Umbria: Meloni, Salvini e Berlusconi alla presentazione del Manifesto delle Associazioni Pro Family

di Associazione Difendiamo i nostri Figli.

Giovedì 17 Ottobre, alle 18.00, presso il Centro Congressi “A. Capitini” di Perugia, le sette associazioni firmatarie del Manifesto Valoriale per l’Umbria danno appuntamento a tutta la cittadinanza e ai candidati a Presidente della Regione Umbria e al Consiglio Regionale per un incontro pubblico di presentazione del Manifestato valoriale per la vita, la famiglia e la libertà educativa.

Hanno confermato la loro presenza il Presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, il Segretario della Lega, Matteo Salvini e il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

Il candidato a Presidente della Regione, Donatella Tesei, sottoscriverà il Manifesto Valoriale; con la sua firma si farà garante nei confronti delle associazioni proponenti e degli elettori dell’esistenza di un accordo chiaro e condiviso, all’interno della sua coalizione, nel perseguire le politiche del Manifesto, che dovranno essere integrate nel programma di governo.

Le associazioni proponenti intendono così continuare anche sul piano regionale il prezioso lavoro di collaborazione con le amministrazioni locali umbre, condotto tramite la sperimentazione di buone pratiche di welfare, in sinergia con le città che su tutto il territorio nazionale hanno già aderito al progetto del Network Nazionale dei Comuni Amici della Famiglia. A quest’ultimo hanno infatti aderito decine di Comuni umbri proprio lo scorso settembre.

Il Manifesto, ispirato ai valori della Famiglia naturale, della promozione della vita e della natalità, del sostegno alle situazioni di fragilità e della libertà educativa è stato inviato a tutti i candidati a Presidente della Regione Umbria, da parte delle seguenti associazioni:

Family Day – Difendiamo i nostri figli
Associazione Nazionale Famiglie Numerose
Movimento Per la Vita sedi di Terni – Città di Castello – Spoleto ProVita & Famiglia
Steadfast onlus
CitizenGO
Alleanza Cattolica

“Questa iniziativa è rivolta a tutti gli esponenti della politica umbra, ma solo chi ha risposto al nostro appello per una Regione a misura di famiglia riceverà il sostegno delle nostre Associazioni, che vogliono porre nuovamente al centro delle priorità della pubblica amministrazione i grandi valori della vita e della famiglia”, dichiarano i responsabili delle realtà proponenti.

Perugia, 14 ottobre 2019

scarica il Manifesto

fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…

    • Domande alla Santa Sede dopo la violazione del Concordato

      di Gianfranco Amato. Perché la Santa Sede non ha denunciato la violazione del Concordato? Si intende farne cessare gli effetti per disapplicazione e desuetudine? Non è più interessata a quel particolare trattato internazionale? La grave inerzia di fronte alle violazioni del governo è dovuta ad una limitata conoscenza giuridica o ad una deliberata volontà? Sarebbe giusto comunicarlo ai fedeli, consapevoli delle conseguenze pratiche: la Santa Sede si ritiene ancora uno Stato indipendente? Leggi il seguito…

    • Dopo la pandemia

      di Marcello Veneziani. Per la prima volta la metà dell’umanità è stata chiusa in quarantena nelle proprie case, costretta alla solitudine, per un tempo piuttosto lungo, stravolgendo la sua vita subendo restrizioni mai registrate. Con un effetto catastrofico sulla vita sociale ed economica, produttiva e lavorativa, oltre che su tutte le attività scolastiche, culturali, ludiche, ricreative, gli spostamenti, il turismo, le relazioni e la vita affettiva. Fino a profilare una vera e propria mutazione antropologica, che sarà difficilmente riassorbita nel tempo. E che potrà determinare cambiamenti, mutamenti di visioni e di prospettive come non era finora accaduto. Allora cerchiamo di capire quali sono stati dal punto di vista geopolitico e geospirituale gli effetti che ha prodotto Leggi il seguito…