L’opzione Domopac del democristiano Conte

di Emanuele Boffi.

Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto

Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella».

Applausi, selfie, strette di mano

Il presidente del Consiglio ha fatto la sua “porca figura”: applausi, strette di mano, selfie e tanta approvazione da un mondo che vede nel suo granitico moderatismo, sfuggevole a ogni definizione assoluta, una garanzia di malleabilità. Insomma, magari non ha grandi idee, ma proprio il fatto di non averle è un’assicurazione sulla limitazione dei danni. Qui sta il mistero e la forza di Conte, personaggio che più trasparente non si può, nel senso che non ha tonalità cromatica ma solo lieve consistenza contenitiva. Una sorta di Domopac, pellicola ultraresistente a ogni scossone politico che tutto avvolge e mantiene, l’informe che s’adatta a forme altrui, il contenitore diafano che si limita a restituire i colori del contenuto sottostante.

«Mi descrivete ora grillino, ora democristiano – ha detto – ma io sempre lo stesso sono, le mie idee sono sempre quelle, le conoscete». Di grazia, quali idee? Sarebbe bello conoscerle, dato che è stato capace di difendere quelle del sovranista Matteo Salvini e ora quelle degli europeisti democratici. Inutile cercare un criterio politico in Conte, tutto si tiene nell’ideologia Domopac.

L’enigma Conte

Eppure. Eppure il discorso che ha tenuto ad Avellino è un bel discorso in cui il presidente del Consiglio è stato capace di cogliere in due o tre passaggi l’originalità del contributo dei politici dc alla redazione della nostra Costituzione. Gli appunti sul personalismo cattolico che seppe opporsi alle ideologie marxiste e liberali, così come il passaggio che è «lo Stato per la persona e non la persona per lo Stato», non sono osservazioni banali. Erano idee forti e decise per cui i cattolici battagliarono e diedero forma a una Carta che, nei limiti di compromessi ragionevoli, rispecchiava i valori in cui essi credevano.

Per quel che riguarda Conte, invece, resta il dubbio che, al di là di qualche dichiarazione reiterata sulla sua fede e sulla venerazione di padre Pio, egli identifichi la parola “cattolico” con uno stile di comportamento, un modus operandi fluido e pacato, un’arte di governo che si prefigge solo la conciliazione degli opposti. In questa “fluidità” sta il suo enigma: grillino coi grillini, leghista coi leghisti, piddino coi piddini e, domani, chissà, berlusconiano tra i berlusconiani.

Un po’ come essere vegani

Non è un caso, dunque, che sia piaciuto e piaccia così tanto ai cattolici democratici: la pasta è la stessa. Messa da parte la dottrina sociale, l’impegno dei cattolici si configura come camera di compensazione dei furori ideologici che allarmano il ceto medio, tutto a vantaggio di qualche posto garantito dall’establishment progressista. Niente di più: mai e poi mai culture war, ma nemmeno politiche informate dalla fede. Da quelle parti, essere cattolici è un po’ come essere vegani, ognuno nel suo privato fa quel che vuole. Oggi, poi, l’allure democristiana si porta bene, ché viviamo tempi in cui le idee forti si portano poco. Opzione Domopac, appunto: perfetta per chi non ha altro scopo se non prolungare la propria data di scadenza.

Fonte: Tempi

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…