Togliere il voto agli anziani… Il delirio suprematista di Grillo

di Giuseppe Leonelli.

Eliminare il diritto di voto per gli anziani. Beppe Grillo provoca, ma fa sul serio. Strizza l’occhio a chi gli crede e sbeffeggia chi lo contesta. Gongola dei riflettori accesi su questa castroneria e intanto cita filosofi e teorizza senza apparente ironia il suo ultimo delirio. Già ci aveva provato qualche anno fa proponendo l’estrazione a sorte dei parlamentari, ma ora si è spinto oltre e immagina che il voto degli anziani (a proposito dove è fissata la soglia del voto off limits? Grillo stesso ha 71 anni…) vada cancellato. Una sorta di suprematismo generazionale.

“In un mondo sempre più anziano, esperti, studiosi e politici propongono di abbassare l’età del voto (così come proposi anni fa), ma cosa dovrebbero fare le democrazie quando gli interessi degli anziani sembrano essere in contrasto con gli interessi delle giovani generazioni? Una proposta già ampiamente discussa dal filosofo ed economista belga, Philippe Van Parijs – nonché tra i più grandi sostenitori del reddito universale – potrebbe essere quella di privare il diritto di voto agli anziani, ovvero eliminare il diritto di voto ad una certa età (oppure dare ai genitori voti per procura per ciascuno dei loro figli a carico). L’idea nasce dal presupposto che una volta raggiunta una certa età, i cittadini saranno meno preoccupati del futuro sociale, politico ed economico, rispetto alle generazioni più giovani, e molto meno propensi a sopportare le conseguenze a lungo termine delle decisioni politiche”. Questo in sintesi il pensiero del leader 5 Stelle.

E se fosse la boutade di un comico nulla di male, ma il problema è che questo è il pensiero del leader di un partito che veleggia tutt’ora intorno al 20%. Via il voto agli anziani… E perché no? Via il voto anche ai disabili, ai poveri e ai malati gravi. Via il voto alle persone che soffrono di depressione perché non hanno l’ottimismo necessario per sognare il mondo a 5 Stelle e via il voto a chi non ha frequentato almeno la quinta superiore (a rischio chi è stato promosso col voto minimo). Dato che ci siamo non votino neppure gli astemi (mai fidarsi di chi non beve), ma anche chi soffre di alcolismo, chi non ama la cioccolata e chi preferisce i tortellini alla panna rispetto a quelli in brodo. Via il voto agli innamorati perché non dormono più e sono poco lucidi e via il voto ai cinici perché incapaci di essere visionari.

Solo così avremo creato la democrazia dei migliori, una razza superiore selezionata dal potere dell”elevato’, come si è spesso autodefinito tra l’ironico e il sincero, Beppe Grillo… Se non fosse un incubo reale si potrebbe quasi sorridere.

fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…

    • Domande alla Santa Sede dopo la violazione del Concordato

      di Gianfranco Amato. Perché la Santa Sede non ha denunciato la violazione del Concordato? Si intende farne cessare gli effetti per disapplicazione e desuetudine? Non è più interessata a quel particolare trattato internazionale? La grave inerzia di fronte alle violazioni del governo è dovuta ad una limitata conoscenza giuridica o ad una deliberata volontà? Sarebbe giusto comunicarlo ai fedeli, consapevoli delle conseguenze pratiche: la Santa Sede si ritiene ancora uno Stato indipendente? Leggi il seguito…

    • Dopo la pandemia

      di Marcello Veneziani. Per la prima volta la metà dell’umanità è stata chiusa in quarantena nelle proprie case, costretta alla solitudine, per un tempo piuttosto lungo, stravolgendo la sua vita subendo restrizioni mai registrate. Con un effetto catastrofico sulla vita sociale ed economica, produttiva e lavorativa, oltre che su tutte le attività scolastiche, culturali, ludiche, ricreative, gli spostamenti, il turismo, le relazioni e la vita affettiva. Fino a profilare una vera e propria mutazione antropologica, che sarà difficilmente riassorbita nel tempo. E che potrà determinare cambiamenti, mutamenti di visioni e di prospettive come non era finora accaduto. Allora cerchiamo di capire quali sono stati dal punto di vista geopolitico e geospirituale gli effetti che ha prodotto Leggi il seguito…