Per Fioramonti è forse scoccata l’ora delle dimissioni?

di Giuseppe Leonelli.

Da ministro dell’istruzione dovrebbe essere la figura di riferimento per tutti gli educatori italiani, una responsabilità enorme che Lorenzo Fioramonti davvero non sembra essere in grado di reggere.

Sui social, si sa, spesso ci si lascia andare ad esternazioni azzardate, ma quelle nella quali si lanciò tempo addietro Fioramonti lasciano davvero allibiti. Silvio Berlusconi? “Uno iettatore nano”. La Santanchè? Un “personaggio raccapricciante e disgustoso, se fossi una donna mi alzerei e le sputerei in faccia, con tutti gli zigomi rifatti”. Giuliano Ferrara? “Un’altra m…a con i denti separati, uno schifoso, che solo in Italia può passare come intellettuale”. E poi il messaggio più delirante, che va oltre ogni pur greve polemica politica. La polizia per l’attuale ministro dell’istruzione sarebbe, stando a sue vecchie frasi sui social, “un corpo di guardia del potere. I pochi poliziotti perbene hanno paura di far sentire la propria voce”.

E poco contano le scuse tardive, balbettate dal ministro: “Sono opinioni scritte di getto, di cui non vado fiero”. Come se lo scrivere di getto presupponesse vomitare insulti del tutto irrazionali, pronunciati (e questa è la cosa più incredibile) da chi dovrebbe rappresentare ai massimi livello l’Italia, lo Stato italiano.

Ora, se il livello è questo, viene davvero da chiedersi se non sia già scattata dopo poche settimane dall’insediamento, l’ora delle dimissioni di Fioramonti. Del resto non sono solo i vecchi post ad imbarazzare il governo: il professore ordinario ordinario all’università di Pretoria eletto nelle fila dei 5 Stelle è incappato in una serie di scivoloni anche di recente.

Ha iniziato con la tassa sulle merendine, ha proseguito con il giustificare, ed anzi applaudire, lo sciopero degli studenti per il clima ed ha chiuso in bellezza ipotizzando di rimuovere il crocifisso dalle aule. Il tutto in meno di un mese.

Il problema è proprio questo: se in 4 settimane il neo ministro è riuscito ad inanellare cotanti strafalcioni (per essere cortesi) viene da chiedersi cosa potrebbe essere in grado di fare nei prossimi mesi. Ammesso, ovviamente, che il Governo duri… La scuola italiana, l’università italiana, possono permettersi di essere rappresentate da una figura simile? La domanda è legittima e, forse, lo stesso ministro dovrebbe porsela guardandosi allo specchio.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Müller: chi tocca il celibato distrugge la Chiesa

      di Riccardo Cascioli. In un nuovo saggio il cardinale Müller difende Benedetto XVI dagli attacchi per il caso del libro scritto con il card. Sarah. Non c'è nessun antagonismo con il Papa regnante, ma il desiderio di  un legittimo contributo alla verità. Quanto al celibato sacerdotale, Müller sta con Benedetto XVI e il cardinale Sarah: «La penuria di sacerdoti (in numeri come nella qualità) in paesi occidentali un tempo cristiani non è dovuta ad una penuria di chiamate da parte di Dio, quanto invece da una mancanza delle nostre vite nei confronti del Vangelo di Gesù Cristo». Leggi il seguito…

    • Caso Gregoretti, Ricolfi: “Sinistra e giudici divorziano dal buon senso”

      di Stefano Zurlo. Ricolfi: “Ci sono casi in cui il reato dipende dal giudice che prende in mano il fascicolo. La procura aveva chiesto l'archiviazione, il Tribunale dei ministri vuole processare Salvini. Quindi se anche fra i giudici c'è un margine così grande di interpretazione si capisce che la questione è politica. Ma c'è di più. Qui c'è un divorzio dal buonsenso. Anzi no, dal senso comune che è più basico, il buonsenso richiede un minimo di saggezza. Qui stiamo parlando della modulazione dei tempi di un'operazione di sbarco dei migranti. Dov'è il crimine?” Leggi il seguito…

    • Intervista ad Antonio Socci: “Ecco perché la finanza ci vuole privare dell’identità”

      di Giuseppe Pica. Antonio Socci è un giornalista da sempre attento alle questioni religiose ed ecclesiastiche a cui unisce un’approfondita analisi sulla attualità politica e sociale. Lo abbiamo intervistato a poche settimane dalla pubblicazione del suo ultimo libro intitolato “Il Dio mercato, la Chiesa e l’Anticristo”, in cui descrive meticolosamente le vicende più spinose della modernità. Leggi il seguito…

    • Sacerdoti celibi: per la DSC è meglio

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Approfittando dell’interesse suscitato in questi giorni dal tema del celibato sacerdotale, anche a seguito delle polemiche in atto, possiamo chiederci se un sacerdote sposato possa svolgere meglio il suo ruolo a servizio della Dottrina sociale della Chiesa, oppure se questo esito sia garantito di più dal celibato. Se si interrogassero su questo punto le persone della strada, con ogni probabilità la scelta andrebbe verso la prima soluzione. Risulterebbe facile sostenere che il sacerdote sposato avrebbe più esperienza delle cose della vita sociale, economica e politica, ossia di quegli ambiti di cui si occupa la Dottrina sociale della Chiesa. I suoi insegnamenti in questi campi sarebbero più autorevoli, perché nutriti dall’esperienza diretta. Ma è veramente così? Ad uno sguardo più attento sul posto che il sacerdote occupa nel servizio alla Dottrina sociale della Chiesa parrebbe proprio di no. Leggi il seguito…