Un governo ombra per fermare la deriva giallorossa

di Marco Gabrielli.

Italia, fine ottobre 2019: il Governo giallo-rosso sta muovendo i primi passi. L’Italia della politica non è riuscita a reagire ad avvenimenti tanto inspiegabili da risultare incomprensibili ai più. Sono accaduti scenari e fatti mai visti prima. La ricerca di possibili alternative di governo non è riuscita a trovarne di numericamente valide considerando le forze attualmente presenti in Parlamento. La richiesta di elezioni anticipate non è stata esaudita.

La disaffezione per la cosa pubblica ha raggiunto valori record. Non solo una persona su due non va a votare: anche fra gli elettori le motivazioni che portano a determinare scelte di campo non sempre sono valide e solide, ma risultano spesso epidermiche e, come tali, lasciano il tempo che trovano. In molti si chiedono che senso abbia andare a votare se si viene governati, sia pure in modo legittimo, da coalizioni che nessuno avrebbe immaginato possibili.

La politica spettacolo dell’era Internet porta a questi frutti. Non più le ideologie. Non più i programmi. Solo tanti slogan, lanciati in poche parole sulle reti sociali, qualche fotografia, alcuni “selfie”. Senza affrontare concretamente i problemi, senza dare risposte, senza proporre soluzioni concrete.

Come venirne fuori? Era la fine degli anni ‘80: anche allora i cambiamenti nella politica erano epocali. C’era ancora il Partito Comunista Italiano, che avrebbe chiuso il suo percorso un paio di anni dopo, segretario Achille Occhetto. È lui che ha importato in Italia l’idea britannica di “Governo ombra”. Non giudico quell’esperienza, che non sembra abbia comunque dato grossi frutti al PCI: ricordo soltanto che alcune personalità di quel “governo” hanno poi raggiunto traguardi di tutto rispetto, a partire dalla Presidenza della Repubblica assegnata al “Ministro ombra agli Esteri” Giorgio Napolitano.

Perché pensare ad un Governo ombra alternativo all’attuale? Per superare la politica basata su singole persone e sugli slogan. Per affrontare i problemi cercando la soluzione e non solo il potere. Per trattare con realismo una legge elettorale criticabile, ma non attualmente emendabile, che non premia un singolo partito, ma costringe a delle alleanze. Per essere pronti ad eventuali nuove leggi elettorali che potrebbero premiare le coalizioni.

Come pensarlo?

Il Governo ombra del PCI era formato prevalentemente da esponenti dello stesso partito: prevedeva un governo monocolore. Nel 2020 bisognerebbe pensare ad un governo frutto di alleanze costruite per raggiungere e superare abbondantemente il 50% dei voti e il 50% dei rappresentanti in Parlamento.

Pensare ad un programma di coalizione fra le forze di un’ipotetica alleanza di governo orientato a Centrodestra è già un progetto ambizioso. Trovarsi concordi, già da ora, su dei nomi a cui affidare oggi un “incarico ombra” per assegnare un domani gli incarichi di Ministro o Sottosegretario rasenta l’impossibile.

Ministri e Sottosegretari ombra dovrebbero lavorare, studiare, valutare, ascoltare la base, percorrere le Periferie spiegando e motivando determinate scelte che andrebbero presentate compiutamente, e non solo a livello di slogan; distribuire analisi, proporre soluzioni supportate da esperienze o simulazioni credibili; produrre puntuali proposte di legge alternative, da contrapporre alle proposte del Governo ufficiale o anticipando le proposte stesse di chi governa.

Soprattutto, questo ingente sforzo, dovrebbe risolvere le immancabili differenze di vedute presenti nei vari partiti, dovrebbe preparare i programmi credibili di una alleanza già pronta ad affrontare le scelte più importanti il giorno in cui fosse realmente chiamata alle responsabilità di governo.

Un lavoro, un grosso lavoro, un impegno per i Ministri ombra, ma anche per tutte le persone che hanno a cuore la politica, che dovrebbero venir coinvolte e chiamate anche a decidere sulle scelte strategiche.

Che sia poi un “Governo ombra“ o sia qualcosa di diverso non è poi troppo importante: l’importante è trovare una risposta alla necessità di costruire una alternativa credibile, fino al punto di raccogliere i voti della maggioranza degli italiani, che sono ormai stufi della vacuità degli slogan e desiderosi di un reale cambiamento.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

      di Marco Tosatti. Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale. Leggi il seguito…

    • Dal Pci alla Casa d’Intolleranza

      di Marcello Veneziani. Dal vecchio Pci sorse una Casa d’Intolleranza. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct, usa il passato come un’arma per colpire il presente, pone veti e divieti, presenta come reati le opinioni difformi, grazie a leggi ad hoc dei suoi governi. Si serve delle truppe d’assalto dei media e delle forze corazzate dei magistrati, per mettere sotto scacco e fuori legge i suoi nemici Leggi il seguito…

    • Combattere il naturalismo politico nella Chiesa

      di Stefano Fontana. Il ripiegamento della Chiesa sul sociologismo indica che il naturalismo politico, condannato da tutti i Papi del Novecento, è entrato nella Chiesa stessa. Con gravi conseguenze anche per la Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • Legalizzazione prostituzione, Pro Vita & Famiglia: «Il corpo non si vende caro governatore Fontana»

      di Pro Vita & Famiglia. «Il corpo non si vende. La schiavitù e lo sfruttamento non possono diventare un business caro governatore della Regione Lombardia e non possiamo accettare che venga trasformata in lavoro la prostituzione» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia, in merito al sì del presidente della Lombardia Attilio Fontana alla legalizzazione della prostituzione durante la trasmissione radiofonica ‘La Zanzara’ di ieri Leggi il seguito…