Togliere il voto agli anziani… Il delirio suprematista di Grillo

di Giuseppe Leonelli.

Eliminare il diritto di voto per gli anziani. Beppe Grillo provoca, ma fa sul serio. Strizza l’occhio a chi gli crede e sbeffeggia chi lo contesta. Gongola dei riflettori accesi su questa castroneria e intanto cita filosofi e teorizza senza apparente ironia il suo ultimo delirio. Già ci aveva provato qualche anno fa proponendo l’estrazione a sorte dei parlamentari, ma ora si è spinto oltre e immagina che il voto degli anziani (a proposito dove è fissata la soglia del voto off limits? Grillo stesso ha 71 anni…) vada cancellato. Una sorta di suprematismo generazionale.

“In un mondo sempre più anziano, esperti, studiosi e politici propongono di abbassare l’età del voto (così come proposi anni fa), ma cosa dovrebbero fare le democrazie quando gli interessi degli anziani sembrano essere in contrasto con gli interessi delle giovani generazioni? Una proposta già ampiamente discussa dal filosofo ed economista belga, Philippe Van Parijs – nonché tra i più grandi sostenitori del reddito universale – potrebbe essere quella di privare il diritto di voto agli anziani, ovvero eliminare il diritto di voto ad una certa età (oppure dare ai genitori voti per procura per ciascuno dei loro figli a carico). L’idea nasce dal presupposto che una volta raggiunta una certa età, i cittadini saranno meno preoccupati del futuro sociale, politico ed economico, rispetto alle generazioni più giovani, e molto meno propensi a sopportare le conseguenze a lungo termine delle decisioni politiche”. Questo in sintesi il pensiero del leader 5 Stelle.

E se fosse la boutade di un comico nulla di male, ma il problema è che questo è il pensiero del leader di un partito che veleggia tutt’ora intorno al 20%. Via il voto agli anziani… E perché no? Via il voto anche ai disabili, ai poveri e ai malati gravi. Via il voto alle persone che soffrono di depressione perché non hanno l’ottimismo necessario per sognare il mondo a 5 Stelle e via il voto a chi non ha frequentato almeno la quinta superiore (a rischio chi è stato promosso col voto minimo). Dato che ci siamo non votino neppure gli astemi (mai fidarsi di chi non beve), ma anche chi soffre di alcolismo, chi non ama la cioccolata e chi preferisce i tortellini alla panna rispetto a quelli in brodo. Via il voto agli innamorati perché non dormono più e sono poco lucidi e via il voto ai cinici perché incapaci di essere visionari.

Solo così avremo creato la democrazia dei migliori, una razza superiore selezionata dal potere dell”elevato’, come si è spesso autodefinito tra l’ironico e il sincero, Beppe Grillo… Se non fosse un incubo reale si potrebbe quasi sorridere.

fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

      di Marco Tosatti. Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale. Leggi il seguito…

    • Dal Pci alla Casa d’Intolleranza

      di Marcello Veneziani. Dal vecchio Pci sorse una Casa d’Intolleranza. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct, usa il passato come un’arma per colpire il presente, pone veti e divieti, presenta come reati le opinioni difformi, grazie a leggi ad hoc dei suoi governi. Si serve delle truppe d’assalto dei media e delle forze corazzate dei magistrati, per mettere sotto scacco e fuori legge i suoi nemici Leggi il seguito…

    • Combattere il naturalismo politico nella Chiesa

      di Stefano Fontana. Il ripiegamento della Chiesa sul sociologismo indica che il naturalismo politico, condannato da tutti i Papi del Novecento, è entrato nella Chiesa stessa. Con gravi conseguenze anche per la Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • Legalizzazione prostituzione, Pro Vita & Famiglia: «Il corpo non si vende caro governatore Fontana»

      di Pro Vita & Famiglia. «Il corpo non si vende. La schiavitù e lo sfruttamento non possono diventare un business caro governatore della Regione Lombardia e non possiamo accettare che venga trasformata in lavoro la prostituzione» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia, in merito al sì del presidente della Lombardia Attilio Fontana alla legalizzazione della prostituzione durante la trasmissione radiofonica ‘La Zanzara’ di ieri Leggi il seguito…