Per Fioramonti è forse scoccata l’ora delle dimissioni?

di Giuseppe Leonelli.

Da ministro dell’istruzione dovrebbe essere la figura di riferimento per tutti gli educatori italiani, una responsabilità enorme che Lorenzo Fioramonti davvero non sembra essere in grado di reggere.

Sui social, si sa, spesso ci si lascia andare ad esternazioni azzardate, ma quelle nella quali si lanciò tempo addietro Fioramonti lasciano davvero allibiti. Silvio Berlusconi? “Uno iettatore nano”. La Santanchè? Un “personaggio raccapricciante e disgustoso, se fossi una donna mi alzerei e le sputerei in faccia, con tutti gli zigomi rifatti”. Giuliano Ferrara? “Un’altra m…a con i denti separati, uno schifoso, che solo in Italia può passare come intellettuale”. E poi il messaggio più delirante, che va oltre ogni pur greve polemica politica. La polizia per l’attuale ministro dell’istruzione sarebbe, stando a sue vecchie frasi sui social, “un corpo di guardia del potere. I pochi poliziotti perbene hanno paura di far sentire la propria voce”.

E poco contano le scuse tardive, balbettate dal ministro: “Sono opinioni scritte di getto, di cui non vado fiero”. Come se lo scrivere di getto presupponesse vomitare insulti del tutto irrazionali, pronunciati (e questa è la cosa più incredibile) da chi dovrebbe rappresentare ai massimi livello l’Italia, lo Stato italiano.

Ora, se il livello è questo, viene davvero da chiedersi se non sia già scattata dopo poche settimane dall’insediamento, l’ora delle dimissioni di Fioramonti. Del resto non sono solo i vecchi post ad imbarazzare il governo: il professore ordinario ordinario all’università di Pretoria eletto nelle fila dei 5 Stelle è incappato in una serie di scivoloni anche di recente.

Ha iniziato con la tassa sulle merendine, ha proseguito con il giustificare, ed anzi applaudire, lo sciopero degli studenti per il clima ed ha chiuso in bellezza ipotizzando di rimuovere il crocifisso dalle aule. Il tutto in meno di un mese.

Il problema è proprio questo: se in 4 settimane il neo ministro è riuscito ad inanellare cotanti strafalcioni (per essere cortesi) viene da chiedersi cosa potrebbe essere in grado di fare nei prossimi mesi. Ammesso, ovviamente, che il Governo duri… La scuola italiana, l’università italiana, possono permettersi di essere rappresentate da una figura simile? La domanda è legittima e, forse, lo stesso ministro dovrebbe porsela guardandosi allo specchio.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Corte Europea dei diritti umani… e di Soros

      di Luca Volontè. Il centro studi ECLJ smaschera il conflitto di interessi della CEDU con le fondazioni di Soros. 22 giudici nel 2019 hanno o avevano avuto legami con sette ONG legate al magnate filantropo. Il Commissario dei diritti umani difenderà la giustizia europea?  Leggi il seguito…

    • I vescovi e il Dio che sostiene, ma non può fare miracoli

      di Stefano Fontana. I vescovi invitano a pregare perché Dio sostenga i malati e i medici, pochi di loro chiedono di pregare perché il Cielo sconfigga il contagio. Sembra che non si riconosca a Dio la possibilità di operare al di fuori dell’ordine del creato, come invece in San Tommaso, ma solo rispettando le leggi di questo ordine. Ecco il frutto della teologia di Rahner, dove Dio è intramondano.  Leggi il seguito…

    • Prudenza sì, panico no

      di Riccardo Cascioli. Strade semideserte, locali chiusi, supermercati presi d'assalto, incontri pubblici e privati annullati: in Italia c'è ormai il panico da Coronavirus. Ma la realtà dei fatti non giustifica questa isteria. L'epidemia è molto circoscritta e al momento non è prevedibile una diffusione a tappeto. Essere prudenti ed evitare rischi inutili è doveroso, ma il panico diffuso è segno anche di una fragilità personale diffusa. Leggi il seguito…

    • Stati Uniti-Ungheria, l’asse in difesa della famiglia

      di Federico Cenci. Sono 7.330 i chilometri che separano Washington da Budapest. Eppure le due capitali non sono mai state così vicine. I governi di Stati Uniti e Ungheria, infatti, lavorano fianco a fianco per sostenere le comunità cristiane nel mondo, e per realizzare politiche in favore della famiglia e della vita. Lo ha sottolineato nei giorni scorsi Katalin Novak, segretario di Stato ungherese per la Famiglia e la Gioventù, tornata di recente da una visita diplomatica Oltreoceano durante la quale ha incontrato il deputato Repubblicano Jeff Fortenberry e membri del centro studi conservatore American Enterprise Institute. Tra l’altro la Novak intervenne al Congresso mondiale delle famiglie di Verona in marzo. Leggi il seguito…