casa il governo più anti-cristiano che la Repubblica Italiana abbia potuto annoverare nella sua storia.

Mandare a casa un governo sostenuto da forze che fanno della propria identità politica la negazione di quei principi non negoziabili, ormai anche da molti Pastori derubricati a reperti di storia della Chiesa Cattolica, quando invece presenti a chiare lettere nel suo Catechismo e poderosamente richiamati in Veritatis Splendor: tutela della vita dal suo concepimento sino al termine naturale, tutela della famiglia naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, libertà educativa della famiglia, difesa della fede e tradizione cristiana.

Mandare a casa, ad esempio, un Ministro della Pubblica Istruzione che vorrebbe sostituire il Crocifisso, nelle aule, con una carta geografica del mondo.

Mandare a casa un Ministro per la Famiglia, la cui idea di famiglie non ha nulla a che vedere con il modello inscritto nel diritto naturale.

Insomma, un’occasione straordinaria per far sentire la propria voce di cristiani, come più volte invitati dai Vescovi, però secondo scienza, coscienza e responsabilità personale; dunque ignorando le indicazioni di voto dagli stessi provenienti, in termini fin troppo inequivocabili.

E dire questo – mi rivolgo al mio Pastore bolognese – non significa dividere la Chiesa, ma restituire ai cattolici la libertà nelle questioni non di Chiesa, richiamandoli, nel contempo, alle proprie responsabilità di testimonianza della fede anche nelle scelte della vita civile e per il bene comune, cui, al pari di tutti i cittadini, hanno il dovere di contribuire.

La fin troppo abusata citazione di San Paolo VI, secondo cui la politica è la forma più alta di carità, impone ai cattolici dell’Emilia Romagna, il 26 Gennaio 2020, innanzitutto un dovere: andare al seggio. Con la Costituzione in mente ed il Vangelo nel cuore.

Molti, cattolici e non, del resto d’Italia, ce ne saranno grati.

Bologna, 15 novembre 2019

Giorgio Spallone

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

      di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

    • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

      di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…

    • Il Covid e la propaganda terroristica: ecco la prova della malafede

      di Claudia Passa. La prova della malafede sta nel modo con il quale vengono forniti i dati. Se si parla degli Stati Uniti si insiste sulle cifre assolute omettendo il fatto che la popolazione americana è cinque volte quella italiana e che, prendendo un parametro statisticamente più valido come ad esempio il numero di decessi per milione di abitanti, il nostro Paese sopravanza gli States di Donald Trump di oltre il 50 per cento (per non parlare del confronto col Brasile di Jair Bolsonaro). Leggi il seguito…

    • Trump smaschera (finalmente) la furia iconoclasta dei “fascisti di sinistra”

      di Corrado Ocone. Il nostro è un tempo di guerra, all’interno del nostro stesso mondo. Un nuovo Kulturkampf, una “guerra culturale” fra due opposte concezioni: una che pretende di conquistare l’egemonia delle idee, dei miti, dei simboli, dell’immaginario, e quindi di quella che nell’epoca della rivoluzione cognitiva è la più importante risorsa, il capitale intellettuale, da cui l’economico e il sociale per molti versi discendono; l’altra, che, in modo a volte contraddittorio e confuso, e comunque in maniera diversa a seconda dei contesti e delle latitudini, reagisce alla prima in nome di quel bagaglio di idee e valori che, pur sempre in movimento, costituiscono la potente eredità ricevuta dai nostri padri. Leggi il seguito…