Compendio di argomenti per cui una società sensata deve rigettare il socialismo

Da ACTUALL, quotidiano spagnolo di informazione online – 15 novembre 2019

In Spagna l’egemonia socialista è il problema numero uno, perché è la causa principale dello smembramento dello Stato. Il comunismo non è altro che una versione estrema del socialismo. Dal punto di vista del sostegno ideologico non c’è una sostanziale differenza fra i due.

Di Silvino Lantero Vallina

La triplice crisi politica, morale e della nazione che viviamo attualmente in Spagna ha a che fare con gli errori dell’ideologia socialista. Sfortunatamente questa ideologia ha un profondo radicamento culturale, e quindi politico, in ampi strati sociali. Molte persone, di fronte ai problemi, reclamano soluzioni socialiste che ci impoveriscono: più spesa pubblica, tutto il potere ai politici, iper-regolazione, monetarismo e misure fiscali confiscatorie, meno imprese private e più intervento pubblico.

Fa impressione in Occidente la presenza di posizioni quasi sovietiche, che possiamo notare chiaramente nella scuola e nei mezzi di comunicazione al servizio della propaganda governativa e dei partiti politici di ideologia marxista e di genere o del femminismo distruttivo di terza o quarta generazione.

Per questo l’egemonia socialista è il problema numero uno in Spagna, perché è la causa principale dello smembramento dello Stato, della bassa azione imprenditoriale e del deterioramento morale che si manifesta con l’aborto e con la corruzione dei giovani. È giusto far notare come quelli che credono di essere i rappresentanti dei principi liberali hanno fallito nella loro azione governativa in una parte importante del progetto socialista nell’ambito dell’economia, della stampa e della scuola.

Metto in evidenza qui sotto le 10 ragioni per cui una società sensata dovrebbe rigettare il socialismo.

  1. Il socialismo e il comunismo fanno parte della stessa ideologia.

Il comunismo non è che una forma estrema del socialismo. Dal punto di vista del sostegno ideologico non ci sono sostanziali differenze fra i due. Infatti il comunismo dell’Unione Sovietica definiva sé stesso come “Unione di Repubbliche Socialiste Sovietiche” (1922-1991). Ci sono ancora nazioni come Cuba, Cina, Corea del Nord e Venezuela che si definiscono socialiste.

  1. Il socialismo è contro la libertà e la natura umana.

Il socialismo è anti naturale. Distrugge l’iniziativa personale, la collaborazione e il dono di sé, che rimpiazza con un assoluto o alto grado di controllo dello Stato. Tende sempre al totalitarismo, alla distruzione della libertà, all’arbitrarietà e alla repressione. Attraverso i processi politici il socialismo crea sempre ingiustizie, perché trasferisce le responsabilità degli individui e delle famiglie ai governanti.

  1. Il socialismo viola la proprietà privata.

La redistribuzione socialista consiste nel trasferire il denaro dalle classi medie e basse ai politici e agli amministratori governativi. Lo fa direttamente attraverso le espropriazioni, come ha fatto Castro a Cuba, o con tassazioni confiscatorie come succede attualmente nel nostro paese. Si utilizza il fisco, non come mezzo a favore del bene comune, ma come mezzo di espropriazione. La abolizione della proprietà privata è uno dei punti forti della tradizione socialista che già figurava come uno degli obbiettivi prioritari del “Manifesto comunista” del 1848.

  1. Il socialismo si oppone al matrimonio e alla famiglia.

Rigetta il matrimonio come unione tra un uomo e una donna, che abbia per base la fedeltà e l’indissolubilità. Marx e Engels lo considerano inoltre come “istituzione che sostiene la proprietà privata.

La programmazione di diverse modalità di persecuzione religiosa è stata ed è una delle identità più forti del socialismo”

  1. Il socialismo si oppone ai diritti all’educazione dei genitori.

Il Socialismo afferma che compete allo Stato e alla società civile, non ai genitori, il compito di controllare l’istruzione e l’educazione. Preconizzano che fin dal momento della nascita lo Stato deve farsi carico della totalità dei bambini. E deve stabilire, non solo i contenuti accademici o il civismo, ma anche tutto ciò che ha a che fare con la coscienza morale. In Spagna questa dottrina del monopolio statale si è imposta come una nuova dittatura attraverso la partitocrazia e lo stato delle autonomie.

  1. Il socialismo si basa sull’invidia e sul risentimento.

Vuole imporre una uguaglianza radicale, non l’equità, che è impossibile. Con questo atteggiamento si distruggono molte possibilità imprenditoriali, accademiche, di investigazione e di creazione di posti di lavoro.

  1. Il socialismo si prende gioco e disprezza la religione.

Il credere in Dio, la preoccupazione per la trascendenza, il senso della vita e l’anima, per il socialismo sono solo illusioni. Bisogna emarginarle, esiliarle. Per questo il mettere in atto tutta una serie di modalità di persecuzioni religiose è stata ed è una delle identità più forti del socialismo di ieri e di oggi. Con esse i socialismi hanno contribuito e contribuiscono in modo notevole alla disintegrazione dell’etica e alla decadenza delle società europee.

  1. Il socialismo promuove il relativismo.

Per il socialismo non ci sono né verità rivelate, né modelli di condotta stabili per gli uomini di tutti i tempi e di tutti i luoghi. Tutto si evolve: ciò che è giusto, così come ciò che è falso, il bene e il male. Non ci sono, pertanto, ambiti, né privati, né pubblici, né per la legge naturale o per i Dieci Comandamenti. Come sappiamo, il femminismo socialista sottoscrive la barbarie dell’ideologia di genere e invade la vita privata, familiare e personale.

  1. Il socialismo ostacola la libera economia.

Le colonne della prosperità, quali la libertà di offerta e di domanda, il commercio, la proprietà e l’azione imprenditoriale, lo sforzo e il rischio, minor tassazione, eccetera, non si sviluppano in modo adeguato dove domina la mentalità socialista.

  1. Il socialismo si prende gioco della patria e della nazione

Poiché tutto è relativo, al socialismo non importa il fatto che venga distrutta una nazione storica come la nostra cara Spagna.

Fonte: https://www.actuall.com/democracia/compendio-de-argumentos-por-los-que-una-sociedad-sensata-debe-rechazar-el-socialismo/

Traduzione di Forti Claudio

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate. Sulla strada della carità nella verità

      di Mons. Gianpaolo Crepaldi. Ricorrono quest’anno i 10 anni dell’enciclica Caritas in veritate (2009) di Benedetto XVI. Il 3 dicembre 2019, si è tenuto in Vaticano un Convegno Internazionale per ricordare l’evento. Pubblichiamo l’Introduzione all’Enciclica scritta dall’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace durante l’elaborazione del testo dell’Enciclica e, nei giorni della sua uscita, Vescovo eletto di Trieste, pubblicata dalle edizioni Cantagalli nel 2009. Leggi il seguito…

    • Cop 25, cosa non deve fare un cattolico. Decalogo contro l’allarmismo verde

      di Stefano Fontana. Come dovrebbe essere l’atteggiamento cattolico nei confronti di un evento come il Vertice delle Nazioni Unite sul clima in corso a Madrid (Cop 25)? Un decalogo su come reagire di fronte all'allarmismo ecologista sul riscaldamento globale, alle politiche degli Stati sovra-nazionali e alle manifestazioni di piazza, scioperi per il clima, movimenti studenteschi che caratterizzano questo nuovo millenarismo. Molto più simile a un culto pagano che ad una politica basata sulla scienza.  Leggi il seguito…

    • O partigiano (se ancora esisti) portali via…

      di Giuseppe Leonelli. L’occasione è stata il via libera definitivo, la scorsa settimana, alla Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen. Un momento di festa per sette dei 9 nuovi commissari di area socialista, tra cui il titolare degli Affari Economici Paolo Gentiloni, i quali hanno pensato bene di fare baldoria intonando il canto partigiano per eccellenza, Bella Ciao. Una iniziativa ovviamente circolata in rete, di fronte alla quale a una settimana di distanza si sono alzate le comprensibili proteste in Italia di Giorgia Meloni e Matteo Salvini i quali hanno parlato di “scandaloso e ridicolo teatrino”. Leggi il seguito…

    • I Messi dell’Eurocrazia

      di Marcello Veneziani. Sapevamo che questo governo era nato con un solo scopo: sopravvivenza di gruppo e personale, al governo e in parlamento, impedendo il voto e la vittoria di Salvini coi suoi alleati. Questo è lo scopo interno di quell’alleanza, il mastice. Abbiamo in questi giorni conosciuto lo scopo esterno assegnato al governo Contebis: eseguire i comandi dell’Eurocrazia, non solo in tema di migranti ma soprattutto in tema di conti, secondo le direttive europee, come testimonia il Mes. La vera ragion politica del governo in carica, oltre quella pietosa di natura personale, era e resta quella. Non c’è un progetto, una grande riforma, un obbiettivo primario davanti, ma c’è solo quel core business: eseguire il mandato degli eurocrati, di cui il pd è la guarda bianca, la filiale interna. Il partito al servizio dell’establishment è il Pd, è il concessionario di zona dei poteri europei, è il rivenditore autorizzato della pappa europea ma è anche il rappresentante, il messo solerte delle sue direttive. Leggi il seguito…