Gli indigeni dell’America latina e il buon selvaggio

Il dibattito sugli indigeni dell’Amazzonia è assai interessante: c’è ancora qualcuno che crede nel mito del “buon selvaggio” che fu di Rousseau e Diderot. Un mito connesso con le utopie che lo precedettero e con le ideologie politiche immanentistiche successive: esiste da qualche parte, o esisterà, su questa terra, un ‘umanità naturalmente buona. Senza tendenze al male.


Io credo invece che l’ uomo perfettamente buono, qui su questa terra, non esista.
C’è un dogma, quello del peccato originale, che me lo insegna, e la storia conferma.
Gli indigeni dell’Amazzonia e delle civiltà pre-colombiane erano e sono un po ‘ buoni e un po’ cattivi, come gli europei che giunsero in America. Quest’ultimi, però, avevano avuto Cristo: per questo, conservando ogni umana tendenza al male, condannavano infanticidio, poligamia, sacrifici umani… tutte cose che invece caratterizzavano le società pre- colombiane!
Società che raggiungevano un livello di crudeltà incredibile, testimoniato oggi da innumerevoli fonti, soprattutto archeologiche (vedi per es.: http://www.nationalgeographic.it/…/i_resti_di_140_bambin…/1/ ; http://www.nationalgeographic.it/…/news/maya_oro_e_sangue-…/ ; http://www.nationalgeographic.it/…/f…/mummie_inca-1761412/1/ ).


Per esempio la tanto celebrata Madre Terra chiedeva di continuo sangue umano. Portava una collana con teschi umani, cuori e mani mozzate. Così molte altre dee dell’Olimpo azteco e maya.

Per questo la Virgen de Guadalupe, una Madonna india, attrasse in maniera incredibile gli indigeni. Era la madre misericordiosa di un Dio che non chiedeva sacrifici umani, ma che donava se stesso in sacrificio agli uomini.
Mi stupisce parecchio non sentir dire nulla, al sinodo pan amazzonico, nè sulla Madre Terra pagana, nè sulla Virgen morena.

Così addolora apprendere quanto scrive il vaticanista Sandro Magister: http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/…/anche-…/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Dopo elezioni, per i cattolici una strada dal basso

      di Stefano Fontana. Anche dopo le elezioni in Emilia Romagna, molti cattolici-che-intendono-distinguersi-dai-cattolici-democratici si chiedono cosa fare. Bisogna essere realisticamente scettici verso la politica da cui non è mai lecito attendersi troppo rispetto al poco che sa dare. Però non si può nemmeno abbandonarla a se stessa, dato che molti aspetti importanti della vita comunitaria passano ancora da lì, nonostante i limiti dei suoi protagonisti. Per tentare una risposta al “che fare?” bisogna da un lato dare una valutazione della recente vicenda elettorale emiliano-romagnola e dall’altro tornare ai fondamenti. Proviamo a farlo. Leggi il seguito…

    • Il naturalismo politico e la crisi del diritto in Matteo Liberatore

      di Silvio Brachetta. Questo ampio intervento di Silvio Brachetta si aggiunge a quelli di Stefano Fontana [leggi qui]e di Riccardo Zenobi [leggi qui], già pubblicati nel nostro sito. Continua così la nostra riflessione sulle conseguenze, anche attuali, del naturalismo politico. Leggi il seguito…

    • Il Pd è sempre più marginale e localistico, ma la destra ha bisogno di una nuova spinta liberale

      di Eugenio Capozzi. Per interpretare correttamente il significato delle elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria occorre subito sgombrare il campo da due letture assolutamente fuorvianti: dalla tesi, cioè, secondo cui il risultato  emiliano-romagnolo rappresenti una vittoria del Partito democratico, e da quella secondo cui esso sia una sconfitta personale di Salvini. Leggi il seguito…

    • Il Sistema ha retto ma l’Emilia Romagna ormai è “rosa”

      di Giuseppe Leonelli. La grande sfida in Emilia Romagna finisce con una vittoria inequivocabile e personale per Stefano Bonaccini. Perché degli otto punti di distacco che segnano il suo trionfo, con il 51,41%, sulla candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (ferma al 43,65%), ben 5 sono dovuti al suo valore aggiunto, dato sia dal voto disgiunto sia dai voti dati direttamente al governatore uscente. Leggi il seguito…