Il centrodestra c’è! Salvini: “Uniti si vince, ovunque”

da l’Occidentale.

Il centrodestra unito c’è. Eccome se c’è! La piazza è gremita e, a circa mezz’ora dall’inizio della manifestazione, ancora in tanti sono in arrivo. “La metro oggi funziona” ha ironicamente esordito Matteo Salvini dando il benvenuto alle migliaia di militanti e a quelli che ancora ingolfano la metro A di Roma. Bandiere dei partiti del centrodestra svelontano accompagnate dai cori “Elezioni subito!”.

Sul palco dell’”Orgoglio italiano” si alternano Maria Giovanna Maglie e Alberto Bagnai. Per poi dare la parola ai governatori del centrodestra, in primis Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e leader del nuovo Movimento di centrodestra “Cambiamo!” che ha ringraziato “Matteo per avermi fatto parlare per primo dato che devo tornare in Liguria per gestire da vicino l’emergenza meteo, perché così si governa: mettendo al di sopra di tutto i cittadini“.

“Tredici anni fa eravamo in questa stessa piazza per manifestare contro il diluvio di tasse scatenato dalla Finanziaria dell’allora governo Prodi. Mai avrei pensato che dopo tutto questo tempo ci saremmo trovati nella medesima situazione”. Così ha aperto il suo intervento Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia. Il Cavaliere ha poi ribadito come il centrodestra rappresenti “la nazionale azzurra della libertà”, perennemente in lotta contro “una sinistra che mantiene le sue prerogative giustizialiste e inclini a tassare all’inverosimile aziende e liberi professionisti” e “solo con un centrodestra unito potremo tornare al governo del Paese, cambiando così davvero l’Italia”.

“Finché saremo in politica, difenderemo sempre il concetto di Dio, Patria e Famiglia!” così Giorgia Meloni sul palco di Piazza San Giovanni. “Cinque Stelle e PD sono due facce della stessa medaglia, impegniamoci a non allearci più con nessuno dei due” ha proseguito la leader di FDI, la quale ha poi aspramente criticato il governo giallorosso (che di giallo ha solo il mastice che tiene i ministri incollati alla poltrona) per poi chiedere l’unità del centrodestra su provvedimenti quali un sistema elettorale maggioritario e l’elezione diretta del Presidente della Repubblica.

“In Europa vogliamo essere amici di tutti, ma schiavi di nessuno”. Matteo Salvini è l’ultimo a salire sul palco e attacca il Governo e l’UE sul fatto che “per anni l’Europa ha preferito dialogare con un islamista come Erdoğan, piuttosto che con Russia o Israele”.
Il segretario leghista ha confermato la battaglia in caso di smantellamento di “quota 100” e si è schierato, citando Einaudi, contro il carcere contro gli evasori.
L’accoglienza può esserci, a patto che “chi arriva sia munito di documenti e rispetti le leggi e le tradizioni italiane” e “basta politica nelle scuole e nelle chiese, dove si deve tornare a far educazione e a predicare”.
In conclusione, Salvini ha ribadito di avere pazienza perché “potranno scappare dal voto qualche mese, ma alla fine arriverà il nostro momento per governare il Paese”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Emilia Romagna. Spallone: Cattolici, mandate a casa il Governo più anticristiano della storia recente

      di Marco Tosatti. Il 26 Gennaio 2020, in Emilia Romagna si voterà per le elezioni politiche. No, nessun lapsus: quelle per il rinnovo del Consiglio Regionale e la scelta del Governatore sono, esattamente, elezioni politiche. La valenza politica di questa consultazione sopravanza di gran lunga il carattere locale, già di per sé di grande importanza. Ciò, per la sufficiente ragione data dall’inevitabile caduta dal governo nazionale in caso di prevalenza della candidata del centrodestra, sul governatore uscente, candidato della sinistra. Di questa realtà, oltre al mondo politico nazionale, sono perfettamente consapevoli le gerarchie ecclesiastico-politiche, in servizio permanente effettivo. Esempio di questo agitarsi è l’attivismo del Cardinale del capoluogo di questa Regione, la cui agenda è fitta di impegni per presentazioni libri, dibattiti di natura politica, interviste televisive in prima serata; insomma, tutto quello che un buon politico deve fare per sostenere le proprie idee politiche e la propria parte politica attualmente al governo regionale e nazionale. Leggi il seguito…

    • Dal Pci alla Casa d’Intolleranza

      di Marcello Veneziani. Dal vecchio Pci sorse una Casa d’Intolleranza. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct, usa il passato come un’arma per colpire il presente, pone veti e divieti, presenta come reati le opinioni difformi, grazie a leggi ad hoc dei suoi governi. Si serve delle truppe d’assalto dei media e delle forze corazzate dei magistrati, per mettere sotto scacco e fuori legge i suoi nemici Leggi il seguito…

    • Combattere il naturalismo politico nella Chiesa

      di Stefano Fontana. Il ripiegamento della Chiesa sul sociologismo indica che il naturalismo politico, condannato da tutti i Papi del Novecento, è entrato nella Chiesa stessa. Con gravi conseguenze anche per la Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • Legalizzazione prostituzione, Pro Vita & Famiglia: «Il corpo non si vende caro governatore Fontana»

      di Pro Vita & Famiglia. «Il corpo non si vende. La schiavitù e lo sfruttamento non possono diventare un business caro governatore della Regione Lombardia e non possiamo accettare che venga trasformata in lavoro la prostituzione» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia, in merito al sì del presidente della Lombardia Attilio Fontana alla legalizzazione della prostituzione durante la trasmissione radiofonica ‘La Zanzara’ di ieri Leggi il seguito…