Compendio di argomenti per cui una società sensata deve rigettare il socialismo

Da ACTUALL, quotidiano spagnolo di informazione online – 15 novembre 2019

In Spagna l’egemonia socialista è il problema numero uno, perché è la causa principale dello smembramento dello Stato. Il comunismo non è altro che una versione estrema del socialismo. Dal punto di vista del sostegno ideologico non c’è una sostanziale differenza fra i due.

Di Silvino Lantero Vallina

La triplice crisi politica, morale e della nazione che viviamo attualmente in Spagna ha a che fare con gli errori dell’ideologia socialista. Sfortunatamente questa ideologia ha un profondo radicamento culturale, e quindi politico, in ampi strati sociali. Molte persone, di fronte ai problemi, reclamano soluzioni socialiste che ci impoveriscono: più spesa pubblica, tutto il potere ai politici, iper-regolazione, monetarismo e misure fiscali confiscatorie, meno imprese private e più intervento pubblico.

Fa impressione in Occidente la presenza di posizioni quasi sovietiche, che possiamo notare chiaramente nella scuola e nei mezzi di comunicazione al servizio della propaganda governativa e dei partiti politici di ideologia marxista e di genere o del femminismo distruttivo di terza o quarta generazione.

Per questo l’egemonia socialista è il problema numero uno in Spagna, perché è la causa principale dello smembramento dello Stato, della bassa azione imprenditoriale e del deterioramento morale che si manifesta con l’aborto e con la corruzione dei giovani. È giusto far notare come quelli che credono di essere i rappresentanti dei principi liberali hanno fallito nella loro azione governativa in una parte importante del progetto socialista nell’ambito dell’economia, della stampa e della scuola.

Metto in evidenza qui sotto le 10 ragioni per cui una società sensata dovrebbe rigettare il socialismo.

  1. Il socialismo e il comunismo fanno parte della stessa ideologia.

Il comunismo non è che una forma estrema del socialismo. Dal punto di vista del sostegno ideologico non ci sono sostanziali differenze fra i due. Infatti il comunismo dell’Unione Sovietica definiva sé stesso come “Unione di Repubbliche Socialiste Sovietiche” (1922-1991). Ci sono ancora nazioni come Cuba, Cina, Corea del Nord e Venezuela che si definiscono socialiste.

  1. Il socialismo è contro la libertà e la natura umana.

Il socialismo è anti naturale. Distrugge l’iniziativa personale, la collaborazione e il dono di sé, che rimpiazza con un assoluto o alto grado di controllo dello Stato. Tende sempre al totalitarismo, alla distruzione della libertà, all’arbitrarietà e alla repressione. Attraverso i processi politici il socialismo crea sempre ingiustizie, perché trasferisce le responsabilità degli individui e delle famiglie ai governanti.

  1. Il socialismo viola la proprietà privata.

La redistribuzione socialista consiste nel trasferire il denaro dalle classi medie e basse ai politici e agli amministratori governativi. Lo fa direttamente attraverso le espropriazioni, come ha fatto Castro a Cuba, o con tassazioni confiscatorie come succede attualmente nel nostro paese. Si utilizza il fisco, non come mezzo a favore del bene comune, ma come mezzo di espropriazione. La abolizione della proprietà privata è uno dei punti forti della tradizione socialista che già figurava come uno degli obbiettivi prioritari del “Manifesto comunista” del 1848.

  1. Il socialismo si oppone al matrimonio e alla famiglia.

Rigetta il matrimonio come unione tra un uomo e una donna, che abbia per base la fedeltà e l’indissolubilità. Marx e Engels lo considerano inoltre come “istituzione che sostiene la proprietà privata.

La programmazione di diverse modalità di persecuzione religiosa è stata ed è una delle identità più forti del socialismo”

  1. Il socialismo si oppone ai diritti all’educazione dei genitori.

Il Socialismo afferma che compete allo Stato e alla società civile, non ai genitori, il compito di controllare l’istruzione e l’educazione. Preconizzano che fin dal momento della nascita lo Stato deve farsi carico della totalità dei bambini. E deve stabilire, non solo i contenuti accademici o il civismo, ma anche tutto ciò che ha a che fare con la coscienza morale. In Spagna questa dottrina del monopolio statale si è imposta come una nuova dittatura attraverso la partitocrazia e lo stato delle autonomie.

  1. Il socialismo si basa sull’invidia e sul risentimento.

Vuole imporre una uguaglianza radicale, non l’equità, che è impossibile. Con questo atteggiamento si distruggono molte possibilità imprenditoriali, accademiche, di investigazione e di creazione di posti di lavoro.

  1. Il socialismo si prende gioco e disprezza la religione.

Il credere in Dio, la preoccupazione per la trascendenza, il senso della vita e l’anima, per il socialismo sono solo illusioni. Bisogna emarginarle, esiliarle. Per questo il mettere in atto tutta una serie di modalità di persecuzioni religiose è stata ed è una delle identità più forti del socialismo di ieri e di oggi. Con esse i socialismi hanno contribuito e contribuiscono in modo notevole alla disintegrazione dell’etica e alla decadenza delle società europee.

  1. Il socialismo promuove il relativismo.

Per il socialismo non ci sono né verità rivelate, né modelli di condotta stabili per gli uomini di tutti i tempi e di tutti i luoghi. Tutto si evolve: ciò che è giusto, così come ciò che è falso, il bene e il male. Non ci sono, pertanto, ambiti, né privati, né pubblici, né per la legge naturale o per i Dieci Comandamenti. Come sappiamo, il femminismo socialista sottoscrive la barbarie dell’ideologia di genere e invade la vita privata, familiare e personale.

  1. Il socialismo ostacola la libera economia.

Le colonne della prosperità, quali la libertà di offerta e di domanda, il commercio, la proprietà e l’azione imprenditoriale, lo sforzo e il rischio, minor tassazione, eccetera, non si sviluppano in modo adeguato dove domina la mentalità socialista.

  1. Il socialismo si prende gioco della patria e della nazione

Poiché tutto è relativo, al socialismo non importa il fatto che venga distrutta una nazione storica come la nostra cara Spagna.

Fonte: https://www.actuall.com/democracia/compendio-de-argumentos-por-los-que-una-sociedad-sensata-debe-rechazar-el-socialismo/

Traduzione di Forti Claudio

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…