Dopo l’Umbria nel Pd (e nel Governo) è caos

di Giuseppe Leonelli.

Dopo la batosta in Umbria in casa Pd esplode l’ormai consueto tutti contro tutti. Il segretario nazionale Nicola Zingaretti ha infatti parlato di “scissioni e disimpegni” riferendosi a Matteo Renzi e a Carlo Calenda, accuse ovviamente rispedite al mittente dallo stesso Calenda che ha affermato come la “situazione sia grave”.  Goffredo Bettini dal canto suo ha detto che “o si cambia registro o saranno inevitabili le elezioni”. Del resto a sinistra vi è la consapevolezza di essere dilaniati dalle divisioni, ma questo non impedisce di continuare sulla stessa strada.

“Il centro destra è sostanzialmente unito, agguerrito, motivato, concorde sulle strade da intraprendere – ha detto Bettini -. Il nostro campo è invece bombardato dalla conflittualità, dalla competizione interna, dalla irresponsabilità di molti. A una destra unita serve contrapporre un centro sinistra unito. È difficile pensare che i primi risultati del governo nazionale ottenuti, possano essere compresi e valorizzati dai cittadini quando su tutto prevalgono le polemiche politiche”.

Già, il Governo, perché il punto politico è rappresentato proprio dalla tenuta dell’esecutivo di Conte. Da questo punto di vista ad attaccare l’alleato Pd ci pensa il Movimento 5 Stelle che, per bocca di Luigi Di Maio stesso, parla di esperienza fallimentare da non ripetere.

Per Di Maio in vista delle regionali in Emilia Romagna il M5s deve “azzerare un attimo le aspettative. Fare in modo di ritornare nello spirito originario per cui ci si presenta alle regionali non per vincere, ma per portare i cittadini nelle istituzioni”. A Skytg24 Di Maio conferma così che il M5s andrà probabilmente da solo in Emilia Romagna: “Domani ho un incontro con gli eletti dell’Emilia Romagna e con gli eletti della Calabria per definire il percorso. Ma la terza via il M5s la può creare fuori dai due poli, non entrando in uno dei due poli. Il patto civico in Umbria è servito come esperimento. Non funziona. Il M5s va meglio quando va da solo”.

Ufficialmente, a partire dal premier Giuseppe Conte, tutti nella maggioranza affermano che la disfatta in Umbria non inciderà sulla tenuta del Governo, ma al momento questo mantra appare più un modo per rassicurare se stessi piuttosto che una effettiva certezza.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…

    • “Make Italy great again”. Il centrodestra deve ricominciare da una visione comune del futuro

      di Eugenio Capozzi. Il centrodestra è riuscito a non vincere elezioni che pure ha sostanzialmente vinto. Ha guadagnato il governo di una regione, quasi sicuramente due, ha aumentato i consensi per le sue liste, ma ancora una volta non è riuscito nella “spallata” che cerca da un anno, e cioè nel tentativo di destabilizzare il governo Conte bis, pur fragile e diviso, e pur gravato dai risultati disastrosi della gestione dell’emergenza Covid. Leggi il seguito…

    • Così Meloni e Salvini hanno regalato la vittoria a Di Maio

      di Gennaro Malgieri. Di Maio e compagnia cantante hanno potuto ottenere questo strepitoso risultato referendario grazie a vassalli e valvassori di destra e di sinistra, spiega Gennaro Malgieri. E la destra, rappresentata da Lega e FdI, non si capisce che cosa abbia ottenuto posto che ha regalato agli avversari pentastellati più che una vittoria, la resurrezione Leggi il seguito…