Aprirsi alla vita per non perdere la speranza

I mezzi pubblici rimandano spesso uno spaccato interessante della società in cui siamo immersi; e spesso si tratta di un panorama così tristemente realistico da avere la tentazione di prenotare la fermata e dire: «Io scendo qui». Ma, tant’è, da cristiani siamo chiamati a vivere nel mondo, pur senza essere del mondo (Cfr. Gv 17,14).

Ebbene, qualche giorno fa ero sull’autobus con la mia bimba di nove mesi accoccolata nel marsupio. La sua presenza è servita da pretesto per dare avvio a una discussione tra due signori sulla settantina, un uomo e una donna, seduti poco distanti da noi; sintetizzando, i due si domandavano se abbia ancora senso mettere al mondo figli, alla luce della generalizzata deriva attuale e delle scarse prospettive che la nostra società pare avere da offrire nel presente e, soprattutto, nel prossimo futuro.

Tralasciando le conclusioni cui sono arrivati i due viaggiatori nell’arco temporale di pochi minuti, questa questione appare interessante perché è propria di tutti coloro che si trovano a chiedersi se sia attualmente il caso o meno di aprirsi alla vita, di mettere al mondo una nuova creatura. Analizzando la questione secondo una prospettiva laica, votata alla razionalità, la tentazione sarebbe quella di affermare che fare un figlio oggi è un gesto folle. Pur tralasciando in questa sede un discorso relativo alla gravosa implicazione personale dell’essere genitori, al narcisismo che domina i nuovi adulti e altre considerazioni di stampo neomalthusiano, la domanda discriminante suona più o meno così: che eredità si consegna ai piccoli neonati e a quale vita li si condanna? O, ancora: perché investire, in termini di “capitale umano”, in un futuro che di roseo ha poco o nulla? 

In ottica cattolica, tuttavia, la prospettiva si rovescia radicalmente: da figli di Dio, infatti, si ha la certezza di essere stati chiamati a vivere nel contesto migliore affinché si possa raggiungere l’obiettivo della vita, ossia la santità. Detto in altri termini: la vita presente e il mondo attuale sono insomma perfetti per noi, adesso; una consapevolezza, questa di “essere al posto giusto, nel momento giusto”, che restituisce a chi la fa propria il potere di agire in pienezza: di essere, dunque, generativi. La generatività, che non si limita al solo dato carnale, può essere intesa secondo diverse accezioni; tuttavia, appare interessante la sintesi proposta dal pedagogista Johnny Dotti, secondo il quale il termine si può declinare in quattro passaggi conseguenti l’uno all’altro, e tutti necessari: innanzitutto nel desiderio di “qualcuno” o di “qualcosa”, che scava dentro per farsi spazio e contemporaneamente apre all’amore; a seguire, nel mettere concretamente al mondo il soggetto, o l’oggetto, dei nostri desideri; in terza battuta, prendendosene cura; infine, un ultimo aspetto tanto importante quanto poco coltivato, nell’imparare a lasciare andare, a vincere la tentazione di possedere, che è il contrario dell’amare. 

Nell’affrontare questo argomento dell’apertura alla generatività, vi è inoltre un altro aspetto fondamentale, anch’esso attualmente molto in crisi, forse proprio in relazione alla carenza di bambini: la capacità di vivere nella speranza. La Speranza – che Charles Peguy ne Il portico del mistero della seconda virtù definiva «la virtù bambina», posta accanto alla Fede e alla Carità – è infatti la virtù che apre alla libertà di vivere e di agire da figli amati: invocando la misericordia sul proprio passato, certi del soccorso della Grazia nel tempo presente e fiduciosi nella Provvidenza per il futuro che sarà. La speranza, insomma, contraddistingue il modo di vivere dei cristiani, che infatti sono chiamati a essere sempre pronti a renderne ragione al mondo (Cfr. 1 Pt 3,15). 

Ecco quindi che la domanda da cui si è partiti va alla radice della nostra fede: fare figli ha ancora senso, oggi, perché il Signore è con noi. Il che non equivale a buttare al vento qualsivoglia ragionamento sulla paternità responsabile, oppure catapultarsi a occhi chiusi in un provvidenzialismo che di cattolico ha ben poco, bensì significa vivere nella certezza che Dio è più grande del nostro Io e che l’ultima parola spetta all’Amore, fonte prima di apertura verso il prossimo. 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…