Il taglio dei parlamentari? Perché sia un bene va ‘degrillizzato’

di Gaetano Quagliariello.

Il giorno nel quale il Parlamento tagliò se stesso passerà senz’altro alla storia. Se ci passerà come il calcio d’inizio di un processo che renda più efficace ed efficiente il lavoro delle Camere, oppure come il culmine dello smantellamento della democrazia rappresentativa, lo scopriremo solo vivendo. E possibilmente impegnandoci affinché il primo scenario abbia la meglio sul secondo.

Premessa: chi scrive è l’autore di uno dei tre disegni di legge per il taglio dei parlamentari – il primo in ordine di tempo, peraltro – giunti al traguardo in queste ore. Si tratta di una misura che era nei programmi elettorali di tutti gli schieramenti, e parlarne è talmente poco costituzionalmente eretico che il rapporto di un eletto per ogni centocinquantamila elettori – quello cioè che si ricava dividendo gli elettori italiani per il numero di deputati previsto dalla riforma – era già stato proposto in sede di Assemblea Costituente.
Tuttavia, non si può dire che il provvedimento sia buono o cattivo di per sé. Come dicevo, esso può segnare lo smantellamento della democrazia rappresentativa o, al contrario, un passo verso una democrazia più efficiente. Dipende se lo si vorrà considerare un punto di arrivo, e dunque un atto di mera propaganda antiparlamentare in salsa grillina, o un punto di partenza al quale dovranno seguire atti successivi nel senso di una armonizzazione e di una razionalizzazione delle procedure parlamentari.

L’esigenza imprescindibile è che questo tema venga sottratto all’approccio “grilleggiante”: con tutto il rispetto per i conti dello Stato, ad esempio, l’argomento dei risparmi è una boiata. Il vero costo o guadagno economico per i cittadini risiede nell’efficienza con la quale gli organi istituzionali adempiono alle loro funzioni. E questa è la sfida che ci attende.

fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…