Card. Sarah: la missione dei cristiani consiste nel vivere fedelmente e senza compromesso la fede che hanno ricevuto da Cristo

“Vi sono in Europa, al di là delle istituzioni che sembrano suicide e decadenti, anche veri e propri germi di rinnovamento (…) che mi fanno pensare ai cristiani che, alla fine dell’Impero Romano, vegliavano sulla fiamma vacillante della civiltà. Voglio dire loro: la vostra missione non consiste nel salvare un mondo che muore. La vostra missione consiste nel vivere fedelmente e senza compromesso la fede che avete ricevuto da Cristo.

Così, senza nemmeno rendervene conto, salverete l’eredità di tanti secoli di fede. Non abbiate paura del vostro numero esiguo! Non si tratta di vincere le elezioni o di influenzare le opinioni. Si tratta di vivere il Vangelo.

La fede è come un fuoco. Bisogna bruciare per primi per riuscire a trasmetterla. Vegliate su questo fuoco sacro! Sia il vostro calore nel cuore dell’inverno dell’Occidente. Quando un fuoco illumina la notte, a poco a poco gli uomini vi si radunano attorno. Questa deve essere la vostra esperienza”.

(Card. Robert Sarah, Si fa sera e il giorno ormai volge al declino, p. 252-253)

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…