Crolla un Muro, assolto il Costruttore

di Marcello Veneziani.

Ma la Caduta del Muro di Berlino è solo un caso di edilizia abusiva? Chi lo edificò, quel maledetto muro, Hitler, Nixon o Trump da ragazzo? Ma davvero col crollo del Muro di Berlino cadde finalmente il nazionalismo, con le sue frontiere chiuse e cominciò il via libera ai flussi migratori? A leggere e vedere le cronache di oggi a trent’anni dal Muro di Berlino, l’impressione che resta è questa. E l’immagine ricorrente è una specie di festa, di concerto pop, dei centri sociali tra muri caduti e murales.

In tutta questa rappresentazione manca il protagonista, sparisce il costruttore del muro: il comunismo.

E manca l’attenzione sul significato originario e principale di quel crollo. No, ragazzi, a Berlino non cadde il muro del nazionalismo, non caddero le frontiere rispetto ai migranti, ma in quel muro si sgretolò la tragedia principale del Novecento, il comunismo. Sì, principale, perché a differenza dell’altra tragedia del Novecento, il nazismo, quella del comunismo durò ben settantacinque anni e non dodici; colpì più popoli e si estese su ben tre continenti; sterminò sessanta, ottanta milioni di vittime, e in tempo di pace, lungo il suo regime; e non è ancora finito, se si pensa alla Cina e a Cuba, per non dire del suo lascito, il comunismo implicito, come mentalità, che ancora vive e lotta insieme a noi.

E il segno anche simbolico che il comunismo sia caduto ma non sia morto nel 1989 lo dà una tragedia parallela avvenuta nello stesso anno: è Piazza Tienanmen, a Pechino, dove il regime comunista vince sul popolo e sui singoli cittadini. Il comunismo si trasforma ma non sparisce. E che il comunismo sia la tragedia principale del Novecento lo dimostra anche un altro particolare che poi coincide con l’elevazione del Muro. Nessun altro regime autoritario e totalitario del Novecento ebbe bisogno di erigere muri alla frontiera per impedire che scappassero i suoi cittadini, nemmeno il feroce ed efferato regime nazista. L’unico che lo fece è il comunismo. Presentandolo a contrario come “barriera protettiva antifascista” (la mistificazione della propaganda comunista). Ed oggi, la propaganda – la stessa che sta prefabbricando casi inesistenti di rigurgiti passati anche per distrarre dall’attenzione degli anniversari epocali – confonde le frontiere col Muro di Berlino, dimenticando l’essenziale, elementare differenza tra un Muro che impedisce di entrare a chi non entra regolarmente dalle frontiere e un Muro che impedisce di uscire ai suoi abitanti, nell’esercizio basilare della libertà.

Ci sfugge il cuore di quella tragedia epocale, il senso storico, politico e ideologico, la fine di un incubo durato settantaquattro anni. Il senso di liberazione dei popoli vissuti dentro la cortina di ferro. Un incubo che tra i suoi effetti ebbe quello di impedire all’Europa di unirsi, perché era impossibile uscire dal bipolarismo Usa-Urss, Nato-Patto di Varsavia, Occidente-Est sovietico, finché perdurava l’Antagonista Funesto.

Ma il comunismo, nei ricordi edulcorati del Muro, sfuma oggi a vago ricordo, viene associato al più al faccione di Stalin mentre va da Lenin a Honecker, dal primo all’ultimo comunismo, e coinvolge tutti i comunismi venuti al mondo. Crolla il Muro, ma è assolto il Costruttore. O non è condannato perché, a parte i misfatti, aveva buone intenzioni…

Quel muro non segnò la fine delle nazioni, come si suggerisce oggi, ma il primo effetto fu la riunificazione di una grande nazione, la Germania, che pose fine quel 9 novembre al Dramma Tedesco: due guerre mondiali perdute, due regimi totalitari subiti, come il comunismo e il nazismo, in più la vergogna della Shoa. Quel Muro caduto riunificava e rianimava una Nazione. E con quella nazione ricomposta al centro permetteva all’Europa di avviare il suo processo di unificazione.

Ma tutto questo non appare nei resoconti di oggi. Che nella migliore delle ipotesi si soffermano su uno degli effetti che quel Muro produsse. Ossia l’avvento, il compimento della globalizzazione che in un primo tempo coincise con il Nuovo Ordine Mondiale a guida statunitense. Ma come ben sappiamo, dal Muro sorse anche la spinta opposta, la polarizzazione contraria: il risveglio delle identità patrie, locali, nazionali e religiose. Da una parte l’Occidente sconfinò e diventò globale. Dall’altro si risvegliarono i popoli, le nazioni, le identità. E il risultato che ne scaturì, sommando i due fenomeni divergenti, anzi alternativi, fu da noi la riunificazione europea, con quell’ambiguità di fondo e quella debolezza di pensiero intrinseca al processo europeo. E la crescita di altri soggetti internazionali, dalla Cina all’India e all’Islam, dalle potenze del sud est asiatico alla ripresa della Russia, oltre il comunismo.

Ma il Muro resta l’epilogo di una tragedia e insieme il prologo a un crollo che poi diventò definitivo con Gorbaciov nel 1991. E per completare l’onesto necrologio di quel Muro, non dimentichiamo che come sempre accade nella storia, anche la caduta di quel Muro e di quel Mondo generò in taluni anche un’onda di nostalgia, detta ostalgia, cioè rimpianto dell’est, e perfino di rimorso per il trionfo della società dei consumi. Vinse il capitalismo, non il liberalismo.

Comunque, cari smemorati, il comunismo non è una diceria, una favola o una promessa vergine che splende irrealizzata nell’alto dei cieli. Il comunismo fu reale, terribile e duraturo, e ha lasciato un mare di cicatrici. E cadde solo alle soglie degli anni Novanta. Anche se a voi non sembra, ma il 1989 viene molto dopo del 1945 a cui la vostra memoria si è fermata. 44 anni dopo. Quarantaquattro anni in fila per tre col resto di due.

MV, La Verità 9 novembre 2019

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate. Sulla strada della carità nella verità

      di Mons. Gianpaolo Crepaldi. Ricorrono quest’anno i 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate (2009) di Benedetto XVI. Il 3 dicembre 2019, si è tenuto in Vaticano un Convegno Internazionale per ricordare l’evento. Pubblichiamo l’Introduzione all’Enciclica scritta dall’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace durante l’elaborazione del testo dell’Enciclica e, nei giorni della sua uscita, Vescovo eletto di Trieste, pubblicata dalle edizioni Cantagalli nel 2009. Leggi il seguito…

    • Cop 25, cosa non deve fare un cattolico. Decalogo contro l’allarmismo verde

      di Stefano Fontana. Come dovrebbe essere l’atteggiamento cattolico nei confronti di un evento come il Vertice delle Nazioni Unite sul clima in corso a Madrid (Cop 25)? Un decalogo su come reagire di fronte all'allarmismo ecologista sul riscaldamento globale, alle politiche degli Stati sovra-nazionali e alle manifestazioni di piazza, scioperi per il clima, movimenti studenteschi che caratterizzano questo nuovo millenarismo. Molto più simile a un culto pagano che ad una politica basata sulla scienza.  Leggi il seguito…

    • O partigiano (se ancora esisti) portali via…

      di Giuseppe Leonelli. L’occasione è stata il via libera definitivo, la scorsa settimana, alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen. Un momento di festa per sette dei 9 nuovi commissari di area socialista, tra cui il titolare degli Affari Economici Paolo Gentiloni, i quali hanno pensato bene di fare baldoria intonando il canto partigiano per eccellenza, Bella Ciao. Una iniziativa ovviamente circolata in rete, di fronte alla quale a una settimana di distanza si sono alzate le comprensibili proteste in Italia di Giorgia Meloni e Matteo Salvini i quali hanno parlato di “scandaloso e ridicolo teatrino”. Leggi il seguito…

    • I Messi dell’Eurocrazia

      di Marcello Veneziani. Sapevamo che questo governo era nato con un solo scopo: sopravvivenza di gruppo e personale, al governo e in parlamento, impedendo il voto e la vittoria di Salvini coi suoi alleati. Questo è lo scopo interno di quell’alleanza, il mastice. Abbiamo in questi giorni conosciuto lo scopo esterno assegnato al governo Contebis: eseguire i comandi dell’Eurocrazia, non solo in tema di migranti ma soprattutto in tema di conti, secondo le direttive europee, come testimonia il Mes. La vera ragion politica del governo in carica, oltre quella pietosa di natura personale, era e resta quella. Non c’è un progetto, una grande riforma, un obbiettivo primario davanti, ma c’è solo quel core business: eseguire il mandato degli eurocrati, di cui il pd è la guarda bianca, la filiale interna. Il partito al servizio dell’establishment è il Pd, è il concessionario di zona dei poteri europei, è il rivenditore autorizzato della pappa europea ma è anche il rappresentante, il messo solerte delle sue direttive. Leggi il seguito…